Gastroenterologia ed epatologia

Calprotectina fecale e CRP sierica, raccomandate dai gastroenterologi americani per orientare la gestione della malattia di Crohn

Secondo una linea guida di pratica clinica aggiornata dell'AGA, la calprotectina fecale e i biomarcatori della proteina C-reattiva sierica possono aiutare nella gestione della malattia per i pazienti con malattia di Crohn asintomatica o sintomatica.

L’AGA ha formulato 11 raccomandazioni condizionali per informare sull’uso dei biomarcatori nella gestione della malattia di Crohn. Le raccomandazioni evidenziano l'uso della calprotectina fecale e della proteina C-reattiva sierica e sono state pubblicate su Gastroenterology.

"Nello studio CALM (Effect of Tight Control Management on Crohn's Disease) che ha confrontato una strategia terapeutica basata sui sintomi con una strategia basata su biomarcatori, l'uso della misurazione frequente dei biomarcatori per guidare l'escalation della terapia è stato associato a risultati migliori per i pazienti nell'arco di 2 anni," hanno evidenziato Ashwin N. Ananthakrishnan, gastroenterologo del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School, e colleghi.

"Le prestazioni dei biomarcatori sierici e fecali dell'attività della malattia, così come la solida determinazione delle soglie che possono funzionare come surrogati della valutazione dell'attività endoscopica, non sono state esaminate in modo completo, portando a una variabilità significativa nella pratica clinica nell'uso ottimale di questi biomarcatori."

Per guidare i professionisti nell'uso di questi biomarcatori per la gestione della CD, esperti di contenuti e metodologi delle linee guida hanno partecipato a un panel multidisciplinare per creare domande cliniche incentrate sul paziente ed esaminare le prove sulle prestazioni della calprotectina fecale, della CRP sierica e dell'indice di guarigione endoscopico tra i pazienti con CD che erano asintomatici, presentavano sintomi di varia gravità o erano in remissione indotta chirurgicamente.

La linea guida ha inoltre studiato il valore predittivo dei biomarcatori per la recidiva postoperatoria.
Riportiamo i punti salienti delle 11 raccomandazioni condizionali del panel.

Pazienti in remissione sintomatica
L’AGA raccomanda una strategia di monitoraggio che combini biomarcatori e sintomi, piuttosto che fare affidamento solo sui sintomi. Nei pazienti con conferma di remissione endoscopica, AGA raccomanda inoltre l'uso di calprotectina fecale (<150 µg/g) e/o CRP (<5 mg/L) per escludere un'infiammazione attiva.
L'AGA raccomanda la valutazione endoscopica per escludere un'infiammazione attiva, piuttosto che la sola calprotectina fecale o CRP, nei pazienti in remissione sintomatica senza recente conferma della remissione endoscopica.

Nei pazienti con elevati biomarcatori di infiammazione, tra cui calprotectina fecale (>150 µg/g) e CRP (>5 mg/L), l'AGA raccomanda la valutazione endoscopica dell'attività della malattia piuttosto che l'aggiustamento empirico del trattamento.

Pazienti con malattia sintomaticamente attiva
L’AGA raccomanda una valutazione basata sui biomarcatori e una strategia di aggiustamento del trattamento, piuttosto che fare affidamento solo sui sintomi.
Nei pazienti con sintomi lievi e biomarcatori di infiammazione elevati (calprotectina fecale >150 µg/g; CRP>5 mg/L) o biomarcatori normali (<150 µg/g; CRP<5 mg/L), l'AGA raccomanda la valutazione endoscopica dell’attività della malattia piuttosto che un aggiustamento empirico del trattamento.
Nei pazienti con sintomi da moderati a gravi, l'AGA raccomanda l'uso di calprotectina fecale (>150 µg/g) o CRP (>5 mg/L) per controllare l'infiammazione attiva, orientare l'aggiustamento del trattamento ed evitare la valutazione endoscopica di routine.

Pazienti in remissione indotta chirurgicamente negli ultimi 12 mesi
L'AGA raccomanda l'uso di calprotectina fecale (<50 µg/g) per evitare la valutazione endoscopica di routine dell'attività della malattia in pazienti asintomatici che sono a basso rischio di recidiva postoperatoria o che hanno almeno un fattore di rischio per recidiva ma sono in profilassi farmacologica postoperatoria.
L'AGA raccomanda la valutazione endoscopica per la valutazione della recidiva in pazienti asintomatici che presentano un elevato rischio basale di recidiva e non ricevono profilassi farmacologica.

"C'è stata una discussione limitata sul ruolo dei biomarcatori non invasivi nella gestione della malattia di Crohn nelle linee guida cliniche", hanno scritto Ananthakrishnan e colleghi. “Nei pazienti con risposta clinica alla terapia medica, le linee guida raccomandano di valutare la guarigione della mucosa tramite endoscopia o calprotectina fecale. Nessuna di queste linee guida ha discusso la performance di cut-off specifici e le implicazioni a valle coinvolte nel processo decisionale, che sono fondamentali per l’utilizzo di questi biomarcatori nella pratica clinica”.

Ashwin N Ananthakrishnan et al.,  AGA Clinical Practice Guideline on the Role of Biomarkers for the Management of Crohn's Disease Gastroenterology. 2023 Dec;165(6):1367-1399. doi: 10.1053/j.gastro.2023.09.029
leggi