Colite microscopica e malattie infiammatorie croniche intestinali, quale collegamento?

I pazienti con colite microscopica potrebbero essere ad aumentato rischio di malattie infiammatorie croniche intestinali incidenti secondo i risultati di uno studio pubblicato su Gastroenterology.

I pazienti con colite microscopica potrebbero essere ad aumentato rischio di malattie infiammatorie croniche intestinali incidenti secondo i risultati di uno studio pubblicato su Gastroenterology.

Hamed Khalili del Crohn's and Colitis Center presso il Massachusetts General Hospital e colleghi evidenziano nel lavoro che alcuni esperti hanno suggerito che la colite microscopica è una forma più debole di IBD che può trasformarsi in alcuni pazienti.

"La malattia è distinta dall'IBD classica; la mucosa del colon di questi pazienti è apparentemente quasi normale e i risultati istologici sono coerenti con un aumento degli infiltrati linfocitari con o senza espansione della fibra di collagene. Sebbene la fisiopatologia sia in gran parte sconosciuta, la malattia sembra avere meccanismi patogenetici condivisi con la malattia di Crohn e la colite ulcerosa" hanno evidenziato gli autori del lavoro.

I ricercatori hanno condotto uno studio prospettico di coorte su adulti in Svezia a cui è stata diagnosticata la colite microscopica tra il 1990 e il 2017. Hanno esplorato l'associazione tra colite microscopica e IBD abbinando i pazienti con colite microscopica (n=13.957) a cinque controlli generali della popolazione (n=66.820), nonché ai fratelli non interessati (n=13.943).

Nel 2017, i ricercatori hanno identificato 323 casi di colite ulcerosa (UC) e 108 casi di malattia di Crohn (CD) tra i pazienti con colite microscopica rispetto a 94 e 42 casi nella popolazione generale, rispettivamente.

Nella loro analisi, Khalil e i colleghi hanno determinato che la colite microscopica era associata a una calprotectina fecale (FC) aggiustata di 12,6 (IC 95%, 8,8-18,1) per CD, 17,3 (IC 95%, 13,7-21,8) per UC e 16,8 (IC 95%, 13.9-20.3) per IBD.
Rispetto ai fratelli non affetti, i pazienti con colite microscopica erano a rischio più elevato di CD (aHR=5,4; IC 95%, 3,2-9,2) e UC (aHR=9,4; IC 95%, 6,4-13,8).

Khalili e colleghi hanno evidenziato che sono necessari ulteriori studi per esplorare i meccanismi sottostanti queste associazioni.
"Considerando l'età tipica alla diagnosi di colite microscopica, è probabile che la malattia possa rappresentare solo un fattore di rischio per IBD ad esordio più tardivo, che rappresenta una percentuale minore di tutti i casi", hanno scritto.

Nella pratica clinica, la consapevolezza dei gastroenterologi di questa relazione consentirà una valutazione diagnostica tempestiva in quanto la natura dei sintomi gastrointestinali nei pazienti con anamnesi di variazioni di colite microscopica colite".

Khalili H. et al., Microscopic Colitis and Risk of Inflammatory Bowel Disease in a Nationwide Cohort Study. Gastroenterology. 2020 Jan 8. pii: S0016-5085(20)30008-1. doi: 10.1053/j.gastro.2019.12.028.


leggi