Gastroenterologia ed epatologia

Celiachia, in Italia solo 9 mila diagnosi l'anno. Troppi casi ancora sommersi, i consigli dell'esperto

In occasione della Giornata Mondiale della Celiachia, emergono i dati significativi degli oltre 350mila italiani a cui non è ancora mai stata diagnosticata la malattia. I consigli dell'esperto per una dieta celiaca sana

Aumentano gli italiani affetti da celiachia. In Italia ad oggi sono oltre 224mila i casi diagnosticati, ma i numeri sono molto più alti se si considera l'enorme dato dei casi ancora sommersi: sono infatti circa 350mila le persone celiache che non sanno di esserlo, con una media di "sole" 9mila diagnosi effettuate l'anno.

L'Italia è il Paese in cui la prevalenza di malattia celiaca (la così detta MC) è tra le più alte al mondo, con una quota significativa anche per i pazienti più giovani come bambini e adolescenti, e una percentuale di genere nettamente prevalente per le donne rispetto agli uomini.

E' questa la fotografia riportata dalla Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia realizzata dalla Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero della Salute con il contributo dell'Istituto Superiore di Sanità con riferimento all'ultimo triennio, studio teso non solo a sensibilizzare ma anche a informare la popolazione su questa patologia di cui il 16 maggio ricorre simbolicamente la Giornata mondiale.

UNA MALATTIA AUTOIMMUNE, OLTRE LE MODE E LA DIETA - La celiachia è infatti una vera e propria malattia, una condizione autoimmune che si sviluppa in soggetti geneticamente predisposti nei quali l'assunzione di glutine, proteina presente in alcuni cereali come grano, segale e orzo, provoca nelle persone che ne sono affette danni e problemi di salute.

Il paziente celiaco risponde quindi al malassorbimento del glutine con diarrea, steatorrea, calo ponderale e ritardo della crescita nel caso di bambini. La celiachia non è dunque un'allergia, ma un'intolleranza alimentare permanente, curabile ma non guaribile.

Nessuna moda, quindi, nè scorciatoia per perdere peso: "Molto spesso si pensa che le abitudini alimentari idonee a una dieta celiaca possano influire sulla perdita di peso poiché si vanno a "tagliare" i carboidrati, erroneamente considerati alimenti ostili alla perdita di peso. Credenza assolutamente falsa e infondata" spiega il Dott. Giulio Gaudio, esperto dietista nutrizionista.

TROPPI CASI NON DIAGNOSTICATI, I RISCHI PER LA SALUTE - I dati parlano chiaro, considerando che la prevalenza stimata della celiachia nei paesi occidentali è intorno all'1%, è evidente quanti casi ancora  siano "sommersI" e non ancora diagnosticati.

Con tutti i rischi del caso, se si considera che un paziente celiaco al quale non viene corrisposta una corretta diagnosi, oltre al danno diretto, subisce un consistente danno indiretto perché non è in grado di assorbire sostanze nutritive e quindi rischia la malnutrizione. Se non diagnosticata tempestivamente e trattata in modo adeguato, la celiachia può infatti avere conseguenze importanti per la salute, anche irreversibili.

"Dal punto di vista alimentare, gestire la celiachia significa evitare completamente il consumo di glutine. Questo può essere una sfida poiché il glutine è presente in molti alimenti comuni, anche se ci sono sempre più opzioni senza glutine disponibili sul mercato - continua il Dott. Giulio Gaudio - Una dieta per chi soffre di celiachia può includere alimenti naturalmente privi di glutine come frutta, verdura, carne, pesce, uova e latticini, oltre ad alternative “gluten free” per prodotti tradizionalmente contenenti glutine, come pane o pasta.

È importante leggere attentamente le etichette degli alimenti e cercare la dicitura “senza glutine” per essere sicuri che gli alimenti ne siano privi. Bisogna fare attenzione anche ad alimenti che sono prodotti in stabilimenti in cui si processano altri alimenti contenenti glutine, perché anche piccolissime quantità, possono provocare una sintomatologia".

CELIACHIA, LA DIETA CONSIGLIATA - La dieta per la malattia celiaca prevede l'eliminazione completa del glutine, per cui devono essere eliminati dalla propria alimentazione tutti gli alimenti che lo contengono. Il glutine è presente all’interno di alcuni cereali come orzo, grano, segale, triticale.

Ne deriva che gli alimenti da eliminare per una persona celiaca sono tutti i loro derivati: la pasta di semola (anche integrale, di kamut, di farro), pane (bianco ma anche integrale e di segale), cous cous, bulgur, farro, orzo, gnocchi (contengono farina), tutti i prodotti da forno che contengono farina di frumento (fette biscottate, biscotti, ecc..). Invece i cereali (e i loro derivati) consentiti poiché naturalmente privi di glutine sono: riso, grano saraceno (quindi anche pasta e pane di grano saraceno), quinoa, miglio, sorgo, amaranto, teff.

IL PARERE DELL'ESPERTO - "Seguire una dieta priva di glutine rappresenta certamente una sfida per chiunque affetto da celiachia. La necessità di evitare il glutine, presente in molti alimenti, può comportare un cambiamento significativo nello stile di vita e nelle abitudini alimentari.

Tuttavia, ci sono alternative valide disponibili - spiega il Dott. Giulio Gaudio - Se da una parte pasta e pane sono spesso considerati alimenti indispensabili nella quotidianità, dall’altra bisogna considerare che esistono cereali naturalmente privi di glutine, con valori nutrizionali molto simili, come il riso, la quinoa o il mais che costituiscono dei validi sostituti alle comuni fonti di carboidrati. Inoltre, ormai è abbastanza comune trovare in tutti i supermercati delle alternative alla pasta o il pane, prodotti con farine diverse da quella di frumento, come la pasta di legumi, la pasta e il pane di grano saraceno, la pasta di riso".

SENZA GLUTINE NON VUOL DIRE PIU' SANO - Attenzione però a non cadere nella trappola di pensare che "senza glutine" equivalga automaticamente a "più sano". Infatti è abbastanza comune che le persone scelgano volontariamente di seguire una dieta senza glutine, pensando che questo le posso aiutare a seguire una dieta più sana.

"Questo pensiero nasce dalla credenza che il glutine provochi infiammazione in tutte le persone e non solamente da chi è affetto da malattia celiaca, tuttavia non ci sono studi che validano questa teoria e una dieta sana per una persona sana puo’ comprendere assolutamente anche alimenti contenenti glutine. Inoltre, è importante sfatare il mito che una dieta senza glutine porti automaticamente a perdere peso. La presenza o meno del glutine non è un fattore che influisce sul peso e sulla composizione corporea".