Gastroenterologia

VIDEO

Che cos'è la sindrome dell'intestino corto?


Sindrome intestino corto: principali criticità e progetto Atlas per favorire uniformità cure


Sindrome intestino corto in età pediatrica: cos'è, come riconoscerla e possibilità di cura


Sindrome intestino corto: come si cura e novità terapeutiche


Pazienti con intestino corto: conosciamo da vicino l'associazione "Un filo perla vita"


Intestino corto: al via il progetto europeo Atlas per accesso e uniformità delle cure


HCV: come identificare e trattare i pazienti più difficili?


Trattamento dell'epatite C, importanza delle caratteristiche del paziente e del genotipo virale


HCV: efficacia, sicurezza e vantaggi delle "short therapy"


Cellule staminali, impatto sulla qualità di vita del paziente con malattie infiammatorie croniche intestinali


Cellule staminali mesenchimali, innovazione nel campo delle malattie infiammatorie croniche intestinali


Fistole perianali nella malattia di Crohn, come gestirle?


Malattia di Crohn, quando usare vedolizumab


Studi real life, importanza nel campo delle malattie infiammatorie croniche intestinali


Parametri endoscopici e loro interpretazione nella valutazione degli studi clinici per Crohn e colite ulcerosa


Efficacia di adalimumab nella colite ulcerosa, i dati da un’analisi IG-IBD


Quanto si vaccinano i pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali? I dati da un'indagine IG-IBD


Campanelli di allarme nelle malattie infiammatorie croniche intestinali


Etrolizumab, efficacia della doppia inibizione delle integrine


Epatite C nella real life, ottimi risultati con glecaprevir/pibrentasvir


Le short therapy per l’HCV, per quali pazienti?


Epatite C, adesso si può trattare in fretta e bene: Chi sa di avere il virus non aspetti


ARTICOLI

Malattie infiammatorie croniche intestinali, più aggressive nel bambino rispetto all'adulto

I risultati dello studio Carousel da poco pubblicato su Alaskacology and Therapeutics rivelano che le malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD) si manifesterebbero in maniera più aggressiva nel bambino rispetto all'adulto. I ricercatori sono [...]

H. pylori potrebbe proteggere dall’esofagite eosinofila

L'esposizione al batterio Helicobacter pylori potrebbe essere protettiva contro lo sviluppo di esofagite eosinofila (EoE). E’ quanto emerge da una meta-analisi pubblicata su Clinical Gastroenterology and Hepatology.

2019, l'anno della NASH

In tema di malattie epatiche, dopo i successi raggiunti nella cura delll'epatite C, oggi l'argomento più discusso e su cui si sta investendo maggiormente è la NASH, la steatoepatite non alcolica. Considerando che il fegato grasso riguarda circa 30 mi[...]

Fibre e cereali integrali, ecco come proteggere la nostra salute. Studio su Lancet

Le persone che assumono cibi contenenti alti livelli di fibre alimentari e cereali integrali hanno tassi più bassi di sviluppare malattie non trasmissibili (diabete, ictus, cancro del colon retto e malattia coronarica) rispetto c coloro che ne assumo[...]

Celiachia nei bambini, diagnosticare la malattia potrebbe diventare più semplice

Un test non invasivo può diagnosticare con precisione la malattia celiaca in alcuni pazienti e potrebbe portare ad una riduzione della necessità di test diagnostici endoscopici nella popolazione. E' quanto evidenziato da un lavoro pubblicato sulla ri[...]

Malattia infiammatoria cronica intestinale, utili anche gli antidepressivi

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Inflammatory Bowel Diseases, gli antidepressivi potrebbero essere una terapia benefica per i pazienti con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD) non solo per i sintomi legati ad ansia e depression[...]

Epatite C, terapia a base di sofosbuvir efficace anche nei pazienti oncologici

La terapia a base di sofosbuvir è risultata sicura ed efficace con sole 8 settimane di trattamento per i pazienti con epatite C e cancro. E quanto mostrato da uno studio pubblicato sulla rivista American Journal of Gastroenterology in cui gli autori [...]

Trapianto di microbiota, nel prossimo futuro nuova terapia per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali?

Negli ultimi anni è emersa la stretta correlazione tra la composizione della microflora intestinale e il diffondersi delle malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI). Diversi studi in tutto il mondo hanno dimostrato come pazienti affetti da M[...]

Helicobacter pylori, efficacia in fase 3 della combinazione a dose fissa di rifabutina e amoxicillina

La combinazione a dose fissa di rifabutina e amoxicillina, una nuova associazione a dose fissa di due antibiotici per il trattamento dell' Helicobacter pylori, ha ottenuto risultati positivi in uno studio di fase 3. E' quanto annunciato in un comunic[...]

Malattia di Crohn, biosimilare di infliximab efficace e sicuro quanto l'originator

Il biosimilare di infliximab, CT-P13, ha dimostrato l'equivalenza in termini di sicurezza ed efficacia per il trattamento della malattia di Crohn. Questo è quanto mostrato in un lavoro pubblicato su Annals of Internal Medicine.

Colangite biliare primitiva, elafibranor centra gli endpoint di fase 2

Elafibranor ha raggiunto il suo endpoint primario di fase 2 di riduzione della fosfatasi alcalina dopo 12 settimane di trattamento in pazienti con colangite biliare primitiva, secondo un comunicato stampa dell'azienda Genfit che si occupa dello svilu[...]

Ulcera da stress gastrointestinale, pantoprazolo sicuro quanto il placebo. Studio sul NEJM

I pazienti in trattamento con pantoprazolo per sanguinamento gastrointestinale da ulcera peptica hanno la stessa probabilità di andare incontro a decesso e a eventi clinicamente importanti rispetto a pazienti che hanno assunto il placebo. E' quanto m[...]

Biosimilari per Crohn e colite ulcerosa, i pazienti ne sanno poco. Serve una campagna informativa nazionale

A fotografare lo stato dell'arte sull'esistenza e l'utilizzo dei farmaci biosimilari è una ricerca messa a punto dall'Associazione dei pazienti malattie infiammatorie Croniche Intestinali A.M.I.C.I. in collaborazione con l'Italian Group for the study[...]

Malattie infiammatorie croniche intestinali, in arrivo nuovi farmaci per i casi resistenti

La ricerca farmaceutica nell'ambito delle malattie infiammatorie croniche intestinali è molto attiva, e nuovi farmaci biologici sono attualmente in corso di sperimentazione clinica per la malattia di Crohn e per la rettocolite ulcerosa. Se ne è parla[...]

HCV, curare tutti i pazienti e far emergere il sommerso

Nonostante le terapie di ultima generazione siano disponibili già da tempo per tutti i pazienti, l'eliminazione dell'infezione resta un problema. Per discutere delle problematiche che ci dividono dal raggiungimento di questo traguardo, si è tenuto ie[...]

Crohn e colite ulcerosa in aumento anche per i più piccoli. A Firenze congresso nazionale

L'incidenza delle malattie infiammatorie croniche dell'intestino (IBD, inflammatory bowel disease) è in netto aumento. Se ne parlerà da giovedì 29 novembre sino all'1 dicembre a Firenze, presso il Convitto della Calza, il IX Congresso Nazionale IG-IB[...]

Probiotici, inefficaci nella gastroenterite. I dati dal New England Journal of Medicine

Dolori addominali, nausea, diarrea sono questi i sintomi che accompagnano la gastroenterite, problematica infettiva molto frequente nei bambini in età scolare. Cosa fare? Oltre ai consigli basilari di bere molto, evitare cibi poco digeribili o lattic[...]

Colite ulcerosa, sicuro il passaggio dal 5-ASA agli anti-TNF

I pazienti con colite ulcerosa che interrompono la terapia con 5-aminosalicilato una volta che iniziano la terapia anti-TNF non appaiono ad alto rischio di eventi clinici avversi, secondo una ricerca pubblicata su Gut.

Steatoepatite non alcolica, quali sono le molecole più promettenti? Il punto dopo il congresso dell'AASLD

Diverse aziende stanno lavorando per trovare una terapia efficace per i pazienti con steatoepatite non alcolica. C'è chi è più avanti in questa ricerca con farmaci che stanno per iniziare la fase clinica III e chi è ancora all'inizio con risultati an[...]

Malattia epatica cronica, attenzione al rischio di danni al fegato indotti dai farmaci #AASLD2018

I pazienti che soffrono di alcune malattie croniche del fegato possono essere particolarmente suscettibili al danno epatico indotto dai farmaci, e l'industria farmaceutica dovrebbe tenerne conto durante lo sviluppo dei medicinali. Sono le conclusioni[...]