Gastroenterologia

VIDEO

Che cos'è la sindrome dell'intestino corto?


Sindrome intestino corto: principali criticità e progetto Atlas per favorire uniformità cure


Sindrome intestino corto in età pediatrica: cos'è, come riconoscerla e possibilità di cura


Sindrome intestino corto: come si cura e novità terapeutiche


Pazienti con intestino corto: conosciamo da vicino l'associazione "Un filo perla vita"


Intestino corto: al via il progetto europeo Atlas per accesso e uniformità delle cure


HCV: come identificare e trattare i pazienti più difficili?


Trattamento dell'epatite C, importanza delle caratteristiche del paziente e del genotipo virale


HCV: efficacia, sicurezza e vantaggi delle "short therapy"


Cellule staminali, impatto sulla qualità di vita del paziente con malattie infiammatorie croniche intestinali


Cellule staminali mesenchimali, innovazione nel campo delle malattie infiammatorie croniche intestinali


Fistole perianali nella malattia di Crohn, come gestirle?


Malattia di Crohn, quando usare vedolizumab


Studi real life, importanza nel campo delle malattie infiammatorie croniche intestinali


Parametri endoscopici e loro interpretazione nella valutazione degli studi clinici per Crohn e colite ulcerosa


Efficacia di adalimumab nella colite ulcerosa, i dati da un’analisi IG-IBD


Quanto si vaccinano i pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali? I dati da un'indagine IG-IBD


Campanelli di allarme nelle malattie infiammatorie croniche intestinali


Etrolizumab, efficacia della doppia inibizione delle integrine


Epatite C nella real life, ottimi risultati con glecaprevir/pibrentasvir


Le short therapy per l’HCV, per quali pazienti?


Epatite C, adesso si può trattare in fretta e bene: Chi sa di avere il virus non aspetti


ARTICOLI

Pazienti con celiachia, rischio aumentato di demenza?

I soggetti affetti da celiachia hanno una maggiore probabilità di andare incontro a malattie cardiovascolari ma anche ad altre problematiche autoimmuni come diabete e tiroiditi. Una recente analisi di popolazione, pubblicata su Journal of Alzheimer'[...]

Costipazione cronica, sintomo o anche indice di patologia?

A tutti può essere capitato di soffrire di stipsi, ma quando la situazione cronicizza le cose cambiano. Secondo uno studio, presentato al meeting annuale dell'American College of Gastroenterology conclusosi da pochi giorni a Honolulu, la costipazione[...]

Crohn moderato/grave, conferme per ustekinumab nell'indurre e mantenere la risposta clinica

I risultati di uno studio di fase 3 “UNITI 2”, presentato al meeting annuale dell'American College of Gastroenterology, mostrano che il trattamento con ustekinumab induce la risposta e la remissione clinica fino alla settimana 8 in pazienti con malat[...]

Rischio elevato di mortalità cardiovascolare in soggetti con epatite C, diminuirà con i nuovi antivirali?

Gli individui con infezione da epatite C (HCV) sono ad aumentato rischio di morbidità e mortalità cardiovascolare (CV), soprattutto se diabetici o soggetti con ipertensione arteriosa. E' quanto mostrato da una meta-analisi, tutta italiana, pubblicata[...]

Colite ulcerosa, ozanimod (nuovo immunomodulatore) efficace anche long term

Una elevata percentuale di pazienti con colite ulcerosa da moderata a grave ha raggiunto la remissione clinica e l'ha mantenuto fino alla settimana 32 a seguito del trattamento con un farmaco sperimentale denominato ozanimod. Tale percentuale di sogg[...]

HCV, di mezzo non ci va solo il fegato

Il coinvolgimento di sistemi e organi extraepatici nell'infezione da epatite C (HCV) riduce sostanzialmente la qualità della vita dei pazienti ed è collegato a una mortalità più elevata dovuta a cause non epatiche. L'eradicazione virale attraverso i [...]

Malattia pneumococcica, rischio più elevato nei pazienti con IBD

I pazienti con malattia infiammatoria intestinale hanno un aumentato rischio di malattia pneumococcica invasiva sia prima che dopo la diagnosi di malattia di Crohn o di colite ulcerosa. Questo è quanto deriva dai risultati di uno studio di coorte dan[...]

Fibrosi epatica, potrebbe essere associata a presenza di microsanguinamenti cerebrali

Microsanguinamenti cerebrali; è quanto trovato in una coorte di pazienti adulti con fibrosi epatica e riportato in uno studio pubblicato sulla rivista PLOSone. Nel lavoro i ricercatori si interrogano sul collegamento cervello-fegato che potrebbe dar[...]

Gluten free day, sempre più italiani eliminano il glutine dalla tavola senza essere intolleranti né allergici

È boom di persone che eliminano il glutine (la proteina del grano) dalla propria dieta perché ritengono di essere in qualche modo affetti da situazioni cliniche riconducibili alla sua ingestione.

Infezione da Clostridium difficile, quanto conta l'età cronologica?

Tra i pazienti anziani, l'età cronologica contribuisce minimamente al rischio di infezione da Clostridium difficile (CDI), secondo i dati presentati al IDWeek 2015 in corso a San Diego. Ciò che conta, hanno evidenziato i ricercatori, sono le condizio[...]

Diarrea da acidi biliari, ecco come identificare i pazienti "colpiti"

Circa un paziente su quattro con disturbi funzionali intestinali accompagnati da diarrea e non rispondenti alla prima linea di trattamento, ha evidenza di diarrea da acidi biliari. Il test con la più alta resa diagnostica è la ritenzione di 75SeHCAT.[...]

Corticosteroidi a basse dosi e immunosoppressori, terapia d'elezione contro le recidive di epatite autoimmune dopo trapianto

Il trattamento a lungo termine con corticosteroidi in combinazione con altri farmaci immunosoppressivi può aiutare nel ridurre il rischio di recidiva di epatite autoimmune (AIH) dopo trapianto di fegato. Questo è quanto mostrato in uno studio pubblic[...]

Epatite C: grazoprevir/elbasvir efficace anche in pazienti con malattia renale avanzata

La combinazione di grazoprevir/elbasvir come compressa singola nella terapia dell'infezione da epatite C ha mostrato, in sperimentazione clinica, risultati promettenti nel trattamento di pazienti che hanno anche malattia renale avanzata, compresi q[...]

Speciale di PharmaStar su IBD al femminile, cosa vuol dire per una donna ammalarsi di Crohn o colite ulcerosa

Lo scopo dell'incontro “Women in IBD (I B Donna) - Le problematiche IBD coniugate al femminile”, supportato da un unrestricted educational grant di AbbVie svoltosi il 26 settembre a Milano e di cui diamo conto in uno speciale di Pharmastar di 20 pagi[...]

Epatite C, rapporto ALT/AST indicatore di epatosteatosi non alcolica

Il rapporto tra alanina aminotransferasi (ALT) e aspartato aminotransferasi (AST) correla con l'insorgenza di epatosteatosi in pazienti con infezione da virus dell'epatite C ma non di genotipo 3. E' quanto mostrato da un gruppo di ricercatori di Taiw[...]

Cosa vuol dire essere donna e avere una malattia infiammatoria cronica intestinale?

Le malattie infiammatorie croniche intestinali incidono in modo significativo sulla sfera privata e sociale delle persone che ne soffrono. Paura diffusa, continue assenze dal lavoro, ossessiva preoccupazione per la disponibilità di un bagno, rapporti[...]

Malattie infiammatorie croniche intestinali: come impattano su fertilità, gravidanza, menopausa e tumori

Ho una malattia infiammatoria cronica intestinale, posso avere un bambino? La malattia può avere effetti sulla gravidanza? Cosa devo fare in menopausa? Il rischio di tumori è aumentato? Sono queste alcune delle domande che si pongono le donne che sof[...]

Tofacitinib centra end point in Fase III nella colite ulcerosa

Pfizer ha annunciato i risultati top-line provenienti da due studi di Fase III nei quali l'anti JAK 1 tofacitinib è stato studiato nella colite ulcerosa. Il farmaco ha centrato gli endpoint primari rappresentati dalla percentuale di adulti con colite[...]

Malattie autoimmuni comuni tra i pazienti con sensibilità al glutine (non celiaca)

I pazienti con sensibilità al glutine non celiaca o malattia celiaca hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie autoimmuni, sono positivi per gli anticorpi antinucleo e mostrano aplotipi DQ2/DQ8 rispetto ai pazienti con sindrome dell'intestino[...]

Malattie infiammatorie croniche intestinali: parola chiave “alleanza”

Le malattie del nostro tempo sono sempre più “croniche” e come ha evidenziato l'Organizzazione mondiale della Sanità prevenire queste malattie è un investimento vitale. Solo con un alleanza tra tutti gli attori coinvolti, medici, pazienti. Istituzion[...]