Gastroenterologia

VIDEO

Malattia di Crohn complicata, vantaggi dell'approccio multidisciplinare


Malattie infiammatorie croniche intestinali, epidemiologia e novità nella gestione


Insufficienza intestinale e sindrome dell'intestino corto, come gestirle


Diagnosi di malattie infiammatorie croniche intestinali, l'importanza dell'istopatologia


La gestione manifestazioni extraintestinali delle malattie infiammatorie croniche intestinali


Gestione dei pazienti pediatrici con colite ulcerosa


Colite ulcerosa steroido-resistente e steroido-dipendente, quale trattamento?


Colite ulcerosa, trattamento chirurgico oggi


I ruoli dell'infermiere nell'assistenza al paziente con malattie infiammatorie croniche intestinali


Fegato danneggiato cronicamente, il futuro è la medicina rigenerativa


Colangite sclerosante primitiva, cos'è e quali terapie abbiamo a disposizione


Epatite acuta alcolica, studio pilota italiano identifica i criteri per il trapianto di fegato


Glecaprevir/pibrentasvir, efficace in 8 settimane anche in pazienti con insufficienza renale grave


Coagulazione nei pazienti con HCV, arrivano le prime lineeguida europee


Epatite C, migliore qualità di vita con glecaprevir/pibrentavir


Steatoepatite non alcolica, combinazioni di farmaci per combattere questo nuovo nemico


Terapie brevi per l'HCV: vantaggi per medico e paziente


Inquinamento ambientale e malattie epatiche autoimmuni, quale collegamento?


Sconfiggere l'HCV, efficacia pangenotipica e panfibrotica di sofosbuvir/velpatasvir nella real life


Epatite C, i piani della regione Veneto per aumentare le diagnosi di epatite C


Epatite Delta, si inizia a parlare di terapia


Consumo di alcol e salute epatica, esiste una soglia da non superare?


ARTICOLI

Crohn e colite ulcerosa, i pazienti europei chiedono più attenzione

Diagnosi più veloce. Maggior coinvolgimento nelle decisioni. Approccio multidisciplinare alla malattia. Sono solo alcune delle richieste formulate dai pazienti europei, italiani compresi, e presentate al 9^ Congresso Europeo della Organizzazione Eur[...]

Farmaci biologici per la cura delle IBD: cosa dice la letteratura

I farmaci anti-TNF e anti integrina alfa4, fatta eccezione per onercept ed etanercept, mostrano effetti terapeutici benefici sui disturbi infiammatori intestinali ed in particolare in caso di malattia di Crohn refrattaria e colite ulcerosa recidivant[...]

Caffè, effetto protettivo sulla fibrosi epatica

Dati epidemiologici e numerose evidenze bibliografiche dimostrano una relazione inversa tra il consumo di caffè e la fibrosi epatica. Il caffè avrebbe un ruolo protettivo nell'insorgenza di tale degenerazione del fegato e uno studio appena pubblicato[...]

Colite ulcerosa, risultati incoraggianti dalla budesonide-MMX

Uno studio tutto italiano ha per la prima volta raccolto ed analizzato tutti gli studi pubblicati riguardanti il nuovo sistema di rilascio della budesonide, l’MMX che permette il rilascio controllato del farmaco per estenderlo a siti infiammatori dis[...]

HCV, scoperto un nuovo sito di predisposizione soggettiva all’attacco del virus

La risposta al trattamento contro l’HCV e la capacità naturale di eliminazione del virus dipendono da modifiche di singoli nucleotidi in specifiche zone del cromosoma 19. La scoperta è stata pubblicata su Nature Immunology e spiega la differente pred[...]

HIV associato ad aumento del rischio di tubercolosi multiresistente ai farmaci

L'infezione da HIV è associata a un aumento del 24% del rischio di tubercolosi multiresistente ai farmaci (MDR-TB). A evidenziarlo sono i risultati di una revisione sistematica e una metanalisi appena pubblicata sulla rivista PLoS ONE.

Anti-TNFalfa, efficaci anche nella malattia di Crohn pediatrica

I bambini con malattia di Crohn trattati con una terapia a base di farmaci inibitori del TNFalfa (anti-TNFalfa), entro 3 mesi dalla diagnosi, ottengono risultati clinici e di crescita (a 1 anno) migliori rispetto a pazienti trattati in monoterapia co[...]

Epatite C, effetto di eltrombopag nei pazienti cirrotici

Il farmaco eltrombopag, agonista orale del recettore della trombopoietina, innalza le percentuali di risposta virologica sostenuta in pazienti con HCV e trobocitopenia ma produce anche una serie di effetti collaterali di cui bisogna tenere conto. E'[...]

Effetti gastro intestinali dei FANS, il più ampio studio europeo nella real life

I pazienti con patologie reumatiche trattati con farmaci antinfiammatori non steroidei sono ad alto rischio di eventi gastrointestinali soprattutto quello localizzati nella parte più alta del tratto GI. E’ quanto riportato nello studio EVIDENCE pubbl[...]

Epatite C, risultati clinici promettenti dal regime sperimentale anti-HCV di Abbvie

AbbVie ha annunciato il completamento del suo programma clinico di fase III nell’epatite C e ha rilasciato i risultati di quattro studi clinici volti a valutare la terapia orale, senza interferone, con o senza ribavirina (RBV), in pazienti con epatit[...]

Epatite C: presentata l'Indagine civica sull'accesso alle nuove terapie, di Cittadinanzattiva ed EpaC onlus.

Pochi i pazienti trattati, poco personale dedicato e difformità regionali nella organizzazione dei servizi

Eluxadolina bene in fase III contro la sindrome del colon irritabile

Il farmaco sperimentale eluxadolina, sviluppato da Furiex Pharmaceuticals per il trattamento della sindrome del colon irritabile (IBS) con predominanza della diarrea, ha centrato lì obiettivo principale, cioè la combinazione di un miglioramento simul[...]

Infezione da H. pylori, facciamo il punto della situazione

La prevalenza dell'infezione da H. pylori è in calo, ma il tasso di fallimento dell'eradicazione è drammaticamente aumentato in molti paesi a causa della resistenza agli antibiotici tanto che la terapia nella pratica clinica sta diventando progressiv[...]

Recettori vanilloidi: nuovo target per Crohn e colite ulcerosa

L’università di Tolosa ha recentemente pubblicato un complesso lavoro sulla distribuzione e sul ruolo del recettore TRPV4 nell’intestino e la possibilità di ritenerlo un target per il trattamento della malattia infiammatoria intestinale. Tale lavoro [...]

Epatite B cronica, nuovi approcci terapeutici combinati

Per il trattamento dell’epatite B cronica sono necessari nuovi approcci terapeutici. A tal fine un gruppo di ricercatori tedeschi dell’Istituto di Virologia dell’Ospedale Universitario di Essen hanno valutato una serie di nuove combinazioni di antivi[...]

Probiotici: efficaci come terapia adiuvante nella colite ulcerosa

L'utilizzo di alcuni probiotici comporta un ulteriore vantaggio nell'induzione e nel mantenimento della remissione nei pazienti con colite ulcerosa e nel mantenimento della remissione in pazienti con pouchite. E' quanto emerge da uno studio pubblicat[...]

Epatite C, efficacia e sicurezza di una combinazione di inibitori delle proteasi

Una combinazione, senza interferone, dell'inibitore della proteasi ABT-450 con ritonavir insieme all'inibitore della polimerasi non nucleosidico ABT-333 e la ribavirina ha dimostrato efficacia contro il virus dell'epatite C ( HCV) in uno studio pilo[...]

Inibitori delle proteasi, sicuri ed efficaci anche nell'epatite C post-trapianto.

Un gruppo di ricercatori francesi ha evidenziato come la terapia tripla, a base di inibitori delle proteasi accoppiati al trattamento con interferone pegilato e ribavirina, è efficace nei pazienti riceventi trapianto di fegato, in particolare in quel[...]

HCV-1, quando è consigliabile la terapia duplice rispetto alle nuove terapie

Un numero rilevante di pazienti con HCV-1 è in grado di eliminare il virus con la convenzionale terapia duplice. L'entità di questi pazienti ammonta al 20% e la gran parte sono pazienti con RVR. E' quanto emerge da una ricerca tutta italiana, appena [...]

HCV genotipo 1,2 e 3, ottimi risultati dalla combinazione Daclatasvir-Sofosbuvir

La combinazione orale del daclatasvir con il sofosbuvir assicura il raggiungimento di una risposta virologica sostenuta in un'alta percentuale di pazienti HCV con genotipo 1, 2 e 3, incluso pazienti che non rispondono a terapie con telaprevir o bocep[...]