Tumore al polmone, priority review Fda per crizotinib

Fda
La Food and Drug Administratio valuterà con procedura accelerata il dossier registrativo presentato da Pfizer per crizotinib, nuovo anticancro studiato per la terapia dei pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule (NSLC) e che presentano una particolare mutazione genetica. La procedura d'urgenza viene concessa solo ai farmaci considerati realmente innovativi e capaci di soddisfare bisogni terapeutici importanti. Anziché nei canonici 10-12 mesi, il dossier verrà esaminato in soli 6 mesi.

Il tumore al polmone non a piccole cellule (NSCL) e altri tipi di tumore che presentano la mutazione del gene ALK (chinasi del linfoma anaplastico).  Crizotinib, un inibitore di ALK attivo per via orale, in due studi pubblicati sul NEJM ha ridotto in modo significativo il volume tumorale in pazienti che presentano in questo tipo di mutazione. Il gene ALK dà origine a una proteina di fusione, chiamata EML4-ALK, che stimola la crescita tumorale. Crizotinib è uno dei farmaci più promettenti della pipeline di Pfizer, il cui successo potrà aiutare l’azienda a svilupparsi in oncologia.
SEZIONE DOWNLOAD