Tumore al seno metastatico HER2-positivo, Fda approva  tucatinib  con 4 mesi di anticipo

Fda

L'Fda  ha approvato il farmaco antitumorale tucatinib, in combinazione con trastuzumab e capecitabina, per pazienti adulti con cancro al seno non resecabile avanzato o metastatico HER2-positivo, compresi quelli con metastasi cerebrali, che hanno ricevuto almeno un precedente regime basato su anti-HER2 in ambiente metastatico. 

L’Fda  ha approvato il farmaco antitumorale tucatinib, in combinazione con trastuzumab e capecitabina, per pazienti adulti con cancro al seno non resecabile avanzato o metastatico HER2-positivo, compresi quelli con metastasi cerebrali, che hanno ricevuto almeno un precedente regime basato su anti-HER2 in ambiente metastatico.

Tucatinib è un inibitore della tirosina chinasi (Tki), una piccola molecola biodisponibile per via orale, altamente selettiva per una proteina chiamata recettore di tipo 2 del fattore di crescita epidermico umano (Her2), che promuove la crescita delle cellule tumorali. Her2 è sovraespresso in diversi tumori, compresi i tumori del seno, del colon-retto e gastrici. Tra il 15% e il 20% dei casi di cancro al seno in tutto il mondo sono Her2-positivi. Oltre il 25% delle donne con carcinoma mammario metastatico Her2-positivo svilupperà metastasi cerebrali.

"Riconosciamo che i pazienti con il cancro costituiscono una popolazione vulnerabile a rischio di contrarre la malattia coronavirus", ha detto Richard Pazdur, direttore dell'Oncology Center of Excellence dell'Fda. "In questo momento critico, rimaniamo fermi nel nostro impegno verso i pazienti affetti da cancro e facciamo tutto il possibile per accelerare lo sviluppo di prodotti oncologici". Tucatinib è stato approvato quattro mesi prima della data obiettivo della Fda, fornendo un esempio di questo impegno e mostrando come il nostro regolare lavoro di revisione dei trattamenti per i pazienti affetti da cancro stia procedendo senza ritardi".

Secondo l'Fda, l'inibitore della tirosina chinasi attivo per via orale è il primo nuovo farmaco approvato nell'ambito dell'iniziativa internazionale Project Orbis, e l'autorità di regolamentazione statunitense ha rilevato di aver collaborato a questa revisione con le sue controparti in Australia, Canada, Singapore e Svizzera.

L’approvazione Fda è stata supportata dai dati dello studio HER2CLIMB un trial controllato con placebo, che ha arruolato 612 pazienti con tumore al seno non resecabile localmente avanzato o metastatico HER2-positivo che avevano precedentemente ricevuto, separatamente o in combinazione, trastuzumab, pertuzumab e ado-trastuzumab emtansina. Il 48% dei pazienti nello studio aveva anche una presenza o una storia di metastasi cerebrali.

La principale misura di efficacia è stata la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nei primi 480 pazienti randomizzati. Ulteriori obiettivi di efficacia valutati in tutti i pazienti randomizzati comprendevano la sopravvivenza globale, la PFS nei pazienti con anamnesi o presenza di metastasi cerebrali e il tasso di risposta oggettiva confermata (ORR).

I risultati, pubblicati nel NEJM e presentati lo scorso dicembre al Simposio sul cancro al seno di San Antonio (SABCS) , hanno dimostrato che la combinazione di tucatinib più trastuzumab e capecitabina ha portato a una riduzione del 46% del rischio di progressione del cancro o di morte, rispetto a trastuzumab e capecitabina da soli, mentre il rischio di decesso è stato ridotto del 34%.

Inoltre, quasi il doppio dei pazienti che hanno ricevuto il trattamento combinato tucatinib ha avuto un ORR confermato, rispetto a trastuzumab e capecitabina da solo, a tassi del 40,6% e 22,8%, rispettivamente. Inoltre, in un sottogruppo di pazienti con metastasi cerebrali, l'aggiunta di Tukysa ha ridotto il rischio di progressione del cancro o di morte del 52% rispetto al solo trastuzumab più capecitabina.

Gravi reazioni avverse si sono verificate nel 26% dei pazienti che hanno ricevuto tucatinib, con diarrea, eritrodisestesia palmare-plantarica, nausea, stanchezza, epatotossicità, vomito e dolore addominale tra i più comuni.

SEZIONE DOWNLOAD