Gastroenterologia

VIDEO

Farmaci biologici nella vita reale: esperienza della rete siciliana


Come va fatto il monitoraggio dei pazienti con colite ulcerosa


Manifestazioni extraintestinali della colite ulcerosa: quali sono e come gestirle


Colite ulcerosa: come e quando utilizzare le terapie convenzionali


Colite ulcerosa: quando fare l'intervento chirurgico e quali tipologie esistono


Colite ulcerosa, quando e come utilizzare i farmaci biologici


Colangite biliare primitiva: dati epidemiologici italiani


Colangite biliare primitiva: che cos'è, caratteristiche e nuove linee guida


Colangite biliare primitiva: patogenesi e come è cambiato il paradigma di gestione


Colangite biliare primitiva: come capire se la malattia diventerà cronica


Colangite biliare primitiva: utilità dei marcatori biochimici


Rete centri riferimento (ERN) per le malattie rare del fegato: cosa sono, obiettivi


Come sta cambiando la cura delle persone con epatite C: progressi e sfide ancora da vincere


Epatite C, arriva la prima terapia pangenotipica, efficace su tutti i ceppi del virus


Perchè e come snidare il "sommerso" dell'infezione da Epatite C


Crohn e colite ulcerosa, bisogna dare voce ai pazienti


I temi caldi del congresso nazionale 2017 di AMICI onlus


Linee guida per la cura di Crohn e colite ulcerosa, i pazienti protagonisti


Crohn e colite ulcerosa, cosa fare quando sono colpiti i bambini?


Visita per l’invalidità da Crohn e colite ulcerosa: le 3 cose da sapere


Qual è il costo per il Ssn e per i pazienti con Crohn e colite ulcerosa


Crohn e colite ulcerosa: cosa è cambiato nella chirurgia?


ARTICOLI

Antibiotici, rischio aumentato di morbo di Crohn ma non di colite ulcerosa (soprattutto nei bambini)

L'esposizione agli antibiotici sembra aumentare le probabilità di nuova diagnosi di morbo di Crohn (CD) ma non di colite ulcerosa. Questo rischio è più accentuato nei bambini con diagnosi di CD.

Aspirina, azione protettiva contro steatosi epatica non alcolica (NAFLD)

L'uso regolare di aspirina può essere associato ad una minore prevalenza di steatosi epatica non alcolica (NAFLD), soprattutto negli uomini e in soggetti anziani.

Steatoepatite non alcolica, risultati promettenti dal trattamento con acido obeticolico

Un derivato degli acidi biliari, l'acido obeticolico (Oca), migliora la steatoepatite non alcolica (Nash), secondo quanto riportato da uno studio pubblicato online sul Lancet.