Fda

Sindromi mielodisplastiche, ivosidenib approvato da Fda come prima terapia mirata

L'Fda ha concesso a ivosidenib di Servier un'ulteriore indicazione, consentendone l'uso in pazienti con sindromi mielodisplastiche recidivate o refrattarie portatori di una mutazione IDH1 sensibile.

L'Fda ha concesso a ivosidenib di Servier un'ulteriore indicazione, consentendone l'uso in pazienti con sindromi mielodisplastiche recidivate o refrattarie portatori di una mutazione IDH1 sensibile.

Si tratta della quinta indicazione approvata per il farmaco, che è anche autorizzato come trattamento per la leucemia mieloide acuta (AML) e il colangiocarcinoma. L'approvazione di martedì rende ivosidenib la prima e unica terapia mirata approvata per questa sottopopolazione molecolarmente definita di pazienti affetti da sindromi mielodisplastiche (SMD) recidivate o refrattarie (R/R).

Con l'approvazione di ivosidenib, martedì, la Fda ha dato il via libera anche al RealTime IDH1 Assay di Abbott Laboratories, che servirà come diagnostica di accompagnamento del farmaco per identificare i pazienti idonei al trattamento con ivosidenib.

Le SMD si riferiscono a un gruppo di tumori rari del sangue causati da mutazioni nelle cellule staminali ematopoietiche che impediscono loro di maturare in cellule sanguigne sane. Circa 60.000-170.000 pazienti negli Stati Uniti sono affetti da SMD, di cui circa il 3,6% è anche portatore della mutazione IDH1, secondo il comunicato stampa dell'FDA di martedì sull'approvazione di ivosidenib.

Il gene IDH1 codifica per l'enzima isocitrato deidrogenasi 1, che in condizioni di salute scinde l'isocitrato per produrre un composto chiamato α-chetoglutarato, importante per la produzione di energia.In presenza di mutazioni patologiche, l'enzima trasforma invece l'isocitrato in 2-idrossiglutarato (2-HG), un noto oncometabolita.

Ivosidenib è specificamente mirato e inibisce gli enzimi IDH1 mutati, portando a una riduzione complessiva della produzione di 2-HG. Il farmaco è stato approvato per la prima volta nel luglio 2018 per i pazienti affetti da AML R/R portatori della stessa mutazione IDH1 suscettibile.

L'approvazione di ivosidenib, avvenuta martedì, è stata supportata dai dati di uno studio di Fase I in aperto, che ha arruolato 18 pazienti con MDS R/R portatori di mutazioni IDH1. Il trattamento con il farmaco di Servier ha portato a un tasso di remissione completa del 38,9%, che si è verificato dopo una mediana di 1,9 mesi. Al momento del cutoff dei dati, la durata mediana della risposta completa non era ancora stata raggiunta.
Il tasso di risposta obiettiva nello studio è stato dell'83,3%, mentre la sopravvivenza globale mediana è stata di 35,7 mesi.

Dei nove pazienti che dipendevano da trasfusioni di globuli rossi o piastrine prima del trattamento, sei non ne hanno più avuto bisogno dopo aver ricevuto ivosidenib. Inoltre, il farmaco orale non ha mostrato nuovi segnali di sicurezza preoccupanti e gli eventi avversi documentati erano coerenti con quanto stabilito in precedenza.

L'etichetta di ivosidenib riporta un boxed warning per la sindrome da differenziazione nelle SMD e nella LAM, che può essere fatale.