Appendicectomia e insorgenza del Parkinson, c'è un collegamento?

I pazienti sottoposti ad appendicectomia hanno mostrato un rischio maggiore di sviluppare la malattia di Parkinson. E' quanto emerge dai dati presentati alla Digestive Disease Week (DDW2019) a San Diego.

I pazienti sottoposti ad appendicectomia hanno mostrato un rischio maggiore di sviluppare la malattia di Parkinson. E’ quanto emerge dai dati presentati alla Digestive Disease Week (DDW2019) a San Diego.

"Uno dei fattori riscontrati nel cervello dei pazienti con malattia di Parkinson (PD) è l'accumulo di una proteina anormale nota come alfa-sinucleina rilasciata da cellule nervose danneggiate nel cervello", ha dichiarato Gregory Cooper della Case Western Reserve University School of Medicine, Cleveland, durante una conferenza stampa tenutasi prima del DDW.

"Non solo l'alfa-sinucleina si trova nel cervello dei malati di Parkinson ma anche nel tratto gastrointestinale (GI). Si pensa che l'accumulo a tale livello si verifichi prima dello sviluppo dell'accumulo nel cervello. "

Uno studio retrospettivo del 2017 (2) suggeriva che la storia di appendicectomia non fosse legata allo sviluppo di PD; al contrario uno studio del 2018 (3) mostrava che la rimozione dell’appendicite potrebbe essere protettivo nei confronti dello sviluppo del Parkinson

Viste le conclusioni contraddittorie degli studi precedenti, i ricercatori del Cleveland Medical Center hanno prodotto conclusioni contraddittorie, Cooper e colleghi hanno utilizzato il database di Explorus per indagare su diagnosi da 26 importanti sistemi sanitari su oltre 60 milioni di pazienti.

I ricercatori hanno identificato circa mezzo milione di pazienti sottoposti ad appendicectomia e, di questi, circa 4.500 hanno avuto una diagnosi di Parkinson almeno 6 mesi dopo l'appendicectomia.

Copper ha evidenziato che nei pazienti che hanno avuto un'appendicectomia, la prevalenza di Parkinson era di circa lo 0,9% rispetto ai pazienti senza appendicectomia in cui la prevalenza era dello 0,3%.

La prevalenza di Parkinson era più alta nei pazienti con appendicectomia in tutte le fasce di età; pazienti di età compresa tra 18 e 64 anni (rapporto di rischio 4.27, IC 95% 3.99-4.57) e oltre i 65 anni (RR 2.20, IC 95% 2.13 -2.27), entrambi avevano un aumentato rischio di sviluppare il morbo di Parkinson.

Cooper ha spiegato che: "indipendentemente dal gruppo o dal genere razziale, la prevalenza del morbo di Parkinson era più alta nei pazienti con appendicectomia rispetto ai pazienti nel gruppo di controllo".

"Non sto sostenendo di non fare appendicectomie in pazienti con appendicite", ha detto Cooper. "Ma è un altro pezzo del puzzle nella ricerca della causa della malattia di Parkinson".

"La nostra ricerca mostra una chiara relazione tra Parkinson e appendicectomia", ha aggiunto Cooper. "Tuttavia, a questo punto è solo un'associazione e vorremmo condurre ulteriori ricerche per confermare questa connessione e capire meglio i meccanismi coinvolti."

1. Cooper G, et al. Abstract 739. Parkinson's Disease is More Prevalent in Patients with Appendectomies: A National Population-Based Study"Presented at: Digestive Disease Week; May 18-21; San Diego, California.

2. Yilmaz R et al., Appendectomy History is not Related to Parkinson's Disease. 2. J Parkinsons Dis. 2017;7(2):347-352. doi: 10.3233/JPD-171071.
leggi

Killinger BA et al., The vermiform appendix impacts the risk of developing Parkinson's disease. 3. Sci Transl Med. 2018 Oct 31;10(465). pii: eaar5280. doi: 10.1126/scitranslmed.aar5280
leggi