Gastroenterologia

VIDEO

Fegato grasso e steatoepatite non alcolica: fattori di rischio, diagnosi ed evoluzione


Eliminazione dell'epatite C, deve essere una delle priorità nazionali


Eradicazione dell'epatite C, i punti critici da affrontare


Steatosi epatica e steatoepatite non alcolica: dieta, attività fisica e future terapie


Steatoepatite non alcolica, su cosa sta investendo la ricerca di una grande azienda


Dalla diagnosi alla terapia, gli ultimi progressi in campo epatologico


Epatite B, quanto dobbiamo ancora aspettare per eliminare il virus?


Aumento dell’epatite C negli adolescenti, quali terapie abbiamo a disposizione?


HCV, le strategie terapeutiche per i pazienti che iniettano droghe


Malattia di Wilson, diagnosticare precocemente per evitare le complicanze neurologiche ed epatiche


Epatite C, la semplificazione della terapia con i DAA e nuovi test diagnostici poco invasivi


Infezione da epatite C in carcere: quanto è grave il problema?


Epatite C nel sistema carcerario: attività della SIMPSE per favorire l'eradicazione dell'infezione


Epatite C negli istituti di pena, esperienza della Lombardia nella lotta all’infezione


Carceri senza epatite C, a Opera (Milano) si è molto vicini all'obiettivo


Crohn e colite ulcerosa: se le conosci le affronti meglio. Esperienza di Simone, campione di nuoto


Crohn: arriva in Italia ustekinumab. Come funziona, efficacia e sicurezza


Crohn e colite ulcerosa: le sfide per una cura ottimale. Ruolo di IG-IBD


Quali sono i costi previdenziali correlati alle malattie infiammatorie croniche intestinali?


A quanto ammonta la spesa privata per il Crohn e la colite ulcerosa?


Crohn e colite ulcerosa: non sono pochi i costi della cura a carico del paziente: lo rivela una ricerca di AMICI


Perchè la spesa previdenziale per le malattie infiammatorie croniche intestinali è in aumento?


ARTICOLI

Ledipasvir/Sofosbuvir, il virus dell'epatite C è sconfitto anche nei coinfetti HCV/HIV

Il trattamento con la combinazione ledipasvir/sofosbuvir consente il raggiungimento di alti tassi di risposta virologica sostenuta in pazienti naive al trattamento co-infetti con virus dell'epatite C (HCV) e con il virus dell'immunodeficienza umana ([...]

Epatite C, su JAMA i dati dello studio TURQUOISE-I condotto con la tripletta di AbbVie

Pubblicati ieri sull'edizione online della rivista scientifica The Journal of the American Medical Association (JAMA) i risultati della prima parte della porzione di Fase 2 dello studio in aperto di Fase 2/3 TURQUOISE-I che ha arruolato pazienti affe[...]

Arrivo di simeprevir in Italia, la parola a un esperto il prof. Massimo Colombo

Grandi passi avanti nella lotta all'infezione da virus dell'epatite C. Con la rimborsabilità di simeprevir, inibitore della proteasi NS3/4A di nuova generazione, arrivata ieri in gazzetta ufficiale, si ampliano le possibilità di trattamento per i paz[...]

Colite ulcerosa, budesonide MMX efficace e sicura in caso di non completo controllo con 5-ASA

La budesonide MMX è ben tollerata e più efficace del placebo per l'induzione della remissione clinica ed endoscopica nei pazienti con colite ulcerosa (UC) lieve-moderata che non sono adeguatamente controllati con acido 5-amminosalicilico (5-ASA). Que[...]

Accesso ai nuovi farmaci anti epatite C: sorveglianza ai massimi livelli

Tavolo di lavoro permanente con l'Amministrazione e le associazioni dei pazienti per rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono l'immediato accesso ai nuovi farmaci anti Epatite C: questa la ragione del summit convocato dal Ministro della Salute Be[...]

Epatite C, simeprevir sarà prodotto per tutto il mondo nello stabilimento di Janssen di Latina

Il centro di eccellenza produttiva di Latina rafforza la propria presenza: lo stabilimento Janssen produrrà per tutto il mondo simeprevir, il nuovo farmaco per il trattamento dell'Epatite C. Confermato il piano di sviluppo industriale che prevede nuo[...]

Trattamento dell'anemia nei soggetti con malattia infiammatoria intestinale

Quando è presente un'anemia da deficienza di ferro nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali (IBD) è raccomandata una supplementazione con lo stesso al fine di normalizzare i livelli di emoglobina e i depositi di ferro.

Diagnosi di anemia in pazienti con malattia infiammatoria intestinale, cosa dicono le nuove linee guida

L'anemia è una delle più comuni complicazioni sistemiche e manifestazioni extraintestinali della malattia infiammatoria intestinale. L' European Crohn's and Colitis Organisation (ECCO) ha appena pubblicato il documento di Consenso europeo sulla gesti[...]

Epatite C, con nuovo inibitore della proteina NS5A, i tempi di terapia si accorciano

Nell'era delle terapie che consentono percentuali di cura ben oltre il 90% dei soggetti infetti da epatite C, il prossimo target è la durata sempre più breve delle terapie. Questi tempi sono già maturi come dimostrato dal nuovo inibitore nucleotidico[...]

Colite Ulcerosa: si consolida la rivoluzione terapeutica avviata dai farmaci biologici

In occasione di un incontro con la stampa per la presentazione di un progetto comunicazionale volto a favorire la miglior conoscenza delle malattie infiammatorie dell'intestino, il Crohn e la colite ulcerosa, è stato anche fatto il punto sulle terapi[...]

Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali: arriva in Italia golimumab

Giovani, spesso giovanissimi, sia uomini che donne. Colpiti da una malattia poco conosciuta e riconosciuta, tardivamente diagnosticata. Costretti a ridimensionare i propri progetti di vita a causa di sintomi ciclici e invalidanti (diarrea, anche di t[...]

Epatite B, rischio riattivazione con immunosoppressori e farmaci anti-cancro

Gli individui con epatite virale B (HBV) con infezione silente, che ricevono un trattamento chemioterapico o immunosoppressivo possono essere a rischio di riattivazione della malattia.

ABT-493 e ABT-530, inibitori di proteasi e polimerasi efficaci su tutti i genotipi dell'Hcv

L' inibitore sperimentale della proteasi del virus dell'epatite C (Hcv), ABT-493, e l'inibitore dell'NS5A, ABT-530, hanno dimostrato una buona attività antivirale in pazienti con epatite cronica C di genotipo 1 in uno studio clinico condotto in mono[...]

Epatite C, quali le criticità di gestione presenti nel nostro Paese?

La mancanza di stime epidemiologiche realistiche e aggiornate sul burden epatite C, il problema della sostenibilità economica dei nuovi trattamenti capaci di eradicare il virus e l'attesa del vaglio e dell'attuazione del Piano Nazionale per la Lotta [...]

Emergenza epatite C: quanto e cosa manca per l’adozione del Piano Nazionale Epatiti?

Entro il mese di febbraio si riunirà nuovamente la commissione per il Piano Nazionale Epatiti; il piano presentato nel 2012 verrà nuovamente rivisto alla luce del primo farmaco di seconda generazione appena arrivato sul mercato italiano e di quelli c[...]

Alterazione del viroma enterico, ecco la possibile origine delle IBD

I pazienti con malattia infiammatoria intestinale (IBD) manifestano specifiche alterazioni del viroma enterico non spiegabili con la diminuzione della diversità batterica.

Daclatasvir, terapia più breve contro i genotipi 2 e 3 dell'epatite C

Il regime di trattamento a base di daclatasvir in combinazione con interferone alfa-2a (Peg-IFN alfa- 2a) e ribavirina si è dimostrato sicuro e generalmente ben tollerato in pazienti con infezione da virus dell'epatite C di genotipo 2 e 3. Questi imp[...]

Corticosteroidi, più eventi tromboembolici nei pazienti con IBD

La terapia con i soli corticosteroidi e quella di combinazione con corticosteroidi più farmaci biologici sono associate a un aumento di cinque volte del rischio di eventi tromboembolici venosi rispetto alla monoterapia con biologici, in pazienti con [...]

Celiachia, i casi aumentano anche in Italia

Nel corso degli ultimi 2 decenni, nel Regno Unito le diagnosi cliniche di malattia celiaca nei bambini di età superiore ai tre anni sono aumentate di quasi tre volte, soprattutto nelle aree socio-economicamente più sviluppate. Questi dati derivano d[...]

Nuovo marker di danno epatico nell' epatite cronica C

L'antigene del carcinoma a cellule squamose (SCCA) complessato con le IgM è rilevabile nel sangue in un terzo dei pazienti con epatite cronica C (CHC) e correla significativamente con il quadro istologico della steatoepatite non alcolica (NASH).