Gastroenterologia

VIDEO

Malattie infiammatorie croniche intestinali, epidemiologia e novità nella gestione


Insufficienza intestinale e sindrome dell'intestino corto, come gestirle


Diagnosi di malattie infiammatorie croniche intestinali, l'importanza dell'istopatologia


La gestione manifestazioni extraintestinali delle malattie infiammatorie croniche intestinali


Gestione dei pazienti pediatrici con colite ulcerosa


Colite ulcerosa steroido-resistente e steroido-dipendente, quale trattamento?


Colite ulcerosa, trattamento chirurgico oggi


I ruoli dell'infermiere nell'assistenza al paziente con malattie infiammatorie croniche intestinali


Fegato danneggiato cronicamente, il futuro è la medicina rigenerativa


Colangite sclerosante primitiva, cos'è e quali terapie abbiamo a disposizione


Epatite acuta alcolica, studio pilota italiano identifica i criteri per il trapianto di fegato


Glecaprevir/pibrentasvir, efficace in 8 settimane anche in pazienti con insufficienza renale grave


Coagulazione nei pazienti con HCV, arrivano le prime lineeguida europee


Epatite C, migliore qualità di vita con glecaprevir/pibrentavir


Steatoepatite non alcolica, combinazioni di farmaci per combattere questo nuovo nemico


Terapie brevi per l'HCV: vantaggi per medico e paziente


Inquinamento ambientale e malattie epatiche autoimmuni, quale collegamento?


Sconfiggere l'HCV, efficacia pangenotipica e panfibrotica di sofosbuvir/velpatasvir nella real life


Epatite C, i piani della regione Veneto per aumentare le diagnosi di epatite C


Epatite Delta, si inizia a parlare di terapia


Consumo di alcol e salute epatica, esiste una soglia da non superare?


Tumori primitivi del fegato, è necessario trovare marker di esposizione ai tossici ambientali


ARTICOLI

Appendicectomia e insorgenza del Parkinson, c’è un collegamento?

I pazienti sottoposti ad appendicectomia hanno mostrato un rischio maggiore di sviluppare la malattia di Parkinson. E’ quanto emerge dai dati presentati alla Digestive Disease Week (DDW2019) a San Diego.

Terapia immunosoppressiva combinata, si o no nei pazienti anziani con Crohn?

I pazienti più anziani con malattia infiammatoria cronica intestinale, in particolar modo malattia di Crohn, con controllo subottimale della malattia dovrebbero essere considerati per il trattamento con terapia immunosoppressiva combinata precoce. E’[...]

Crohn lieve-moderato, modifiche nella dieta come prima linea di intervento nei bambini

La dieta di esclusione sembra una terapia di prima linea efficace e ben tollerata in bambini con malattia di Crohn lieve-moderata. E' quanto evidenziano i dati presentati alla Digestive Disease Week in corso a San Diego.

Obesità e diverticolosi, sono associate ma solo nelle donne

Le donne obese sono ad aumentato rischio di sviluppare diverticolosi. In questo collegamento avrebbero un ruolo importante anche gli ormoni. E' quanto mostrato da una ricerca pubblicata su Clinical Gastroenterology and Hepatology.

Fibrosi nella malattia del fegato grasso, l'aspirina potrebbe rallentare la progressione

I risultati di uno studio prospettico su pazienti con steatosi epatica non alcolica (malattia del fegato grasso, NAFLD), accertata attraverso biopsia, hanno mostrato che l'uso quotidiano di aspirina è correlato a caratteristiche istologiche meno grav[...]

Malattie infiammatorie croniche intestinali, a Pisa un percorso multidisciplinare al servizio dei pazienti

Nelle gestione dei pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali è importante un approccio multidisciplinare. Per questo motivo presso dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana (AOUP) è stata istituita una "IBD unit" che coinvolge nume[...]

Malattie infiammatorie croniche intestinali, aumento delle ospedalizzazioni per Herpes zoster

I pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD) hanno tassi di ospedalizzazione più elevati per il virus dell'herpes zoster rispetto ad altre persone senza IBD. E' quanto emerge dai risultati di uno studio pubblicato su Inflammatory B[...]

Piattaforma PITER, le terapie contro l'HCV sono efficaci anche nei pazienti con crioglobulinemia mista

Nei pazienti con crioglobulinemia mista e infezione da virus dell'epatite C, il trattamento di quest'ultima con farmaci antivirali ad azione diretta (chiamati DAA) è risultata efficace e sicuro. Sono i dati che emergono dalla piattaforma PITER (Piatt[...]

Trapianto di microbiota fecale, efficace e sicuro contro il Clostridium difficile anche nei bambini

E' da tempo appurato che il trapianto di microbiota fecale (FMT) è efficace nel trattamento dell'infezione da Clostridium difficile. Uno studio pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology ha evidenziato che tale terapia è efficace e sicura[...]

IBD, un punteggio per identificare i pazienti più a rischio di tromboembolismo venoso

Un gruppo di ricercatori canadesi ha sviluppato un punteggio di rischio che può aiutare a identificare quali pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale necessitano di protezione estesa contro il tromboembolismo venoso (TEV) dopo il ricov[...]

Cosa fare con le recidive da Clostridium difficile? Lo abbiamo chiesto al prof. Petrosillo

Una volta avuta un'infezione primaria da Clostridium difficile (CD), purtroppo la probabilità di incorrere in una recidiva è piuttosto elevata, in particolar modo nei soggetti più fragili. Se fino a poco fa per fare prevenzione si ricorreva soprattut[...]

Epatite C: con glecaprevir/pibrentasvir bastano per 8 settimane nei pazienti naive senza cirrosi o con cirrosi compensata

L'associazione di due farmaci antivirali ad azione diretta, glecaprevir e pibrentasvir, somministrata per sole 8 settimane, è estremamente efficace e ben tollerata nei pazienti naive al trattamento con epatite da virus C (genotipi 1, 2, 4-6), indipen[...]

Malattia epatica correlata all’alcol in aumento, la diagnosi precoce può essere la chiave #EASL2019

Secondo un ampio studio canadese basato sulla popolazione presentato al congresso della European Association For The Study Of The Liver (EASL) 2019 di Vienna, in Austria, la prevalenza della cirrosi epatica legata al consumo di alcol è in aumento, in[...]

Malattie infiammatorie croniche intestinali, a Cagliari specialisti e pazienti uniti per sensibilizzare l'opinione pubblica

Convivere con la Malattia di Crohn e con la Colite Ulcerosa è possibile, anche senza rinunciare ai propri sogni. E' questo il messaggio che viene fuori da un importante appuntamento "Sport, dieta e psiche, trinomio vincente nella sfida alle MICI”, te[...]

Epatite B, la cura funzionale verrà dall'RNA interference? Dati interessanti da EASL 2019

Quella dell'RNA interference è una tecnologia in ampia crescita nello sviluppo di farmaci per varie patologie, anche per l'infezione da epatite B. Sono stati infatti presentati all'International Liver Congress 2019, il meeting annuale dell'EASL (Euro[...]

Selonsertib fallisce nello studio STELLAR 3. Per la NASH, Gilead punta sulle associazioni

Dopo i dati non entusiasmanti annunciati due mesi fa su selonsertib e derivanti dallo studio STELLAR-4, sono stati resi noti ieri dei nuovi dati del trial di fase 3, STELLAR 3, che ha valutato la sicurezza e l'efficacia di selonsertib per i pazienti [...]

Epatite C, con elbasvir/grazoprevir guarigione anche per i pazienti in politerapia. I dati dalla coorte PITER. #EASL2019

La combinazione di antivirali ad azione diretta, elbasvir/grazoprevir, oltre ad essere efficace e sicuro nei pazienti con epatite C cronica, non interagisce con farmaci concomitanti utilizzati dai pazienti per comorbidità. E' quanto emerge da un'anal[...]

Epatite B cronica, switch da tenofovir fumarato a tenofovir alafenamide. Stessa efficacia ma più sicuro su ossa e reni #EASL2019

I pazienti con epatite B cronica e soppressione virologica in trattamento con tenofovir disoproxil fumarato che sono passati alla terapia con tenofovir alafenamide, hanno ottenuto un’efficacia a 48 settimane non inferiore e hanno beneficiato di meno [...]

HCV, glecaprevir/pibrentasvir mette il virus al tappeto. I dati da un'ampio studio real world #EASL2019

Le evidenze che emergono dalla pratica clinica reale sull'uso della combinazione di glecaprevir/pibrentasvir nel trattamento di pazienti adulti con epatite C di genotipo 1-6 hanno confermato gli alti tassi di risposta virologica sostenuta alla settim[...]

Epatite C in Italia: 180 mila pazienti già trattati. Eradicazione un obiettivo perseguibile

Il carcere si conferma un concentratore di patologie: dalle malattie psichiatriche all'HIV, dal diabete all'HCV, senza dimenticare neoplasie e malattie cardiovascolari. Questi primi dati preliminari sembrano indicare una riduzione dei pazienti viremi[...]