Gastroenterologia

VIDEO

Epatite C, efficacia di glecaprevir/pibrentasvir valutata nella vita reale


Epatite C, risultati dello studio EXPEDITION-8 su glecaprevir/pibrentasvir


Epatite C, quanti casi ci sono ancora in Italia?


Malattia di Crohn e colite ulcerosa: le sfide della società scientifica IG-IBD


Terapie avanzate, quali sono le sfide che ricercatori e medici devono affrontare?


Fistole perianali complesse nel Crohn, ai primi due italiani una nuova cura con cellule staminali


Darvadstrocel, una nuova cura per le fistole perianali complesse nella malattia di Crohn


Malattie gastrointestinali, l'impegno di Takeda dura da oltre 30 anni


I bisogni insoddisfatti dei pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali


Gastroenterologia, quali sono i principali filoni di ricerca?


Patologie infiammatorie croniche intestinali: gestione secondo il Piano Nazionale della Cronicità


Epatite C, servono percorsi adatti per curare i pazienti


Farmaci per l'epatite C, diversi ma tutti importanti per eliminare il virus


Epatite C, cosa manca per eradicare questa infezione


Eradicazione dell' epatite C, come usare i trattamenti che abbiamo


Eliminare l'epatite C, l'impegno di AISF dalla ricerca alla clinica


Eliminare l'HCV, i risparmi per il Sistema Sanitario Nazionale


Diagnosi e trattamento dell' epatite C, uno spot sulla RAI per divulgare l'informazione


Epatite C , i progetti di un gruppo di SerD napoletani


Epatite C, buone pratiche per raggiungere e curare il sommerso


Microeliminazione dell'epatite C, i progetti della Asl Napoli 1


Colangite biliare primitiva, efficacia dell'acido obeticolico dalla real life italiana


ARTICOLI

Celiachia, i casi aumentano anche in Italia

Nel corso degli ultimi 2 decenni, nel Regno Unito le diagnosi cliniche di malattia celiaca nei bambini di età superiore ai tre anni sono aumentate di quasi tre volte, soprattutto nelle aree socio-economicamente più sviluppate. Questi dati derivano d[...]

Nuovo marker di danno epatico nell' epatite cronica C

L'antigene del carcinoma a cellule squamose (SCCA) complessato con le IgM è rilevabile nel sangue in un terzo dei pazienti con epatite cronica C (CHC) e correla significativamente con il quadro istologico della steatoepatite non alcolica (NASH).

Il paziente al centro delle nuove terapie contro l'epatite C cronica

I nuovi regimi di trattamento per l'epatite C cronica senza interferone, con o senza ribavirina, sono associati a un'elevata efficacia terapeutica e un sostanziale miglioramento degli outcome riferiti dal paziente in ambiente di sperimentazione clini[...]

Rifaximina, pro e contro delle varie formulazioni

Le formulazioni di rifaximina contenenti la forma amorfa aumentano diversi parametri farmacocinetici del medicinale e in ultima analisi aumentano la biodisponibilità sistemica. A lungo andare questo puo’ portare a problematiche cliniche rilevanti di [...]

Esofago di Barrett ed esofagite erosiva, quanto è importante il fumo di sigaretta?

Il fumo sembra essere un determinante indipendente di sviluppo dell’esofago di Barrett e, in misura minore, di esofagite erosiva. L'elevazione del rischio è indipendente dalla presenza della malattia da reflusso gastroesofageo ed è già presente nei f[...]

Budesonide MMX, conferme di efficacia e sicurezza nella colite ulcerosa

La budesonide MMX, alla dose di 9 mg, è efficace nell'indurre la remissione in pazienti con colite ulcerosa da lieve a moderata. Questo è quanto riportato in un articolo pubblicato sulla rivista Alimentary and Pharmacology Therapeutics in cui gli au[...]

Celiachia, non è importante il “tempo” di introduzione del glutine

I tempi di introduzione del glutine nella dieta di un bambino non sembrano influenzare il conseguente rischio di sviluppare la malattia celiaca.

Epatite C, ancora poco chiaro il valore dello screening

Secondo un nuovo studio canadese, lo screening per l'epatite C (HCV) di grandi coorti di popolazione sarebbe conveniente poichè porterebbe all'Identificazione dei casi silenti di infezione da HCV cronica e all'eventuale trattamento, quando adeguato, [...]

Interruzione dell’anti-TNF in pazienti con Crohn, il 36% recidiva a un anno

I tassi di recidiva a 1 anno in seguito alla sospensione del trattamento con anti-TNF, in pazienti affetti da malattia di Crohn, sono pari al 36%, con un alto tasso di risposta verso il ritrattamento. Questo è quanto riportato dai risultati di uno st[...]

Psoriasi-steatosi epatica non alcolica, dimostrato il collegamento

La steatosi epatica non alcolica è una problematica comune in soggetti adulti con psoriasi. E’ quanto afferma uno studio clinico pubblicato sulla rivista Alimentary Pharmacology and Therapeutics.

Sconfitta l'epatite C anche dopo il trapianto

Un trattamento a base di sofosbuvir e ribavirina somministrato prima del trapianto di fegato (LT) impedisce la comparsa di recidive di epatite C post trapianto in individui con negativizzazione virale da almeno un mese, in parole povere i pazienti gu[...]

Sirolimus, migliorano gli outcome dopo trapianto di fegato in pazienti con epatite C

Il passaggio dalla terapia a base di inibitori della calcineurina a una terapia a base di sirolimus produce un miglioramento della sopravvivenza in pazienti sottoposti a trapianto di fegato e con infezione da virus dell'epatite C (HCV). E' quanto mos[...]

Guarigione dall'epatite B, un aiuto dalla terapia genica

Un nuovo trattamento a base di short interfering RNA, è apparso sicuro e associato ad una riduzione dei livelli di antigene di superficie dell'epatite B in pazienti con epatite B cronica che assumevano entecavir.

Steatosi epatica non alcolica, nessun miglioramento dal resveratrolo

Il resveratrolo non ha apportato miglioramenti in soggetti in sovrappeso o obesi con steatosi epatica non alcolica (NAFLD). Questo è quanto rivelato da uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Gastroenterology and Hepatology.

Risultati preliminari positivi per due anti HCV ad azione diretta di Achillion

Achillion Pharmaceuticals ha reso noti i risultati ad interim di uno studio di fase II ancora in corso condotto sul farmaco anti HCV ACH-3102 in combinazione con sofosbuvir e di uno studio di fase I condotto sull’antivirale ACH-3422.

Danno intestinale nel Crohn, a quantificarlo ci pensa l'indice Lemann

E' stato sviluppato il primo sistema completo di punteggio per valutare il danno cumulativo intestinale strutturale nella malattia di Crohn. Questo nuovo indicatore si chiama Lemann Index ed è stato validato in uno studio clinico pubblicato sulla riv[...]

Morbo di Crohn, anti-TNF promossi contro le recidive

La profilassi postoperatoria con farmaci anti fattore di necrosi antitumorale alfa (anti-TNF) in monoterapia sembra essere l'opzione più efficace dopo resezione chirurgica della malattia di Crohn (CD) contro il rischio di recidiva clinica ed endoscop[...]

Colite ulcerosa, scarsa aderenza alla terapia rettale con mesalazina

Il 70% dei pazienti con colite ulcerosa in trattamento con mesalazina topica non utilizzano tale terapia come prescritto. Questo è quanto rivelato da uno studio presentato al meeting annuale dell'American College of Gastroenterology. Gli esperti sott[...]

Combinazione entecavir più tenofovir, efficace contro l'epatite B

Una combinazione di entecavir più tenofovir è efficace nel debellare il virus dell'epatite B (HBV) in persone resistenti ad altri farmaci antivirali. Questo dato deriva dai risultati dello studio europeo ENTEBE presentato al liver meeting dell' Ameri[...]

Epatite C, regime 3D efficace e sicuro anche in pazienti trapiantati

Il trattamento con il regime multitarget composto da ombitasvir, paritaprevir/r e dasabuvir con ribavirina è stato associato ad un basso tasso di eventi avversi gravi e un alto tasso di risposta virologica sostenuta (97%) nei soggetti sottoposti a tr[...]