Gastroenterologia ed epatologia

Colite ulcerosa, cosa succede se viene interrotto infliximab?

Secondo una ricerca pubblicata su The Lancet Gastroenterology and Hepatology, il mantenimento della remissione della colite ulcerosa Ŕ significativamente pi¨ comune nei pazienti che continuato infliximab rispetto a quelli che lo interrottompono. L'interruzione di infliximab deve pertanto essere discussa con cautela, secondo gli autori, tenendo conto sia del rischio di ricaduta che dell'efficacia del ritrattamento.

Secondo una ricerca pubblicata su The Lancet Gastroenterology and Hepatology, il mantenimento della remissione della colite ulcerosa è significativamente più comune nei pazienti che continuato infliximab rispetto a quelli che lo interrottompono. L'interruzione di infliximab deve pertanto essere discussa con cautela, secondo gli autori, tenendo conto sia del rischio di ricaduta che dell'efficacia del ritrattamento.

Gli agenti anti-fattore di necrosi tumorale (TNF) sono il cardine del trattamento a lungo termine per la colite ulcerosa refrattaria. Tuttavia, l'uso a lungo termine della terapia anti-TNF potrebbe portare a un aumento del rischio di neoplasie o infezioni. Ad oggi, nessuno studio controllato randomizzato ha valutato se gli agenti anti-TNF possono essere interrotti in sicurezza nei pazienti con colite ulcerosa in remissione.

“La somministrazione di mantenimento di infliximab ogni 8 settimane è il protocollo standard a causa del frequente sviluppo di anticorpi contro infliximab nel trattamento episodico ", hanno scritto Taku Kobayashi, del Center for Advanced IBD Research and Treatment presso Kitasato University Kitasato Institute Hospital di Tokyo, Giappone, e colleghi. "Tuttavia, poiché il numero di pazienti che ricevono il trattamento di mantenimento con infliximab è in aumento, sono sorti dubbi sulla possibilità di interrompere infliximab in alcuni pazienti".

Lo studio ha quindi mirato a confrontare i risultati dei pazienti che hanno continuato infliximab con quelli che hanno interrotto infliximab.
Nello studio multicentrico in aperto sono stati assegnati in modo casuale i pazienti 1: 1 a continuare l'uso di infliximab (n=46) o interrompere l'uso di infliximab (n=46) e sono stati confrontati i tassi di remissione.

A 48 settimane, l'80,4% (95% CI, 66,1-90,6) dei pazienti nel gruppo infliximab continuato e il 54,3% (95% CI, 39-69,1) dei pazienti nel gruppo infliximab interrotto erano in remissione. La differenza del tasso di remissione tra i gruppi era del 26,1% (95% CI, 7,7-44,5).

Tra i pazienti con recidiva nel gruppo che aveva interrotto infliximab, il 57% ha ricevuto un nuovo trattamento con infliximab e il 66,7% di questi pazienti (IC 95%, 34,9-90,1) ha raggiunto la remissione a 8 settimane.
I ricercatori hanno riportato uno o più eventi avversi nel 17% dei pazienti nel gruppo trattato con infliximab e nel 13% dei pazienti nel gruppo che aveva interrotto infliximab (differenza tra i gruppi: 3,9%; IC 95%, 10,3-18,1).

"L'interruzione di infliximab ha provocato una ricaduta significativamente maggiore a 1 anno rispetto alla continuazione del trattamento", hanno concluso Kobayashi e colleghi. "La restante infiammazione sottile, stimata sulla base della proteina C reattiva e dell'infiammazione istologica (cioè l'indice di Nancy) potrebbe essere predittiva di ricadute future".

Secondo Bell Ungar, del Dipartimento di Gastroenterologia del Talpiot Medical Leadership Program del Chaim Sheba Medical Center: “La cessazione del trattamento è un argomento molto "caldo" poiché molti dei nostri pazienti sono giovani a cui è stata diagnosticata una malattia cronica e che ricevono terapie necessarie anche se con potenziali effetti avversi”.

“La scoperta che l'indice istologico (soprattutto perche è stato stabilito in cieco ai dati clinici ed endoscopici) era più predittivo di recidiva, rispetto al punteggio endoscopico, è molto interessante. Sappiamo che dovremmo prendere in considerazione l'interruzione del trattamento nei pazienti che hanno sperimentato diversi anni di remissione profonda (clinica ed endoscopica). Tuttavia, forse dovremmo anche optare per la remissione istologica” ha proseguito Ungar.

“Studi futuri ci aiuterebbero a determinare il momento ottimale per la cessazione della terapia, esplorare i risultati della cessazione della terapia di altri farmaci biologici e forse determinare un protocollo di follow-up intensificato per quei pazienti” ha concluso Ungar.
Kobayashi T. et al., Discontinuation of infliximab in patients with ulcerative colitis in remission (HAYABUSA): a multicentre, open-label, randomised controlled trial.

leggi