I risultati di uno studio presentato nel corso del congresso annuale dell’American College of Surgeons hanno mostrato come alvimopan, un antagonista periferico dei recettori μ-oppiodi, sia stato in grado di ridurre in modo significativo l’incidenza di ileo post-operatorio (una complicanza  e iatrogena che si caratterizza per la riduzione temporanea  o la paralisi delle funzioni e della motilità intestinale in seguito a interventi di chirurgia addominale)  e di tagliare i tempi di degenza ospedaliera nei pazienti sottoposti a chirurgia intestinale in trattamento con il farmaco in quanto parte di un programma esistente di recupero accelerato.

Il farmaco, sviluppato da GSK e Aldolor, appartiene alla classe di farmaci che agiscono come antagonisti dei recettori μ-oppioidi ad azione periferica, e che sono stati pensati per correggere gli effetti indesiderati sul sistema gastroenterico degli oppioidi, senza comprometterne l’azione analgesica.

Lo studio presentato al Congresso era un trial randomizzato vs placebo, nel corso del quale 248 pazienti destinati a chirurgia intestinali sono stati randomizzati al trattamento con il farmaco, al dosaggio di 12 mg bis die, prima della  chirurgia, o a placebo. Dopo l’intervento chirurgico, i pazienti allocati al gruppo di trattamento attivo erano nuovamente trattati con il farmaco fino alla dimissione ospedaliera.

L’endpoint primario dello studio era rappresentato dalla durata delle degenza ospedaliera. Tra gli endpoint secondari, invece, vi erano l’incidenza di ileo post-operatorio, il tempo alla prima defecazione, quello alla tolleranza di cibo solido, i costi ospedalieri e delle farmacie, il ricorso alla reinserzione del tubo naso gastrico e i tassi di riammissione ospedaliera a 30 giorni.
I pazienti avevano un’età media di 61 anni e non vi erano differenze significative in relazione alle caratteristiche demografiche e a quelle cliniche e quelli in trattamento attivo avevano assunto, in media, nove dosi di alvimopan.

I risultati hanno documentato una riduzione media di un giorno di degenza ospedaliera nel gruppo trattato con alvimopan vs placebo (4 giorni di degenza vs 5 giorni) – una differenza statisticamente significativa. Inoltre, nei pazienti trattati con alvimopan, l’incidenza di ileo post-operatorio è stata minore rispetto al placebo (2% vs 10%), come pure il ricorso alla reinserzione della sonda naso-gastrica (2% vs 9%). Quanto ai tassi di re-ospedalizzazione a 30 giorni e di nuovo intervento chirurgico, non sono state rilevate differenze tra i 2 gruppi. Inoltre, il tempo alla prima defecazione è risultato anticipato di un giorno nel gruppo sottoposto a trattamento attivo rispetto a quanto osservato nel gruppo placebo.

Moesinger R et al. Alvimopan, a Peripherally Acting µ-Opiod Antagonist, Augments the Benefit of an Enhanced Recovery Pathway for Intestinal Surgery Patients: Results of a Multicenter, Randomized, Placebo-Controlled Trial. Abstract Sp07-3]. American College of Surgeons Annual Meeting 2013.