Gastroenterologia

VIDEO

Le attività di AMICI Onlus per informare e sensibilizzare su Crohn e colite ulcerosa


Gli eroi dei fumetti per lottare contro Crohn e colite ulcerosa. La campagna di Takeda “IBD senza maschera”


Nuovi orizzonti terapeutici nelle malattie infiammatorie croniche intestinali


Terapia biologica delle IBD nella real life, i dati della rete Sicilia


Malattie croniche infiammatorie intestinali, ruolo dell'infermiere dedicato


Malattie croniche infiammatorie croniche intestinali, le nuove sfide da affrontare


Età pediatrica e Malattie croniche infiammatorie intestinali, aumento dei casi. Come intervenire?


PDTA e costi sociali per le malattie infiammatorie croniche intestinali, situazione italiana


Qualità di vita nelle IBD, percezione del paziente e del medico. Il progetto "We Care"


Glecaprevir/pibrentasvir, efficacia e sicurezza dai dati real life dalla regione Lombardia


Elbasvir/grazoprevir sicuro anche in terapia ormonale sostitutiva o in terapia contraccettiva


Regimi a base di sofosbuvir, eliminazione virale e riduzione della malattia epatica


Epatite C, accesso alle terapie e criticità da affrontare. La parola all'associazione pazienti


Fegato grasso, prevenzione della progressione e nuovi farmaci in sviluppo


Infezioni batteriche multiresistenti in pazienti cirrotici, un problema da non trascurare


Sindrome epatorenale, nuova classificazione per un trattamento tempestivo


Steatosi epatica, quanto è diffusa e come prevenirla? I dati da un'analisi siciliana


Varici esofagee a rischio emorragico in cirrosi epatica, nuovo test diagnostico poco invasivo


Malattia del fegato grasso, nuovi biomarker diagnostici e prognostici non invasivi


Prurito, quando è sintomo di malattia epatica?


Colangite biliare primitiva, cosa è e come si cura


Coinfezione HCV-HIV, gestione meno complessa con i nuovi farmaci


ARTICOLI

Epatite C, simeprevir sarà prodotto per tutto il mondo nello stabilimento di Janssen di Latina

Il centro di eccellenza produttiva di Latina rafforza la propria presenza: lo stabilimento Janssen produrrà per tutto il mondo simeprevir, il nuovo farmaco per il trattamento dell'Epatite C. Confermato il piano di sviluppo industriale che prevede nuo[...]

Trattamento dell'anemia nei soggetti con malattia infiammatoria intestinale

Quando è presente un'anemia da deficienza di ferro nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali (IBD) è raccomandata una supplementazione con lo stesso al fine di normalizzare i livelli di emoglobina e i depositi di ferro.

Diagnosi di anemia in pazienti con malattia infiammatoria intestinale, cosa dicono le nuove linee guida

L'anemia è una delle più comuni complicazioni sistemiche e manifestazioni extraintestinali della malattia infiammatoria intestinale. L' European Crohn's and Colitis Organisation (ECCO) ha appena pubblicato il documento di Consenso europeo sulla gesti[...]

Epatite C, con nuovo inibitore della proteina NS5A, i tempi di terapia si accorciano

Nell'era delle terapie che consentono percentuali di cura ben oltre il 90% dei soggetti infetti da epatite C, il prossimo target è la durata sempre più breve delle terapie. Questi tempi sono già maturi come dimostrato dal nuovo inibitore nucleotidico[...]

Colite Ulcerosa: si consolida la rivoluzione terapeutica avviata dai farmaci biologici

In occasione di un incontro con la stampa per la presentazione di un progetto comunicazionale volto a favorire la miglior conoscenza delle malattie infiammatorie dell'intestino, il Crohn e la colite ulcerosa, è stato anche fatto il punto sulle terapi[...]

Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali: arriva in Italia golimumab

Giovani, spesso giovanissimi, sia uomini che donne. Colpiti da una malattia poco conosciuta e riconosciuta, tardivamente diagnosticata. Costretti a ridimensionare i propri progetti di vita a causa di sintomi ciclici e invalidanti (diarrea, anche di t[...]

Epatite B, rischio riattivazione con immunosoppressori e farmaci anti-cancro

Gli individui con epatite virale B (HBV) con infezione silente, che ricevono un trattamento chemioterapico o immunosoppressivo possono essere a rischio di riattivazione della malattia.

ABT-493 e ABT-530, inibitori di proteasi e polimerasi efficaci su tutti i genotipi dell'Hcv

L' inibitore sperimentale della proteasi del virus dell'epatite C (Hcv), ABT-493, e l'inibitore dell'NS5A, ABT-530, hanno dimostrato una buona attività antivirale in pazienti con epatite cronica C di genotipo 1 in uno studio clinico condotto in mono[...]

Epatite C, quali le criticità di gestione presenti nel nostro Paese?

La mancanza di stime epidemiologiche realistiche e aggiornate sul burden epatite C, il problema della sostenibilità economica dei nuovi trattamenti capaci di eradicare il virus e l'attesa del vaglio e dell'attuazione del Piano Nazionale per la Lotta [...]

Emergenza epatite C: quanto e cosa manca per l’adozione del Piano Nazionale Epatiti?

Entro il mese di febbraio si riunirà nuovamente la commissione per il Piano Nazionale Epatiti; il piano presentato nel 2012 verrà nuovamente rivisto alla luce del primo farmaco di seconda generazione appena arrivato sul mercato italiano e di quelli c[...]

Alterazione del viroma enterico, ecco la possibile origine delle IBD

I pazienti con malattia infiammatoria intestinale (IBD) manifestano specifiche alterazioni del viroma enterico non spiegabili con la diminuzione della diversità batterica.

Daclatasvir, terapia più breve contro i genotipi 2 e 3 dell'epatite C

Il regime di trattamento a base di daclatasvir in combinazione con interferone alfa-2a (Peg-IFN alfa- 2a) e ribavirina si è dimostrato sicuro e generalmente ben tollerato in pazienti con infezione da virus dell'epatite C di genotipo 2 e 3. Questi imp[...]

Corticosteroidi, più eventi tromboembolici nei pazienti con IBD

La terapia con i soli corticosteroidi e quella di combinazione con corticosteroidi più farmaci biologici sono associate a un aumento di cinque volte del rischio di eventi tromboembolici venosi rispetto alla monoterapia con biologici, in pazienti con [...]

Celiachia, i casi aumentano anche in Italia

Nel corso degli ultimi 2 decenni, nel Regno Unito le diagnosi cliniche di malattia celiaca nei bambini di età superiore ai tre anni sono aumentate di quasi tre volte, soprattutto nelle aree socio-economicamente più sviluppate. Questi dati derivano d[...]

Nuovo marker di danno epatico nell' epatite cronica C

L'antigene del carcinoma a cellule squamose (SCCA) complessato con le IgM è rilevabile nel sangue in un terzo dei pazienti con epatite cronica C (CHC) e correla significativamente con il quadro istologico della steatoepatite non alcolica (NASH).

Il paziente al centro delle nuove terapie contro l'epatite C cronica

I nuovi regimi di trattamento per l'epatite C cronica senza interferone, con o senza ribavirina, sono associati a un'elevata efficacia terapeutica e un sostanziale miglioramento degli outcome riferiti dal paziente in ambiente di sperimentazione clini[...]

Rifaximina, pro e contro delle varie formulazioni

Le formulazioni di rifaximina contenenti la forma amorfa aumentano diversi parametri farmacocinetici del medicinale e in ultima analisi aumentano la biodisponibilità sistemica. A lungo andare questo puo’ portare a problematiche cliniche rilevanti di [...]

Esofago di Barrett ed esofagite erosiva, quanto è importante il fumo di sigaretta?

Il fumo sembra essere un determinante indipendente di sviluppo dell’esofago di Barrett e, in misura minore, di esofagite erosiva. L'elevazione del rischio è indipendente dalla presenza della malattia da reflusso gastroesofageo ed è già presente nei f[...]

Budesonide MMX, conferme di efficacia e sicurezza nella colite ulcerosa

La budesonide MMX, alla dose di 9 mg, è efficace nell'indurre la remissione in pazienti con colite ulcerosa da lieve a moderata. Questo è quanto riportato in un articolo pubblicato sulla rivista Alimentary and Pharmacology Therapeutics in cui gli au[...]

Celiachia, non è importante il “tempo” di introduzione del glutine

I tempi di introduzione del glutine nella dieta di un bambino non sembrano influenzare il conseguente rischio di sviluppare la malattia celiaca.