Abuso di alcol ed epatite C, veloce progressione della malattia epatica

Gastroenterologia

Bevitori ed ex bevitori di alcool hanno maggiore probabilità di avere infezione da virus dell'epatite C e un aumentato rischio di ulteriore danno epatico rispetto a soggetti astemi e persone che ne fanno un consumo normale. Questo è quanto emerge da un articolo pubblicato sull'American Journal of Preventive Medicine.

Bevitori ed ex bevitori di alcool hanno maggiore probabilità di avere infezione da virus dell'epatite C e un aumentato rischio di ulteriore danno epatico rispetto a soggetti astemi e persone che ne fanno un consumo normale. Questo è quanto emerge da un articolo pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine.
"La metà di tutte le persone che vivono con l'epatite C non sono consapevoli della loro infezione, né dei gravi rischi a cui possono andare incontro con un eccessivo consumo di alcol" ha dichiarato Ambra L. Taylor, della Divisione sull’ epatite virale al CDC". Questo mette in evidenza la necessità di una maggiore diagnosi e interventi completi ed efficaci per gli individui infetti da epatite C con i nuovi trattamenti e fornire istruzioni e il sostegno necessari per ridurre l'uso di alcol."
Per determinare la relazione tra alcol e HCV, Taylor e colleghi hanno valutato i dati auto-riportati sul consumo di alcol da 20.042 individui presenti nel database National Health and Nutrition Examination Survey tra il 2003 e il 2010. 
I pazienti sono stati stratificati in base allo stato HCV e l'uso di alcol a quattro diversi livelli: astemio, ex bevitore, bevitore corrente non eccessivo e bevitore corrente eccessivo.
I risultati hanno mostrato che i bevitori attuali eccessivi (1,5%) e gli ex bevitori (2,2%) avevano la più alta prevalenza di HCV rispetto ad astemi (0,4%) e bevitori attuali non eccessivi (0,9%).
I pazienti con HCV bevevano tre volte di più rispetto ai pazienti che non hanno mai avuto l’HCV (43,8% vs 13,7%; p<0.001). Inoltre, gli adulti con HCV avevano una probabilità 1,7 volte più elevata di essere ex bevitori rispetto a soggetti senza HCV (95% CI, 15,7-18,3). In bevitori attuali, i soggetti con HCV avevano una probabilità 1,3 volte più elevata di essere eccessivi bevitori attuali rispetto agli adulti senza HCV (95% CI, 40-42.8).
"La maggiore prevalenza di infezione da HCV tra gli attuali bevitori eccessivi indica la necessità di approcci più completi per la cura primaria, secondaria e terziaria," hanno precisato la dr.ssaTaylor e colleghi.
In semplici modelli logistici, i ricercatori hanno scoperto che il bere attuale eccessivo era maggiormente legato a individui più giovani, di sesso maschile, con un reddito inferiore al doppio del livello di povertà, senza istruzione al di sopra della scuola superiore, con HCV e non aveva un’assicurazione sanitaria o medica.
L’HCV è stata associata con il bere eccessivo e l'ex bere con un rapporto di prevalenza aggiustato di 1,3 (95% CI, 1.1-1.6 per entrambi), dopo il controllo per età, sesso, istruzione, etnia e fonte di assistenza sanitaria.
Secondo quanto hanno precisato gli autori, l'alcool può essere molto dannoso per pazienti con HCV.
"L'alcol favorisce un più rapido sviluppo di fibrosi e di progressione verso la cirrosi in persone che vivono con l'epatite C. Nel 2010, le malattie epatiche alcol-correlate erano al terzo posto come causa di morte tra le persone con epatite C ", ha precisato Taylor.
I ricercatori hanno concluso: "Le strategie di sanità pubblica devono realizzare interventi con particolare attenzione all’ abuso di alcool, che influisce negativamente sulla progressione della malattia per le persone con infezione da HCV."
EV


Amber L. Taylor et al. Association of Hepatitis C Virus With Alcohol Use Among U.S. Adults: NHANES 2003–2010

leggi