Gastroenterologia

Cirrosi compensata, uso di oppioidi aumenta il rischio di encefalopatia epatica

L'uso di oppioidi potrebbe essere associata allo sviluppo di encefalopatia epatica in pazienti con cirrosi compensata, secondo i risultati di uno studio pubblicato su Alimentary Pharmacology and Therapeutics.

L’uso di oppioidi potrebbe essere associata allo sviluppo di encefalopatia epatica in pazienti con cirrosi compensata, secondo i risultati di uno studio pubblicato su Alimentary Pharmacology and Therapeutics.

Andrew M. Moon, della divisione di gastroenterologia ed epatologia presso l'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, e colleghi hanno evidenziato nel lavoro che gli oppioidi potrebbero potenzialmente contribuire al rischio di sviluppare encefalopatia epatica (HE) in questi pazienti, ma la ricerca attuale ha prodotto risultati contrastanti.

"Gli oppioidi potrebbero portare a microbiota intestinale alterato, upregulation nei recettori mu-oppioidi centrali e rallentamento della motilità intestinale, che potrebbe aumentare l'assorbimento intestinale di ammoniaca e mediatori infiammatori", hanno scritto.
“Nonostante i loro potenziali danni, l'uso di oppiacei è frequente e in aumento nel tempo nei pazienti con cirrosi, probabilmente a causa dell'eliminazione di farmaci antinfiammatori non steroidei e del paracetamolo in questi pazienti. In un'era di crescente uso di oppioidi, il rischio relativo di HE tra i pazienti che assumono oppioidi rimane poco chiaro. "

I ricercatori hanno identificato i pazienti di età compresa tra 18 e 64 anni con cirrosi utilizzando i dati del database IQVIA e li hanno raggruppati in base all'uso di oppioidi nei 6 mesi dopo la diagnosi di cirrosi (n=1.806).
Hanno classificato i pazienti che hanno usato oppioidi per un periodo compreso tra 1 e 89 giorni come utilizzo a breve termine (n=1.505) e tra 90 e 180 giorni come cronici (n=301) e hanno valutato il numero di pazienti che hanno sviluppato HE nell'anno successivo.

Durante il follow-up, l'HE si è sviluppata nel 6,3% dei pazienti con prescrizioni croniche di oppiacei, nel 5% delle prescrizioni a breve termine e nel 3,3% dei pazienti che non avevano ricevuto oppioidi.

Sia le prescrizioni brevi (HR=1,44; IC 95%, 1,07–1,94) che quelle croniche di oppioidi (HR = 1,83; IC 95%, 1,07–3,12) sono state associate ad un aumentato rischio di HE.
Moon e colleghi hanno scritto che, a causa del legame tra oppioidi e HE, i medici dovrebbero cercare altre opzioni non oppioidi e non farmacologiche per il controllo del dolore nei pazienti con cirrosi.

"Alla luce di questo potenziale danno delle prescrizioni di oppioidi, questi farmaci dovrebbero essere evitati quando possibile anche in pazienti con cirrosi ben compensata", hanno scritto gli autori. "Quando è richiesto, l'uso di oppiacei dovrebbe essere di breve durata e i medici dovrebbero mantenere un'alta vigilanza per il rilevamento di HE.
Moon M.A. et al., Opioid prescriptions are associated with hepatic encephalopathy in a national cohort of patients with compensated cirrhosis. https://doi.org/10.1111/apt.15639

leggi