Gastroenterologia

VIDEO

Vivere con la colangite biliare primitiva, identikit di una malattia rara epatica autoimmune


Colangite biliare primitiva, è possibile anticipare la diagnosi?


Colangite biliare primitiva, come si manifesta e cosa abbiamo per gestirla


Malattie infiammatorie croniche intestinali, epidemiologia e novità nella gestione


Insufficienza intestinale e sindrome dell'intestino corto, come gestirle


Diagnosi di malattie infiammatorie croniche intestinali, l'importanza dell'istopatologia


La gestione manifestazioni extraintestinali delle malattie infiammatorie croniche intestinali


Gestione dei pazienti pediatrici con colite ulcerosa


Colite ulcerosa steroido-resistente e steroido-dipendente, quale trattamento?


Colite ulcerosa, trattamento chirurgico oggi


I ruoli dell'infermiere nell'assistenza al paziente con malattie infiammatorie croniche intestinali


Fegato danneggiato cronicamente, il futuro è la medicina rigenerativa


Colangite sclerosante primitiva, cos'è e quali terapie abbiamo a disposizione


Epatite acuta alcolica, studio pilota italiano identifica i criteri per il trapianto di fegato


Glecaprevir/pibrentasvir, efficace in 8 settimane anche in pazienti con insufficienza renale grave


Coagulazione nei pazienti con HCV, arrivano le prime lineeguida europee


Epatite C, migliore qualità di vita con glecaprevir/pibrentavir


Steatoepatite non alcolica, combinazioni di farmaci per combattere questo nuovo nemico


Terapie brevi per l'HCV: vantaggi per medico e paziente


Inquinamento ambientale e malattie epatiche autoimmuni, quale collegamento?


Sconfiggere l'HCV, efficacia pangenotipica e panfibrotica di sofosbuvir/velpatasvir nella real life


Epatite C, i piani della regione Veneto per aumentare le diagnosi di epatite C


ARTICOLI

Epatite B cronica, steatosi grave correla con fibrosi severa

I risultati di un recente studio pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology hanno evidenziato che nei pazienti con epatite cronica B, un quadro steatosico grave correlata con avanzata fibrosi sia in pazienti naive al trattamento che in so[...]

Ondansetron a rilascio prolungato, efficace e sicuro in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile con diarrea prevalente

Una nuova formulazione del farmaco antiemetico ondansetron, a rilascio prolungato del farmaco, si è mostrato efficace nel migliorare la consistenza delle feci in pazienti affetti da sindrome dell' intestino irritabile con diarrea prevalente (IBS-D).[...]

Epatite C: Sicilia, best practice italiana

Per analizzare i possibili scenari futuri per il miglior percorso gestionale del paziente HCV, con particolare focus sui centri di riferimento, le best practice e le possibili criticità della Regione Sicilia, si è tenuto il Convegno “HCV Regione Sici[...]

Obesi, svuotamento gastrico rallentato e perdita di peso grazie a liraglutide

In pazienti adulti obesi trattati con liraglutide si è ottenuta una maggiore perdita di peso e un ritardo nello svuotamento gastrico rispetto ai pazienti che avevano assunto placebo. Questo è quanto riportato in uno studio pilota, randomizzato, contr[...]

Patologie autoimmuni osteo-articolari, rischio aumentato nei pazienti cronici con IBD

Nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali, 20 anni dopo la diagnosi di questa malattia è molto alta la probabilità che si verifichino spondilite anchilosante, spondilite assiale e mal di schiena di tipo infiammatorio. E' quanto evidenziato [...]

Steatoepatite non alcolica, scarsi benefici terapeutici dopo due anni di terapia con cenicriviroc

Non convincono gli ultimi dati su cenicriviroc, farmaco in sviluppo per la steatoepatite non alcolica (NASH). I risultati a due anni dello studio di fase 2b, CENTAUR, hanno infatti mostrato limitati benefici terapeutici sulla fibrosi epatica in pazie[...]

Antivirali ad azione diretta, efficaci e sicuri contro l'HCV anche in pazienti trapiantati di cuore

Le terapie antivirali ad azione diretta ledipasvir più sofosbuvir e daclatasvir più sofosbuvir si sono mostrate sicure e altamente efficaci nei pazienti con infezione da virus dell'epatite C cronica che hanno ricevuto trapianti di cuore. E' quanto em[...]

Infezione da Helicobacter pylori, a quali patologie extragastriche è collegata?

L'infezione da Helicobacter pylori è associata a molteplici malattie extragastriche tra cui patologie cutanee, malattie infiammatorie intestinali, compromissione immunologica, disfunzione renale, asma allergico e malattie respiratorie. In questa revi[...]

Epatite C in donne in età fertile, trattare per ridurre i danni da senescenza ovarica

La senescenza ovarica in donne con infezione da virus dell'epatite C (HCV) in età fertile è un maggior rischio di neonati morti e di infertilità, diabete gestazionale, pre-eclampsia e aborto spontaneo. Tutto ciò può essere limitato intervenendo con i[...]

Glecaprevir/pibrentasvir nessuna interazione farmacologica con la terapia sostitutiva degli oppiodi

La terapia sostitutiva a base di metadone o buprenorfina/naloxone, nei soggetti dipendenti da oppioidi, somministrata insieme a glecaprevir e pibrentasvir ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole in uno studio pubblicato su Antimicrobial Agents[...]

Biologici in gravidanza, nessuna interazione con le vaccinazioni nel neonato

Il trattamento con farmaci immunomodulatori o biologici nelle donne in gravidanza con malattia infiammatoria intestinale non comporta interazioni con le vaccinazioni per l'Haemophilus influenzae B e il tetano nel neonato. E' quanto evidenziato da uno[...]

Sonno e steatosi epatica non alcolica, esiste un collegamento?

Uno studio recentemente pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology ha evidenziato che la durata del sonno più breve è correlata a livelli alterati (al di fuori del range di normalità) di alanina aminotransferasi nel siero e allo sviluppo [...]

Al via “PBC and Me”, una campagna di sensibilizzazione sulla Colangite Biliare Primitiva

Il 10 settembre si celebrerà la giornata mondiale dedicata alla Colangite Biliare Primitiva, una giornata per sostenere tutti coloro che sono affetti da questa patologia, ma anche di tutti coloro che, parenti, amici e caregivers, condividono le diffi[...]

Malattia di Wilson in gravidanza, meno aborti con la terapia chelante il rame

Le donne con malattia di Wilson che hanno ricevuto una terapia con agenti chelanti il rame durante la gravidanza sono soggette a meno aborti spontanei rispetto alle gestanti che non ricevono la suddetta terapia. E' quanto mostrato dai risultati di un[...]

Celiachia, miglioramento significativo dei sintomi grazie a una terapia enzimatica

Non sempre nei pazienti celiaci è sufficiente la dieta priva di glutine a consentire il benessere del paziente. Un'analisi post hoc dello studio CeliAction, i cui risultati sono stati pubblicati su Digestive Diseases and Sciences, ha evidenziato che [...]

Ledipasvir più sofosbuvir, conferme di efficacia contro l'HCV in pazienti pediatrici

L'associazione di ledipasvir e sofosbuvir è efficace e sicura anche per i pazienti adolescenti affetti da virus dell'epatite C di genotipo 1. Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato su Hepatology in cui i ragazzi trattati hanno raggiunto una [...]

Crioglobulinemia e HCV, con gli antivirali ad azione diretta il virus va ko ma la risposta clinica non è sempre ottimale

Pazienti con infezione da virus dell'epatite C ed elevata crioglobulinemia raggiungono elevate percentuali di risposta virologica sostenuta (SVR). E' quanto riportato in un articolo pubblicato sull'American Journal of Gastroenterology in cui gli auto[...]

Malattia infiammatorie intestinali, cosa dice l'aggiornamento delle linee guida americane

L'AGA (American Gastroenterology Association) ha pubblicato nuove raccomandazioni sul monitoraggio terapeutico dei farmaci in pazienti con malattia infiammatoria intestinale trattati con agenti anti-TNF e tiopurine. Tali linee guida sono state pubbli[...]

Reflusso gastro-esofageo incontrollato, buoni risultati da una nuova molecola

I risultati di un trial di fase IIb hanno evidenziato che una nuova formulazione di un farmaco sequestrante gli acidi biliari, che per ora in sigla è indicata come IW-3718, ha significativamente ridotto la gravità del bruciore di stomaco in pazienti [...]

Antivirali ad azione diretta e insorgenza di cancro epatico, riduzione del rischio dopo raggiungimento della risposta virologica sostenuta

Un recente studio retrospettivo pubblicato sulla rivista Gastroenterology ha evidenziato che i pazienti con virus dell'epatite C (HCV), che avevano eliminato il virus usando farmaci antivirali ad azione diretta (DAA), hanno mostrato un rischio notevo[...]