Celiachia, nel prossimo futuro l'esposizione accidentale al glutine non sarą pił un problema

Un nuovo studio proof of concept, di fase 2, presentato al DDW 2018 ha evidenziato l'efficacia di un farmaco sperimentale biologico nel ridurre sintomi e infiammazione nei pazienti con celiachia in seguito all'esposizione al glutine.

Un nuovo studio proof of concept, di fase 2, presentato al DDW 2018 ha evidenziato l’efficacia di un farmaco sperimentale biologico nel ridurre sintomi e infiammazione nei pazienti con celiachia in seguito all’esposizione al glutine.

Lo sviluppo di un farmaco efficace per prevenire gli effetti dell'esposizione al glutine nella celiachia è cruciale, in quanto una dieta priva di glutine è l'unica opzione di trattamento disponibile, ma è molto difficile evitare completamente e permanentemente il glutine.

"La contaminazione con il glutine si verifica durante la lavorazione degli alimenti, il confezionamento di alimenti, la cottura, l'etichettatura inadeguata e il glutine è presente in luoghi insospettati come rossetto, dentifricio e persino medicine", ha precisato durante una conferenza stampa l’autore dello studio il dr. Francisco Leon.
Di conseguenza, la metà dei pazienti celiaci continua ad avere un'infiammazione della mucosa con una dieta priva di glutine.

I nuovi dati di fase 2 presenti al DDW dimostrano il potenziale di AMG 714 (farmaco sviluppato da Amgen e Celimmune) per affrontare questo problema.

Si tratta di un anticorpo monoclonale sperimentale che blocca l'interleuchina (IL) -15, un importante mediatore della celiachia, driver importante dei linfociti intraepiteliali (IEL), che sono la cellula immunitaria chiave, nel nostro intestino, del sistema immunitario innato, ed è ciò che guida la reattività al glutine, in primo luogo.
La situazione può peggiorare quando gli IEL vanno verso il linfoma, che è la peggiore complicazione della malattia celiaca.

AMG 714, il farmaco è per ora in sigla, previene la segnalazione del complesso del recettore IL-15 sulla superficie cellulare degli IEL, e questo porta all'interruzione della loro proliferazione e della loro attivazione.

In uno studio in doppio cieco, Leon e colleghi hanno assegnato in modo casuale pazienti con malattia celiaca a ricevere una delle due dosi di AMG 714 (150 o 300 mg) o placebo, somministrate per via sottocutanea per sei volte nell'arco di 12 settimane.

Un sottogruppo di 49 pazienti ha ricevuto una dose di glutine ad alte dosi di circa 2,5 g al giorno per 10 settimane durante il periodo di trattamento. Un altro sottogruppo con atrofia basale della mucosa è risultato positivo per la contaminazione da glutine con test delle urine e delle feci e non ha subito ulteriori problemi con il glutine.

Mentre lo studio non ha raggiunto il suo endpoint primario di prevenzione completa delle lesioni della mucosa nel gruppo ricevente alte dosi di glutine, i ricercatori hanno evidenziato che entrambe le altre due dosi di AMG 714 hanno ridotto gli effetti del glutine rispetto al placebo.

Il farmaco sperimentale ha ridotto l'infiammazione intestinale nel gruppo trattato con il glutine e ha prodotto una tendenza a ridurre il danno intestinale in coloro che non erano stati sottoposti alla dose challenge di glutine, ma questo non ha raggiunto la significatività statistica.

I sintomi riferiti dal paziente sono stati notevolmente ridotti, specialmente con la dose più alta del farmaco.

Non sono stati osservati sintomi indotti dal glutine in pazienti che non sottoposti al 2.5 gr di glutine e, a differenza dei pazienti che avevano ricevuto placebo, il gruppo di trattamento non ha riscontrato un aumento della diarrea.

Inoltre, nessun paziente sottoposto al challenge di glutine e alla dose da 300 mg ha avuto una malattia attiva alla settimana 12, cosa che è accaduta in un terzo del gruppo placebo.

Nel gruppo trattato a dosaggio di 300 mg è stato osservato un miglioramento significativo nei punteggi rilevati al paziente celiaco (CeD-PRO) rispetto al placebo (p=0,02), ed entrambe le dosi hanno ridotto il numero di settimane con diarrea misurate dalla Bristol Stool Form Scale (p=0.01 per la dose da 150 mg; p=0.0002 per la dose da 300 mg).

I ricercatori non hanno osservato eventi avversi gravi e i più comuni eventi avversi correlati al farmaco sono stati reazioni nel sito di iniezione e dolore, mal di testa e infezione del tratto respiratorio superiore.

Le reazioni nel sito di iniezione sono state le uniche dose-correlate.

Intanto gli studi su questa molecola procedono per determinare il miglior regime di dosaggio.

Come hanno concluso gli autori: "È importante notare che questo farmaco è stato studiato per il suo potenziale di protezione contro una contaminazione modesta, non consumando deliberatamente grandi quantità di glutine, come il pane o la pasta. La nostra speranza è che questo farmaco possa consentire a pazienti celiaci, che tendenzialmente seguono una dieta priva di glutine, di sperimentare meno eventi innescati da glutine".

Leon F. “Experimental drug eases effects of gluten for celiac patients on gluten-free diet. First proof of concept study show AMG714 potentially protects celiac patients from inadvertent gluten exposure” DDW2018