Gastroenterologia

VIDEO

Crohn: arriva in Italia ustekinumab. Come funziona, efficacia e sicurezza


Crohn e colite ulcerosa: le sfide per una cura ottimale. Ruolo di IG-IBD


Quali sono i costi previdenziali correlati alle malattie infiammatorie croniche intestinali?


A quanto ammonta la spesa privata per il Crohn e la colite ulcerosa?


Crohn e colite ulcerosa: non sono pochi i costi della cura a carico del paziente: lo rivela una ricerca di AMICI


Perchè la spesa previdenziale per le malattie infiammatorie croniche intestinali è in aumento?


Epatite C: meglio non aspettare troppo per curarla


HCV, quali sono oggi i pazienti difficili da trattare? I progetti della regione Campania


Epatite C, casistica dell'Ospedale San Paolo di Napoli su pazienti e terapie brevi


Cure efficaci e sicure per l’epatite C, cosa possiamo ancora migliorare?


Club Epatologi Ospedalieri, storia e attività di un’importante associazione medica


Antivirali ad azione diretta per l’HCV, sempre meno fallimenti virologici


Steatosi epatica, alimentazione come strumento di gestione del paziente


Attività fisica, movimento e ballo, quale ruolo nel paziente con fegato grasso?


Le attività di AMICI Onlus per informare e sensibilizzare su Crohn e colite ulcerosa


Gli eroi dei fumetti per lottare contro Crohn e colite ulcerosa. La campagna di Takeda “IBD senza maschera”


Nuovi orizzonti terapeutici nelle malattie infiammatorie croniche intestinali


Terapia biologica delle IBD nella real life, i dati della rete Sicilia


Malattie croniche infiammatorie intestinali, ruolo dell'infermiere dedicato


Malattie croniche infiammatorie croniche intestinali, le nuove sfide da affrontare


Età pediatrica e Malattie croniche infiammatorie intestinali, aumento dei casi. Come intervenire?


PDTA e costi sociali per le malattie infiammatorie croniche intestinali, situazione italiana


ARTICOLI

Acido obeticolico, efficacia e sicurezza in fase II in pazienti con colangite sclerosante primitiva

L'acido obeticolico ha prodotto una riduzione statisticamente significativa della fosfatasi alcalina (ALP) rispetto al placebo alla 24a settimana di trattamento in pazienti con colangite sclerosante primitiva (PSC). I dati derivano da uno studio di f[...]

Malattie infiammatorie intestinali, ozanimod efficace e sicuro in fase II

Il modulatore selettivo del recettore della sfingosina 1-fosfato 1 (S1PR1) e 5-fosfato (S1PR5) attivo per via orale, ozanimod, ha dimostrato benefici sia nella malattia di Crohn che nella colite ulcerosa in uno studio di fase II i cui risultati sono [...]

Crohn, Celgene interrompe due studi clinici su mongersen. Sviluppo finito?

Non è ancora detta la parola “fine” ma poco ci manca. Stiamo parlando di mongersen, un farmaco sperimentale studiato per la cura delle malattie infiammatorie croniche intestinali, il cui sviluppo clinico adesso è posto in serio pericolo in quanto Cel[...]

Epatite C, dall'interferone alle doppiette di farmaci di ultima generazione

Come si è evoluto il trattamento dell'infezione da virus dell'epatite C negli ultimi anni? E' stata una vera rivoluzione, sottolineano gli infettivologi presenti alla XVI edizione del congresso nazionale della SIMIT che si chiude oggi a Salerno. Si è[...]

Riusciremo ad eradicare il virus dell'epatite C? Il punto della situazione dal congresso SIMIT di Salerno

Il rapporto OMS globale epatite 2017 indica che la maggioranza delle persone che vivono con infezione da virus dell'epatite C cronica non ha accesso ai test e alla terapia. Eppure i trattamenti ci sono e funzionano in oltre il 90% dei pazienti, anche[...]

Vedolizumab, miglioramento precoce dei sintomi in pazienti con malattia infiammatoria intestinale

Nuove analisi post-hoc riportano un miglioramento precoce dei sintomi in pazienti con colite ulcerosa moderatamente o gravemente attiva e nei pazienti affetti da malattia di Crohn in trattamento con vedolizumab, in particolare nei soggetti naive ai f[...]

Sindrome dell'intestino irritabile con stipsi prevalente, efficacia di una nuova molecola che aumenta il sodio intestinale

Uno studio pilota di fase 3 su un inibitore dell'NHE3, tenapanor, ha mostrato buoni risultati di efficacia per questa molecola in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile con stipsi prevalente (IBS-C). I risultati sono stati annunciati in un [...]

Glecaprevir/pibrentasvir, efficace e ben tollerato in pazienti con HCV e malattia renale avanzata

E' di ieri la pubblicazione sulla prestigiosa rivista News England Journal of Medicine dei risultati dello studio di fase 3 EXPEDITON-4 riguardanti i pazienti con epatite C e malattie renali. Dallo studio emerge che il trattamento con glecaprevir/pib[...]

Acido ursodesossicolico più bezafibrato, meno prurito nei pazienti con colangite biliare primitiva

La terapia a lungo termine con acido ursodesossicolico combinato e bezafibrato consente la normalizzazione della fosfatasi alcalina in più del 50% dei pazienti con colangite biliare primaria (PBC) e sollievo dal prurito in un'alta percentuale di sogg[...]

Malattie infiammatorie intestinali, elevata non aderenza all'infliximab

Un recente articolo pubblicato su Journal of Digestive Disease ha analizzato il tasso globale di non aderenza alla terapia con infliximab nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali che è risultato essere superiore al 50%.

Epatite B cronica, steatosi grave correla con fibrosi severa

I risultati di un recente studio pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology hanno evidenziato che nei pazienti con epatite cronica B, un quadro steatosico grave correlata con avanzata fibrosi sia in pazienti naive al trattamento che in so[...]

Ondansetron a rilascio prolungato, efficace e sicuro in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile con diarrea prevalente

Una nuova formulazione del farmaco antiemetico ondansetron, a rilascio prolungato del farmaco, si è mostrato efficace nel migliorare la consistenza delle feci in pazienti affetti da sindrome dell' intestino irritabile con diarrea prevalente (IBS-D).[...]

Epatite C: Sicilia, best practice italiana

Per analizzare i possibili scenari futuri per il miglior percorso gestionale del paziente HCV, con particolare focus sui centri di riferimento, le best practice e le possibili criticità della Regione Sicilia, si è tenuto il Convegno “HCV Regione Sici[...]

Obesi, svuotamento gastrico rallentato e perdita di peso grazie a liraglutide

In pazienti adulti obesi trattati con liraglutide si è ottenuta una maggiore perdita di peso e un ritardo nello svuotamento gastrico rispetto ai pazienti che avevano assunto placebo. Questo è quanto riportato in uno studio pilota, randomizzato, contr[...]

Patologie autoimmuni osteo-articolari, rischio aumentato nei pazienti cronici con IBD

Nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali, 20 anni dopo la diagnosi di questa malattia è molto alta la probabilità che si verifichino spondilite anchilosante, spondilite assiale e mal di schiena di tipo infiammatorio. E' quanto evidenziato [...]

Steatoepatite non alcolica, scarsi benefici terapeutici dopo due anni di terapia con cenicriviroc

Non convincono gli ultimi dati su cenicriviroc, farmaco in sviluppo per la steatoepatite non alcolica (NASH). I risultati a due anni dello studio di fase 2b, CENTAUR, hanno infatti mostrato limitati benefici terapeutici sulla fibrosi epatica in pazie[...]

Antivirali ad azione diretta, efficaci e sicuri contro l'HCV anche in pazienti trapiantati di cuore

Le terapie antivirali ad azione diretta ledipasvir più sofosbuvir e daclatasvir più sofosbuvir si sono mostrate sicure e altamente efficaci nei pazienti con infezione da virus dell'epatite C cronica che hanno ricevuto trapianti di cuore. E' quanto em[...]

Infezione da Helicobacter pylori, a quali patologie extragastriche è collegata?

L'infezione da Helicobacter pylori è associata a molteplici malattie extragastriche tra cui patologie cutanee, malattie infiammatorie intestinali, compromissione immunologica, disfunzione renale, asma allergico e malattie respiratorie. In questa revi[...]

Epatite C in donne in età fertile, trattare per ridurre i danni da senescenza ovarica

La senescenza ovarica in donne con infezione da virus dell'epatite C (HCV) in età fertile è un maggior rischio di neonati morti e di infertilità, diabete gestazionale, pre-eclampsia e aborto spontaneo. Tutto ciò può essere limitato intervenendo con i[...]

Glecaprevir/pibrentasvir nessuna interazione farmacologica con la terapia sostitutiva degli oppiodi

La terapia sostitutiva a base di metadone o buprenorfina/naloxone, nei soggetti dipendenti da oppioidi, somministrata insieme a glecaprevir e pibrentasvir ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole in uno studio pubblicato su Antimicrobial Agents[...]