Gastroenterologia

VIDEO

Farmaci biologici nella vita reale: esperienza della rete siciliana


Come va fatto il monitoraggio dei pazienti con colite ulcerosa


Manifestazioni extraintestinali della colite ulcerosa: quali sono e come gestirle


Colite ulcerosa: come e quando utilizzare le terapie convenzionali


Colite ulcerosa: quando fare l'intervento chirurgico e quali tipologie esistono


Colite ulcerosa, quando e come utilizzare i farmaci biologici


Colangite biliare primitiva: dati epidemiologici italiani


Colangite biliare primitiva: che cos'è, caratteristiche e nuove linee guida


Colangite biliare primitiva: patogenesi e come è cambiato il paradigma di gestione


Colangite biliare primitiva: come capire se la malattia diventerà cronica


Colangite biliare primitiva: utilità dei marcatori biochimici


Rete centri riferimento (ERN) per le malattie rare del fegato: cosa sono, obiettivi


Come sta cambiando la cura delle persone con epatite C: progressi e sfide ancora da vincere


Epatite C, arriva la prima terapia pangenotipica, efficace su tutti i ceppi del virus


Perchè e come snidare il "sommerso" dell'infezione da Epatite C


Crohn e colite ulcerosa, bisogna dare voce ai pazienti


I temi caldi del congresso nazionale 2017 di AMICI onlus


Linee guida per la cura di Crohn e colite ulcerosa, i pazienti protagonisti


Crohn e colite ulcerosa, cosa fare quando sono colpiti i bambini?


Visita per l’invalidità da Crohn e colite ulcerosa: le 3 cose da sapere


Qual è il costo per il Ssn e per i pazienti con Crohn e colite ulcerosa


Crohn e colite ulcerosa: cosa è cambiato nella chirurgia?


ARTICOLI

L'unione fa la forza, sofosbuvir/ledipasvir efficaci ontro l'epatite C di genotipo 1

Il regime terapeutico di combinazione tra il sofosbuvir e il ledipasvir, con o senza ribavirina, si è dimostrato altamente efficace con risposte virologiche sostenute oltre il 93% anche in pazienti con epatite C di genotipo 1.

Carcinoma epatocellulare, novità dalla diagnosi al trattamento

Numerosi sviluppi nella diagnosi, nella stadiazione e nel trattamento del carcinoma epatocellulare sono stati presentati al congresso dell'EASL, l'Associazione Europea per lo studio del Fegato, la scorsa settimana a Londra.

Steatosi epatica non alcolica, trovata una variante genica associata alla gravità nei bambini

Uno studio di un gruppo inglese che ha indagato il legame tra bassi livelli di vitamina D e steatosi epatica non alcolica (NAFLD) in una coorte nazionale di bambini ha identificato una variante genetica associata alla gravità della malattia.