Gastroenterologia

VIDEO

Malattie infiammatorie croniche intestinali, epidemiologia e novità nella gestione


Insufficienza intestinale e sindrome dell'intestino corto, come gestirle


Diagnosi di malattie infiammatorie croniche intestinali, l'importanza dell'istopatologia


La gestione manifestazioni extraintestinali delle malattie infiammatorie croniche intestinali


Gestione dei pazienti pediatrici con colite ulcerosa


Colite ulcerosa steroido-resistente e steroido-dipendente, quale trattamento?


Colite ulcerosa, trattamento chirurgico oggi


I ruoli dell'infermiere nell'assistenza al paziente con malattie infiammatorie croniche intestinali


Fegato danneggiato cronicamente, il futuro è la medicina rigenerativa


Colangite sclerosante primitiva, cos'è e quali terapie abbiamo a disposizione


Epatite acuta alcolica, studio pilota italiano identifica i criteri per il trapianto di fegato


Glecaprevir/pibrentasvir, efficace in 8 settimane anche in pazienti con insufficienza renale grave


Coagulazione nei pazienti con HCV, arrivano le prime lineeguida europee


Epatite C, migliore qualità di vita con glecaprevir/pibrentavir


Steatoepatite non alcolica, combinazioni di farmaci per combattere questo nuovo nemico


Terapie brevi per l'HCV: vantaggi per medico e paziente


Inquinamento ambientale e malattie epatiche autoimmuni, quale collegamento?


Sconfiggere l'HCV, efficacia pangenotipica e panfibrotica di sofosbuvir/velpatasvir nella real life


Epatite C, i piani della regione Veneto per aumentare le diagnosi di epatite C


Epatite Delta, si inizia a parlare di terapia


Consumo di alcol e salute epatica, esiste una soglia da non superare?


Tumori primitivi del fegato, è necessario trovare marker di esposizione ai tossici ambientali


ARTICOLI

Malattia infiammatoria intestinale, la malattia si riattiva col concepimento

Le donne con malattia infiammatoria intestinale che hanno la malattia attiva nei giorni del concepimento hanno un aumentato rischio di ricaduta durante la gravidanza. Questo è quanto deriva dai dati di uno studio prospettico pubblicato sulla rivista [...]

Gastroenterite acuta nei bambini, migliore reidratazione grazie al trattamento con ondansetron

Il trattamento di bambini con gastroenterite acuta con ondansetron migliora l'efficacia della terapia di reidratazione orale. E' quanto emerge da una revisione sistematica della letteratura più meta-analisi pubblicata sulla rivista Alimetary Pharmaco[...]

Lassativi, uso eccessivo anche quando non strettamente necessario

I farmaci lassativi vengono utilizzati nei giusti modi e tempi? Secondo un articolo apparso su JAMA Internal Medicine l'uso di questi farmaci è spesso eccessivo o, come lo definiscono gli stessi autori, uno “spreco”.

Epatite B, il trattamento con entecavir riduce il rischio di sviluppare carcinoma epatocellulare

I pazienti con epatite cronica da virus B (HBV) che stanno ricevendo un trattamento a lungo termine con entecavir hanno tassi di carcinoma epatocellulare inferiori a quanto previsto. Questo è quanto emerge da un recente studio retrospettivo pubblicat[...]

Eluxadoline, dagli esperti conferme su efficacia e sicurezza nella sindrome dell'intestino irritabile

Una recente expert opinions di autori italiani e belgi ha confermato l'importanza dell'eluxadoline nel trattamento del dolore addominale e della diarrea in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile con diarrea predominante. Questo farmaco ha mo[...]

Approvazione europea di sofosbuvir/velpatasvir, il parere dell'esperto, la prof.ssa Mangia

E' di ieri la notizia dell'approvazione europea di Epclusa, associazione di sofosbuvir e di velpatasvir, il primo trattamento anti epatite C con attività pangenotipica, cioè attivo contro tutti e 6 i genotipi dell'Hcv. Abbiamo approfondito l'importan[...]

Malattie infiammatorie intestinali, possibile effetto protettivo delle statine

Le statine avrebbero un effetto protettivo nei confronti dell'insorgenza delle malattie croniche infiammatorie intestinali (IBD). E' quanto emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista American Journal of Gastroenterology, in cui gli autori precisa[...]

Vitamina D, bassi livelli sono associati a peggioramento della colite ulcerosa

I livelli di 25 idrossivitamina D nel siero sono inversamente associati all'infiammazione della mucosa e attività di malattia nei pazienti con colite ulcerosa. Questo è quanto emerge dai risultati di uno studio prospettico pubblicato sull'American Jo[...]

Epatite C e tumori orofaringei e non orofaringei, un nuovo studio consolida il collegamento

L'infezione da virus dell'epatite C sembra associata a un aumentato rischio di alcuni tumori di tipo non orofaringeo ma anche orofaringei positivi al papillomavirus. Questi i dati che derivano da uno studio caso-controllo pubblicato sul Journal of th[...]

Grazoprevir/ribavirina, efficace e sicuro in pazienti naive al trattamento

La combinazione di grazoprevir e ribavirina per 12 o 24 settimane ha dimostrato la soppressione rapida e sostenuta dell'RNA del virus dell'epatite C in pazienti di genotipo 1 naive al trattamento. Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato sulla[...]

Vaccino preventivo dell'epatite B, l'Immunizzazione” funziona anche contro il cancro epatico

L'immunizzazione contro il virus dell'epatite B nei neonati sembra ridurre il rischio di sviluppare un carcinoma epatocellulare da bambini o giovani adulti. Questo è quanto mostrato da uno studio pubblicato sulla rivista Gastroenterology.

Farmaci contro la costipazione cronica, sono tutti di pari efficacia

I farmaci per i pazienti con costipazione idiopatica cronica sembrano avere la stessa efficacia. E' quanto emerge da una meta analisi di rete, pubblicata su Gut, in cui nessuno dei farmaci valutati è emerso mostrando una superiorità rispetto ai movim[...]

Steatosi epatica e fibrosi del fegato, c'è un collegamento?

Gli individui con suscettibilità genetica alla steatosi epatica hanno anche suscettibilità genetica alla fibrosi epatica, secondo i risultati di un'analisi trasversale effettuata su coppie di gemelli. I risultati di questo studio sono stati pubblicat[...]

Epatite C: “In Puglia trattati 5.000 pazienti, sarà possibile curare tutti?”

In Italia, l'epatite C riguarda circa 300.000 persone diagnosticate, ma ne interessa molte di più. L'onere sanitario complessivo dell'epatite C si attesta intorno al miliardo di euro all'anno. Una quota importante del costo per paziente potrebbe esse[...]

Epatite alcolica, attenzione all'uso di prednisolone

In pazienti con epatite alcolica l'uso di prednisolone, per il trattamento del DNA batterico elevato, aumenta la probabilità di sviluppare infezioni entro 7 giorni di trattamento. Questo è quanto mostrato da uno studio i cui risultati sono stati pres[...]

Epatite C, quali sono i prossimi traguardi di cura?

I farmaci per la cura dell'epatite C hanno rivoluzionato il trattamento di questa infezione. Ma adesso che le molecole consentono il raggiungimento di altissime percentuali di guarigione, su quale fronte migliorativo si stanno spingendo le aziende de[...]

Steatoepatite non alcolica, l'antidiabetico pioglitazone potrebbe essere una cura

Un farmaco generalmente utilizzato per il diabete, il pioglitazone, potrebbe arrestare la progressione di un'altra malattia che è una delle principali cause di trapianti di fegato. Parliamo della steatoepatite non alcolica, malattia in forte crescita[...]

Gestione condivisa sintomi reflusso gastroesofageo: nuovo modello collaborazione tra professionisti della salute

Presentato oggi a Roma, presso la Sala Caduti di Nassirya del Senato, alla presenza del Senatore Andrea Mandelli, Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, il documento di consenso per la gestione dei sintomi da reflusso gast[...]

Variazioni del microbiota intestinale, quanto incidono i primi mesi di vita?

Cresce sempre di più l'interesse medico e farmaceutico verso il microbiota intestinale, questo insieme di batteri il cui equilibrio se perturbato incide negativamente su numerose funzioni dell'organismo. E' di pochi giorni fa la pubblicazione sulla r[...]

Grasso epatico? Fa male anche ai vasi

Steatosi epatica associata ad aterosclerosi carotidea? E' quanto sostiene uno studio retrospettivo che ha mostrato come pazienti con steatosi epatica non alcolica persistente erano ad aumentato rischio di sviluppare aterosclerosi carotidea subclinica[...]