Gastroenterologia

Appendicite acuta negli adulti, soddisfa di pił il trattamento antibiotico o la chirurgia?

Gli adulti con appendicite acuta non complicata che sono stati trattati con antibiotici e non hanno avuto bisogno di un intervento chirurgico in un secondo momento sono stati soddisfatti della loro esperienza di trattamento quanto i soggetti che hanno subito un intervento chirurgico, secondo un'analisi secondaria di uno studio clinico randomizzato pubblicato su JAMA Surgery.

Gli adulti con appendicite acuta non complicata che sono stati trattati con antibiotici e non hanno avuto bisogno di un intervento chirurgico in un secondo momento sono stati soddisfatti della loro esperienza di trattamento quanto i soggetti che hanno subito un intervento chirurgico, secondo un'analisi secondaria di uno studio clinico randomizzato pubblicato su JAMA Surgery.

Inoltre, secondo quanto evidenziato dagli autori del lavoro, entrambi le tipologie di pazienti avevano una qualità di vita comparabile.
"Per quanto ne sappiamo, nessun altro studio è stato condotto sulla qualità della vita a lungo termine e sulla soddisfazione del paziente nel ricevere terapia antibiotica o appendicectomia per il trattamento dell'appendicite acuta non complicata" hanno precisato nel lavoro Suvi Sippola, della divisione di chirurgia digestiva e urologia presso l'Università di Turku e l'ospedale universitario di Turku in Finlandia, e colleghi.

Lo studio si è basato su interviste realizzate a 423 pazienti con appendicite acuta (APPAC) che erano stati assegnati in modo casuale al trattamento antibiotico (n=206) o all'appendicectomia aperta (n=217).
I pazienti nel braccio antibiotico hanno ricevuto 1 g di ertapenem per via endovenosa una volta al giorno per 3 giorni, seguito da levofloxacina orale 500 mg una volta al giorno per 7 giorni e metronidazolo orale 500 mg tre volte al giorno per 7 giorni.

Tra i pazienti che hanno ricevuto antibiotici, 81 avevano subito anche un'appendicectomia. Secondo i ricercatori, il follow-up mediano è stato di 7 anni.
Sippola e colleghi hanno scoperto che la qualità della vita tra le coorti in cui avevano assunto antibiotici e quella in cui erano stati sottoposti ad appendicectomia era simile (valore dell'indice di salute mediano in entrambi i gruppi=1; IC al 95%,=0,86-1).

La coorte sottoposta all'appendicectomia è stata più soddisfatta del trattamento assegnato rispetto alla coorte che aveva assunto antibiotici, ma un'analisi del sottogruppo ha mostrato che la differenza era basata su pazienti che assumevano antibiotici ma dovevano anche sottoporsi a un intervento chirurgico.

In effetti, non vi era alcuna differenza nella soddisfazione del paziente dopo un trattamento antibiotico efficace rispetto all'appendicectomia (OR cumulativo = 7,8; IC al 95%, 0,5-1,3).

I pazienti che hanno avuto un'appendicectomia o una terapia antibiotica di successo (OR cumulativo=7,7; IC al 95%, 4,6-12,9) sono stati più soddisfatti dei pazienti che hanno assunto antibiotici e successivamente sono stati sottoposti ad appendicectomia (OR cumulativo=9,7; IC al 95%, 5,4-15,3).

Degli 81 pazienti che hanno assunto antibiotici e successivamente hanno avuto un'appendicectomia, 27 hanno affermato che avrebbero scelto nuovamente gli antibiotici come trattamento primario.
Sippola e colleghi hanno scritto che i risultati sottolineano "l'importanza di scoprire potenziali parametri predittivi della recidiva di appendicite".

In un editoriale correlato, Edward Livingston, del dipartimento di chirurgia presso l'Università della California, a Los Angeles, ha scritto che sarebbe sbagliato prestare attenzione solo ai punteggi di soddisfazione del paziente riportati da Sippola e colleghi.
“A differenza delle condizioni di dolore cronico, che hanno un effetto principale sui pazienti con un decremento in termini di qualità della vita, l'appendicite è un'infezione acuta ", ha scritto Livingston. “Le infezioni possono diffondersi e causare gravi disabilità o persino la morte se non gestite correttamente. Il risultato più importante nella valutazione dell'efficacia del trattamento con appendicite è la sua capacità di evitare complicazioni infettive. "

Le analisi pubblicate in precedenza hanno mostrato che nella coorte inizialmente trattata con antibiotici, l'incidenza cumulativa di recidiva di appendicite era del 34% a 2 anni, del 35,2% a 3 anni, del 37,1% a 4 anni e del 39,1% a 5 anni.

Altri risultati precedentemente pubblicati indicavano che il tasso di successo chirurgico nella coorte di appendicectomia era del 99,6% (IC 95%, 98-100). Nel gruppo antibiotico, il 27,3% (IC 95%, 22-33,2) presentava un'appendicectomia entro 1 anno dalla presentazione iniziale e il 72,7% (IC 95%, 66,8-78) non aveva bisogno di un intervento chirurgico.

Nel suo editoriale, Livingston ha scritto che questi e altri "numerosi" risultati riportati nello studio APPAC dovrebbero guidare le decisioni terapeutiche.

Sippola S et al., Quality of Life and Patient Satisfaction at 7-Year Followup of Antibiotic Therapy vs Appendectomy for Uncomplicated Acute Appendicitis: A Secondary Analysis of a Randomized Clinical Trial. JAMA Surg. 2020 Feb 19. doi: 10.1001/jamasurg.2019.6028.

leggi

Livingston EH et al., Quality of Life-The Appendix. JAMA Surg. 2020 Feb 19. doi: 10.1001/jamasurg.2019.6029

leggi