Gastroenterologia ed epatologia

Bulevirtide, efficacia sostenuta e buon profilo di sicurezza a 96 settimane in caso di epatite cronica delta. #EASL23

Il trattamento continuato con bulevirtide mostra benefici clinici e un declino virale prolungato con un trattamento nel lungo periodo di adulti con infezione da epatite delta cronica (HDV) originariamente considerati parzialmente responsivi o non responsivi. È quanto evidenzia uno studio clinico di fase 3 presentato al congresso dell'EASL (Associazione europea per lo studio del fegato).

Il trattamento continuato con bulevirtide mostra benefici clinici e un declino virale prolungato con un trattamento nel lungo periodo di adulti con infezione da epatite delta cronica (HDV) originariamente considerati parzialmente responsivi o non responsivi. È quanto evidenzia uno studio clinico di fase 3 presentato al congresso dell’EASL (Associazione europea per lo studio del fegato).

Questi nuovi dati rafforzano il ruolo di bulevirtide come trattamento efficace e ben tollerato per la gestione dell'HDV cronico. Bulevirtide rimane l'unico trattamento approvato per l'HDV nell'UE e non è approvato negli Stati Uniti. I nuovi risultati rafforzano l'efficacia e la sicurezza di bulevirtide e dimostrano che si osservano ulteriori miglioramenti nella risposta combinata alla settimana 96 rispetto alla settimana 48, senza segni di resistenza al trattamento.

Un'ulteriore analisi dello studio di fase 3, MYR301, presentato in un late-breaker (LBP-20) ha mostrato che i partecipanti allo studio che sembravano non rispondere o rispondere solo parzialmente al trattamento con bulevirtide alla settimana 24, hanno continuato a ottenere una risposta virologica a 96 settimane con monoterapia continua con bulevirtide.

“Questi ultimi dati si aggiungono al crescente numero di prove che stabiliscono che bulevirtide è un trattamento efficace e ben tollerato per l'HDV se usato per una durata maggiore. È importante sottolineare che abbiamo visto una risposta a 96 settimane anche nelle persone che inizialmente mostravano solo un calo parziale della carica virale dell'HDV", ha affermato Heiner Wedemeyer, Direttore del Dipartimento di Gastroenterologia, Epatologia, Malattie Infettive ed Endocrinologia presso la Scuola di Medicina di Hannover.

"Questi risultati dimostrano ai medici e ai pazienti che con un trattamento prolungato con bulevirtide, possono esserci possibili benefici clinici". I dati MYR301 di fase 3 che valutano l'efficacia e la sicurezza di bulevirtide a 96 settimane (OS-068), si basano sui dati della settimana 48 condivisi all'ILC 2022 dell'EASL e sono stati pubblicati ieri sul New England Journal of Medicine.

I partecipanti allo studio che hanno ricevuto 2 mg o 10 mg di bulevirtide hanno ottenuto risposte combinate simili (normalizzazione ALT e risposta virologica) alla settimana 96. I tassi combinati di risposta virologica e biochimica hanno continuato ad aumentare fino alla settimana 96 rispetto alla settimana 48, con tassi di risposta del 55% e 56% rispettivamente con 2 mg e 10 mg di bulevirtide.

Il profilo di sicurezza alla settimana 96 è coerente con quanto osservato alla settimana 48, senza alcuna resistenza osservata e nessun evento avverso grave attribuito al trattamento con bulevirtide.

Con il trattamento con bulevirtide sono stati osservati aumenti degli acidi biliari senza correlazione con prurito o altri sintomi. Le reazioni nel sito di iniezione si sono verificate in una percentuale maggiore di partecipanti allo studio che hanno ricevuto 10 mg di bulevirtide.
In una nuova analisi (LBP-20), i partecipanti allo studio trattati con bulevirtide in monoterapia che hanno manifestato una risposta virologica subottimale (mancata risposta o risposta parziale) alla settimana 24 hanno proseguito il trattamento fino alla settimana 96.
Tra i partecipanti allo studio che non hanno avuto risposta o una risposta parziale alla settimana 24, rispettivamente il 43% e l'82% ha raggiunto la risposta virologica entro la settimana 96.

La risposta virologica è stata definita come HDV RNA non rilevabile o una diminuzione maggiore o uguale a 2 log10 IU/mL rispetto al basale; la mancata risposta e la risposta virologica parziale sono state definite come declino dell'RNA dell'HDV rispettivamente <1-log10 IU/mL e ≥1 ma <2-log10 IU/mL.
I dati hanno anche mostrato che i miglioramenti dell'ALT alla settimana 96 potevano essere osservati nei partecipanti trattati con bulevirtide con la risposta virologica subottimale definita in precedenza.

Questi risultati evidenziano che anche nei pazienti che hanno inizialmente una risposta virologica subottimale (dopo 24 settimane di trattamento), il trattamento prolungato con bulevirtide ha portato a una risposta virologica e/o biochimica nella maggior parte dei partecipanti allo studio.
Nell'aprile 2023, il comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha raccomandato di concedere la piena autorizzazione all'immissione in commercio (MA) per bulevirtide per il trattamento di adulti con HDV cronico e malattia epatica compensata.
A bulevirtide è stata inizialmente concessa l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionale nel luglio 2020 per fornire alle persone affette da HDV urgente accesso al trattamento.

Dallo scorso aprile, la bulevirtide è approvata e rimborsata da AIFA per il trattamento dell'epatite delta cronica, la forma più grave e a più rapida progressione di epatite virale, con tassi di progressione verso cirrosi ed epatocarcinoma (HCC) notevolmente maggiori rispetto alla mono infezione da HBV.

Lo studio MYR301
MYR301 è uno studio clinico di fase 3 in corso che valuta l'efficacia e la sicurezza a lungo termine di bulevirtide in 150 persone affette da HDV cronico assegnate in modo casuale al trattamento con bulevirtide 2 mg una volta al giorno (n=49), 10 mg una volta al giorno (n=50) o nessun trattamento antivirale (trattamento ritardato, n=51).
I dati primari di efficacia e sicurezza sono stati valutati alla settimana 48. Dopo la settimana 48, i partecipanti al gruppo di trattamento ritardato dello studio sono passati a bulevirtide 10 mg una volta al giorno per ulteriori 96 settimane.

La durata totale del trattamento in tutti i gruppi nello studio è di 144 settimane. L'endpoint primario, risposta combinata, è definito come un HDV RNA non rilevabile (Gli endpoint secondari alla settimana 48 includono l'RNA dell'HDV non rilevabile (endpoint secondario chiave), la normalizzazione dell'ALT e una variazione rispetto al basale della rigidità epatica misurata mediante elastografia transitoria.

Informazioni sull'HDV
L'HDV cronico è la forma più grave di epatite virale e può avere tassi di mortalità fino al 50% entro cinque anni nei pazienti cirrotici. L'HDV si verifica solo come co-infezione in individui che hanno l'HBV. Si stima che almeno 12 milioni di persone in tutto il mondo siano attualmente co-infette da HDV e HBV. La coinfezione da HDV è associata a una progressione più rapida verso la fibrosi epatica, la cirrosi e lo scompenso epatico e un aumento del rischio di cancro al fegato e morte. Negli Stati Uniti e in Europa, si stima che vi siano più di 230.000 persone affette da HDV; tuttavia, rimane un’infezione ampiamente sottodiagnosticata in tutto il mondo.