Gastroenterologia

VIDEO

Malattia di Crohn e colite ulcerosa: le sfide della società scientifica IG-IBD


Terapie avanzate, quali sono le sfide che ricercatori e medici devono affrontare?


Fistole perianali complesse nel Crohn, ai primi due italiani una nuova cura con cellule staminali


Darvadstrocel, una nuova cura per le fistole perianali complesse nella malattia di Crohn


Malattie gastrointestinali, l'impegno di Takeda dura da oltre 30 anni


I bisogni insoddisfatti dei pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali


Gastroenterologia, quali sono i principali filoni di ricerca?


Patologie infiammatorie croniche intestinali: gestione secondo il Piano Nazionale della Cronicità


Epatite C, servono percorsi adatti per curare i pazienti


Farmaci per l'epatite C, diversi ma tutti importanti per eliminare il virus


Epatite C, cosa manca per eradicare questa infezione


Eradicazione dell' epatite C, come usare i trattamenti che abbiamo


Eliminare l'epatite C, l'impegno di AISF dalla ricerca alla clinica


Eliminare l'HCV, i risparmi per il Sistema Sanitario Nazionale


Diagnosi e trattamento dell' epatite C, uno spot sulla RAI per divulgare l'informazione


Epatite C , i progetti di un gruppo di SerD napoletani


Epatite C, buone pratiche per raggiungere e curare il sommerso


Microeliminazione dell'epatite C, i progetti della Asl Napoli 1


Colangite biliare primitiva, efficacia dell'acido obeticolico dalla real life italiana


Caserta regione senza la "C", i progetti di microeliminazione dell' HCV


Vivere con la colangite biliare primitiva, identikit di una malattia rara epatica autoimmune


Colangite biliare primitiva, è possibile anticipare la diagnosi?


ARTICOLI

Esofagite eosinofila, riattivazione della malattia dopo interruzione dei farmaci

I risultati di uno studio randomizzato controllato, pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology, evidenziano che dopo una risposta istologica iniziale alla terapia di induzione, l'esofagite eosinofila si ripresenta rapidamente nei pazienti[...]

Infezione da C. difficile nei bambini, incoraggianti risultati dal trapianto di microbiota fecale 

I bambini sottoposti a trapianto di microbiota fecale, FMT, vanno incontro a una significativa riduzione dell'infezione ricorrente da Clostridioes difficile e a una diminuzione della prevalenza dei geni di resistenza antimicrobica nel loro microbiota[...]

Grasso epatico, mortalità aumentata nei pazienti coinfetti HCV/HIV

La malattia del fegato grasso avanzata è un fattore di rischio indipendente di mortalità per tutte le cause in pazienti con infezione da epatite C e HIV, indipendentemente dalla fibrosi epatica o dalla risposta virologica sostenuta alla terapia dell'[...]

Vino rosso, un consumo moderato migliora la diversità microbica intestinale

Il consumo moderato di vino rosso ha contribuito a promuovere una migliore diversità all'interno del microbioma intestinale, il che potrebbe contribuire ai numerosi benefici per la salute. E' quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato su[...]

Fegato grasso e pre-diabete, sempre più stretto il collegamento anche in bambini e adolescenti

Una ridotta tolleranza al glucosio, in particolare quella che si verifica nel prediabete, sembra essere molto diffusa in bambini e adolescenti con la forma avanzata di malattia del fegato grasso, cioè la steatoepatite non alcolica. E' quanto evidenzi[...]

Malattia epatica autoimmune, migliore salute delle ossa grazie a denosumab

Il trattamento a lungo termine con denosumab ha aumentato la densità minerale ossea senza effetti avversi nei pazienti con malattia epatica autoimmune, in particolare in quelli con colangite biliare primitiva. E' quanto evidenziano i dati di uno stud[...]

Eliminare l'HCV riduce anche diabete, malattia renale e rischio di infarto

La risposta virologica sostenuta raggiunta a seguito del trattamento dell'epatite C è correlata con un rischio ridotto di diverse manifestazioni extraepatiche tra cui diabete di tipo 2, malattie renali croniche e disturbi dell'umore e dell'ansia. E' [...]

Utilizzo di inibitori della pompa protonica e sviluppo di colangite, c'è un collegamento?

Un recente studio pubblicato su Alimentary Pharmacology and Therapeutics ha evidenziato che l'utilizzo di inibitori della pompa protonica potrebbe essere collegato a un rischio più elevato di sviluppare colangite.

Malattie epatiche autoimmuni, i principali progressi degli ultimi mesi

Le patologie epatiche autoimmuni comprendono colangite biliare primitiva, colangite sclerosante primitiva, porfiria epatica acuta e malattie pediatriche come atresia biliare e colestasi intraepatica familiare progressiva (PFIC). I ricercatori continu[...]

Sindrome da chilomicronemia familiare, volanesorsen riduce i trigliceridi del 77%. Studio sul NEJM

Volanesorsen, un farmaco oligonucleotidico antisenso approvato da poco a livello europeo, ha ridotto i trigliceridi a meno di 750 mg/dL nel 77% dei pazienti con sindrome di chilomicronemia familiare. E' quanto emerge dallo studio APPROACH appena pubb[...]

Trattamento dell’epatite C, è ancora importante determinare il genotipo virale?

Genotipizzare o iniziare il trattamento senza la determinazione del genotipo virale? Questa domanda, per quanto riguarda il trattamento di pazienti infetti da virus dell’epatite C, se la sono posta e se la continuano a porre epatologi ed infettivolog[...]

Eliminazione dell'epatite C, al via sulla RAI uno spot di sensibilizzazione

In occasione della Giornata Mondiale delle Epatiti che cade il 28 luglio, istituzioni, specialisti, economisti, servizio pubblico, mondo dell'impresa, insieme per una conferenza stampa di lancio della Campagna Sociale per l'eliminazione dell'Epatite [...]

Idrosadenite suppurativa e malattie infiammatorie croniche intestinali, c’è un collegamento?

I pazienti con idrosadenite suppurativa sono a rischio relativamente elevato di malattia infiammatoria cronica intestinale, come suggeriscono i risultati di una recente meta-analisi pubblicata su JAMA Dermatology.

Malattie infiammatorie croniche intestinali nelle donne, da cosa dipende l'abbandono della terapia?

Uno studio pubblicato su Alimentary Pharmacology and Therapeutics ha evidenziato che tassi più elevati di effetti collaterali portano a un più facile abbandono della terapia farmacologica a base di farmaci anti-TNF tra le donne con malattia infiammat[...]

Malattia di Crohn, con vedolizumab guarigione della mucosa a 360°

Uno studio pubblicato su Gastroenterology mostra l'efficacia di vedolizumab nella remissione endoscopica, istologica e radiologica in pazienti con la malattia di Crohn, specialmente se naive ai biologici. Lo studio internazionale vede come primo auto[...]

HCV in soggetti che si iniettano droghe, la strategia da adottare viene da un progetto dell’area di Salerno

Le persone che usano droghe iniettive (PWID) hanno un'alta prevalenza di HCV, sono un vero e proprio serbatoio di infezione e per tale motivo sono una popolazione target per l'eliminazione dell'HCV. In tutto il mondo scarseggiano programmi sistematic[...]

Epatite E, da cosa dipende lo sviluppo di focolai?

Uno studio pubblicato su Nature ha evidenziato che i fattori chiave che influenzano l’insorgenza di focolai di epatite E sono la densità della popolazione e il bilancio idrico.

Ulcera gastroduodenale idiopatica ricorrente, quale farmaco utilizzare?

Lansoprazolo e famotidina hanno effetti comparabili nella prevenzione del sanguinamento da ulcera gastroduodenale idiopatica ricorrente. E’ quanto emerge da uno studio clinico randomizzato della durata di due anni pubblicato su Gut.

Celiachia, la carenza di vitamine può essere l'unico segno di malattia

Uno studio della Mayo Clinic di Rochester in Minnesota ha evidenziato che carenze in micronutrienti come zinco, rame e vitamina B12 sono comuni nei pazienti con malattia celiaca. Questo dato deve mettere in allerta i medici sulla possibilità di diffe[...]

Proctite ulcerosa, miglioramento dei sintomi e remissione clinica con gli anti-TNF

Nei pazienti con proctite ulcerosa refrattaria, la terapia con i farmaci biologici anti-TNF ha migliorato la sintomatologia e in metà dei casi ha indotto la remissione clinica, secondo quanto emerso da uno studio retrospettivo appena pubblicato sulla[...]