Fda

Tumore della mammella HER2 low, l'Fda approva il coniugato anticorpo-farmaco trastuzumab-deruxtecan

L'Fda ha approvato coniugato anticorpo-farmaco trastuzumab-deruxtecan, un'infusione endovenosa per il trattamento di pazienti con carcinoma mammario HER2-low non resecabile o metastatico. Si tratta della prima terapia approvata per le pazienti con il sottotipo di tumore al seno HER2-low, un sottogruppo recentemente definito di tumore al seno HER2-negativo.

L’Fda ha approvato coniugato anticorpo-farmaco trastuzumab-deruxtecan, un'infusione endovenosa per il trattamento di pazienti con carcinoma mammario HER2-low non resecabile o metastatico. Si tratta della prima terapia approvata per le pazienti con il sottotipo di tumore al seno HER2-low, un sottogruppo recentemente definito di tumore al seno HER2-negativo.

La decisione arriva con quattro mesi di anticipo rispetto ai tempi previsti. L'agenzia americana ha inoltre concesso al coniugato anticorpo-farmaco mirato all'HER2 un ampio spettro di utilizzo.

Le pazienti con carcinoma mammario a basso contenuto di HER2 potranno ricevere il farmaco dopo una sola precedente chemioterapia in fase metastatica, o se il loro tumore è tornato rapidamente nei sei mesi successivi alla chemioterapia adiuvante post-chirurgica in fase non metastatica. Non è richiesto lo stato del recettore ormonale (HR), il che significa che sia le pazienti con tumore al seno HR-positivo che quelle con tumore triplo negativo possono essere eleggibili per il farmaco.

Attualmente, i tumori con un punteggio immunoistochimico (IHC) di HER2 di almeno 3, o un punteggio di 2 accompagnato da un test di ibridazione in situ (ISH) positivo, sono definiti HER2-positivi. HER2-basso comprende i pazienti con IHC 1+ o IHC 2+ con un punteggio ISH negativo. Prima di Enhertu, questi pazienti non erano idonei a ricevere terapie mirate a HER2, ma ricevevano per lo più una terapia endocrina se avevano una malattia HR-positiva o la chemioterapia negli altri casi.

Si stima che nel 2022 negli Stati Uniti saranno diagnosticati 287.850 nuovi casi di tumore al seno femminile. Circa l'80-85% di questi nuovi casi era precedentemente considerato sottotipo HER2-negativo (compresi i tumori al seno positivi ai recettori ormonali e tripli negativi), il che significa che i tumori non sovraesprimono o producono troppe copie della proteina HER2. Di questa percentuale di diagnosi di tumore al seno, circa il 60% delle pazienti precedentemente classificate come sottotipo HER2-negativo può ora essere considerato HER2-low. Prima dell'approvazione odierna, le pazienti con HER2-low ricevevano una terapia endocrina o la chemioterapia.

"L'approvazione di oggi sottolinea l'impegno della FDA a essere all'avanguardia nei progressi scientifici, rendendo disponibili opzioni terapeutiche mirate per un maggior numero di pazienti", ha dichiarato Richard Pazdur, direttore del Centro di eccellenza per l'oncologia della FDA e direttore facente funzione dell'Ufficio per le malattie oncologiche del Centro per la valutazione e la ricerca sui farmaci della FDA. "Disporre di terapie specificamente adattate al sottotipo di cancro di ciascun paziente è una priorità per garantire l'accesso a trattamenti sicuri e innovativi".

I recettori HER2, proteine prodotte dal gene HER2, sono importanti per determinare il trattamento di un paziente. HER2-negativo comprende i tumori al seno positivi ai recettori ormonali e tripli negativi. HER2-low è una nuova classificazione del sottotipo HER2. Descrive un nuovo sottotipo di cancro al seno che presenta alcune proteine HER2 sulla superficie cellulare, ma non abbastanza per essere classificato come HER2-positivo.

Le pazienti con carcinoma mammario a basso contenuto di HER2 sono eleggibili per trastuzumab-deruxteca se hanno ricevuto una precedente chemioterapia in ambito metastatico o se il loro tumore si è ripresentato durante la chemioterapia adiuvante o entro 6 mesi dal suo completamento.

Lo studo che ha cambiato il paradigma di cura
L'approvazione si basa su DESTINY-Breast04, uno studio clinico randomizzato, multicentrico, in aperto, che ha arruolato 557 pazienti adulte con carcinoma mammario HER2-low non resecabile o metastatico. Lo studio comprendeva due coorti: 494 pazienti positive al recettore ormonale (HR+) e 63 pazienti negative al recettore ormonale (HR-). Di queste pazienti, 373 hanno ricevuto casualmente trastuzumab-deruxteca per infusione endovenosa ogni tre settimane e 184 hanno ricevuto casualmente una chemioterapia a scelta del medico (eribulina, capecitabina, gemcitabina, nab paclitaxel o paclitaxel).

I risultati hanno mostrato un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione e della sopravvivenza globale nelle persone con carcinoma mammario HER2-low non resecabile o metastatico.

L'età mediana dei partecipanti allo studio era di 57 anni, con un range compreso tra 28 e 81 anni. Tra i 557 pazienti, il 24% aveva 65 anni o più. Il 99,6% della popolazione dello studio era costituito da donne. La razza dei partecipanti allo studio è stata riportata come 48% di bianchi, 40% di asiatici, 2% di neri o afroamericani e 3,8% di ispanici/latini.

Le reazioni avverse più comuni nei pazienti che hanno ricevuto trastuzumab-deruxteca in DESTINY-Breast04 sono nausea, affaticamento, alopecia, vomito, costipazione, diminuzione dell'appetito, dolore muscoloscheletrico e diarrea. Le informazioni sulla prescrizione includono un boxed warning per informare gli operatori sanitari del rischio di malattia polmonare interstiziale e di tossicità embrio-fetale. Il farmaco non è raccomandato per le donne in gravidanza.