Gastroenterologia

VIDEO

Fegato grasso e steatoepatite non alcolica: fattori di rischio, diagnosi ed evoluzione


Eliminazione dell'epatite C, deve essere una delle priorità nazionali


Eradicazione dell'epatite C, i punti critici da affrontare


Steatosi epatica e steatoepatite non alcolica: dieta, attività fisica e future terapie


Steatoepatite non alcolica, su cosa sta investendo la ricerca di una grande azienda


Dalla diagnosi alla terapia, gli ultimi progressi in campo epatologico


Epatite B, quanto dobbiamo ancora aspettare per eliminare il virus?


Aumento dell’epatite C negli adolescenti, quali terapie abbiamo a disposizione?


HCV, le strategie terapeutiche per i pazienti che iniettano droghe


Malattia di Wilson, diagnosticare precocemente per evitare le complicanze neurologiche ed epatiche


Epatite C, la semplificazione della terapia con i DAA e nuovi test diagnostici poco invasivi


Infezione da epatite C in carcere: quanto è grave il problema?


Epatite C nel sistema carcerario: attività della SIMPSE per favorire l'eradicazione dell'infezione


Epatite C negli istituti di pena, esperienza della Lombardia nella lotta all’infezione


Carceri senza epatite C, a Opera (Milano) si è molto vicini all'obiettivo


Crohn e colite ulcerosa: se le conosci le affronti meglio. Esperienza di Simone, campione di nuoto


Crohn: arriva in Italia ustekinumab. Come funziona, efficacia e sicurezza


Crohn e colite ulcerosa: le sfide per una cura ottimale. Ruolo di IG-IBD


Quali sono i costi previdenziali correlati alle malattie infiammatorie croniche intestinali?


A quanto ammonta la spesa privata per il Crohn e la colite ulcerosa?


Crohn e colite ulcerosa: non sono pochi i costi della cura a carico del paziente: lo rivela una ricerca di AMICI


Perchè la spesa previdenziale per le malattie infiammatorie croniche intestinali è in aumento?


ARTICOLI

Colite ulcerosa, ozanimod conferma l'efficacia anche nel mantenimento

Nella fase di mantenimento dello studio di fase II TOUCHSTONE il farmaco sperimentale ozanimod, conosciuto anche con la sigla RPC1063, ha raggiunto tutti gli endpoint di efficacia in pazienti con colite ulcerosa.

Colon irritabile: un paziente su dieci e' depresso

Un nuovo studio dell'Associazione Italiana Gastroenterologi ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO) mostra come la sindrome del colon irritabile sia una patologia frequentemente associata a depressione e ansia. La ricerca rivela che sono donne tre pazient[...]

Malattia di Crohn, linea guida per gestire le fistole

Un gruppo multidisciplinare di esperti ha elaborato una linea guida sulla gestione delle fistole perianali associate alla malattia di Crohn, una manifestazione comune che può portare a una significativa morbidità. Questa linea guida è stata pubblicat[...]

Malattie infiammatorie intestinali, quanto conta la familiarità?

Parenti di primo, secondo e terzo grado di persone con malattia infiammatoria intestinale (IBD) hanno un significativo aumento del rischio di sviluppare la malattia, secondo un nuovo studio effettuato su tutta la popolazione danese e pubblicato sull'[...]

Epatite B, tenofovir efficace come tenofovir-entecavir nei pazienti resistenti ad adefovir

La monoterapia con tenofovir sembra essere efficace quanto la combinazione di tenofovir-entecavir per il trattamento dei pazienti con epatite B cronica resistente alla terapia con adefovir, secondo i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista G[...]

Stipsi funzionale, buoni risultati da un nuovo agonista del recettore della serotonina 5-idrossitriptamina-4

Un nuovo agonista selettivo del recettore della serotonina 5-idrossitriptamina-4, YKP 10811, risulta superiore al placebo nell'accelerare il transito gastrointestinale (GI) e del colon e nel migliorare la funzione intestinale nei pazienti con stipsi [...]

Malattia di Parkinson, l'insorgenza della malattia dipende da batteri intestinali?

Un gruppo di ricercatori finlandesi ha scoperto quello che potrebbe essere un indizio importante sull'insorgenza del morbo di Parkinson (PD). Il loro studio ha infatti mostrato una diminuzione dei batteri appartenenti alla famiglia delle Prevotellace[...]

Steatoepatite non alcolica in pazienti diabetici, il futuro del trattamento dai microRNA

RG-125 (AZD4076), un anti-microRNA coniugato con GalNAc (N-Acetylgalactosamine), che ha come target il microRNA-103/107 ( "miR-103/107"), è stato selezionato da Astra Zeneca come candidato per lo sviluppo clinico per il trattamento della steatoepatit[...]

Epatite E, vaccino cinese efficace fino a 4,5 anni

Sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine i risultati di un ampio studio che dimostrano l'efficacia a lungo termine di un vaccino ricombinante contro l'epatite E sperimentato in Cina.

Epatite C, i tempi di cura si potranno accorciare a 6 settimane?

Un nuovo farmaco sperimentale per l'epatite C in fase di sviluppo da Achillion Pharmaceuticals, ACH-3102, ha dimostrato in fase II promettenti risultati quando combinato con sofosbuvir. Questa combinazione consentirebbe anche una minore durata del tr[...]

Glutine colpevole di un caso su quattro di colon irritabile

Se interrompe l'assunzione di cibi con glutine un paziente su quattro non soffre più dei sintomi e dei disturbi sinora attribuiti alla sindrome del colon irritabile o ad altre alterazioni del funzionamento dell'apparato digerente. Lo mostra lo studio[...]

C. difficile, cambiamenti continui ma “benefici” nel microbioma dopo trapianto

I pazienti sottoposti a trapianto di microbiota fecale (FMT) per infezione da Clostridium difficile subiscono dei cambiamenti benefici, per la loro salute, del loro microbioma sia nel breve che nel lungo termine. Questo è quanto deriva da uno studio [...]

Simeprevir, buon controllo delle infezioni ricorrenti da HCV dopo trapianto epatico

La tripla terapia a base di simeprevir è sicura ed efficacia nelle prime 12 settimane, nella maggior parte dei soggetti, con epatite C sottoposti a trapianto di fegato da donatore vivo e con ricorrenze dell'infezione dovute al genotipo 1b.

Crohn pediatrico, alcune differenze dipendono dalla razza

Le disparità che si osservano tra ricoveri ospedalieri, complicanze e procedure in pazienti pediatrici con malattia di Crohn sono legate alla razza. Questo è quanto riportato in una recente revisione retrospettiva pubblicata sulla rivista Inflammator[...]

Simeprevir, minor rischio di anemia grave rispetto al telaprevir

I pazienti trattati con triplice terapia a base simeprevir hanno un minor rischio di sviluppo anemia grave rispetto a individui trattati con telaprevir.

Epatite C, potenzialmente pericolosa l'associazione tra sofosbuvir e l'antiaritmico amiodarone

Un problema di interazioni farmacologiche. E' questo che ha spinto Gilead Sciences a mettere in guardia circa i pericoli cui possono incorrere i pazienti in trattamento con i farmaci più venduti per l'epatite C, sofosbuvir da solo o con ledispavir, [...]

Sindrome dell'intestino irritabile con diarrea prevalente, mesalazina efficace?

La mesalazina non si è dimostrata superiore al placebo nell'alleviare i sintomi nella maggior parte dei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile con diarrea prevalente, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Gut in cui i ricercatori evide[...]

Sofosbuvir, RNA per l'epatite C non rilevabile anche dopo due anni

Una percentuale altissima di pazienti con infezione da virus dell'epatite C (HCV) o con coinfezione HIV/HCV ha raggiunto la risposta virologica sostenuta (SVR) in seguito al trattamento con sofosbuvir più ribavirina o sofosbuvir/ledipasvir e dopo due[...]

Crohn, molecola italiana apre nuove prospettive di cura. Ne parliamo con lo scopritore, il prof. Monteleone‏

Negli ultimi anni si è assistito a numerosi progressi nel campo del trattamento delle malattie croniche infiammatorie intestinali (IBD). Tra i successi raggiunti, è di questi giorni la notizia dei risultati positivi dal farmaco sperimentale mongersen[...]

Crohn, remissione clinica duratura con oligonucleotide antisenso scoperto in Italia‏

GED-0301, farmaco orale sperimentale dell'azienda Celgene, è risultato attivo nel consentire il raggiungimento della remissione clinica in pazienti con malattia di Crohn attiva.