Gastroenterologia ed epatologia

Colite ulcerosa, il primo anticorpo monoclonale anti-TL1A mostra ottimi risultati a lungo termine

Le azioni di Roivant Sciences sono aumentate del 17% nel commercio pre-mercato ieri dopo che la societą ha rilasciato nuovi dati di lunga durata da uno studio di fase IIb su RVT-3101 negli adulti con colite ulcerosa. "Questi risultati continuano a supportare il potenziale di RVT-3101 come anticorpo anti-TL1A first in class, dimostrando un'efficacia sostenuta in un ampio intervallo di dosi misurate a 56 settimane", ha affermato la societą.

Le azioni di Roivant Sciences sono aumentate del 17% nel commercio pre-mercato ieri dopo che la società ha rilasciato nuovi dati di lunga durata da uno studio di fase IIb su RVT-3101 negli adulti con colite ulcerosa. "Questi risultati continuano a supportare il potenziale di RVT-3101 come anticorpo anti-TL1A first in class, dimostrando un'efficacia sostenuta in un ampio intervallo di dosi misurate a 56 settimane", ha affermato la società.

TL1A, noto anche come membro della superfamiglia del fattore di necrosi tumorale 15 [TNFSF15], come altri membri è omotrimerico. È una proteina di membrana di tipo II a passaggio singolo che viene scissa dalle proteasi endogene per produrre una forma solubile. Entrambe le forme legate alla membrana e solubili sono attive.
TL1A è espresso a bassi livelli dalle cellule endoteliali in condizioni di stato stazionario e a livelli più elevati da macrofagi tissutali, linfociti della lamina propria e cellule dendritiche CD11 in condizioni infiammatorie.

Anticorpi monoclonali che hanno il potenziale di bloccare TL1A possono essere importanti nel trattamento di malattie infiammatorie, come l'asma e la malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD).

RVT-3101 è il primo anticorpo anti-TL1A somministrato una volta al mese per via sottocutanea. La terapia sottocutanea mensile è in fase di sviluppo in collaborazione con Pfizer e a gennaio sono stati riportati dati positivi per il periodo di induzione dello studio TUSCANY-2.

Lo studio ha arruolato 245 pazienti con le analisi di efficacia chiave dal periodo di induzione confrontando diverse dosi di RVT-3101 rispetto al placebo alla settimana 14.
Gli esiti chiave per il periodo cronico, durante il quale tutti i pazienti hanno ricevuto RVT-3101, sono stati valutati alla settimana 56.

Aspettative "superate"
Roivant ha affermato che alla dose prevista di fase III, i risultati chiave per il periodo cronico nella popolazione complessiva hanno mostrato una remissione clinica del 36%, rispetto a un tasso del 29% osservato alla settimana 14. Allo stesso modo, il miglioramento endoscopico misurato alla settimana 56 è stato del 50%, rispetto al 36% alla settimana 14, mentre i tassi di remissione endoscopica erano rispettivamente del 21% e dell'11% per quei due punti temporali.
Prima della lettura, gli analisti di Jefferies hanno suggerito che se l'aggiornamento mostrasse una remissione di circa il 30%, "questo sarebbe un bene", mentre se l'efficacia migliorasse oltre il 35%, ciò rappresenterebbe un "importante rialzo" per le azioni di Roivant.

Nel frattempo, RVT-3101 ha anche mostrato risultati positivi a lungo termine tra i pazienti che sono risultati positivi per un biomarcatore prespecificato, che Roivant deve ancora nominare. Questi partecipanti costituivano circa i due terzi della popolazione dello studio. In questa coorte, la remissione clinica alla settimana 56 è stata del 43%, rispetto al 33% a 14 settimane. Inoltre, i tassi di miglioramento endoscopico a 56 settimane e di remissione endoscopica per questo gruppo erano rispettivamente del 64% e del 36%, rispetto al 47% e al 13% al momento precedente.

"Le nostre aspettative per questi dati cronici sono state categoricamente superate", ha osservato il CEO Matt Gline, evidenziando gli effetti più pronunciati osservati nei pazienti positivi ai biomarcatori. "Abbiamo anche visto che la remissione clinica riportata per la settimana 14 è stata mantenuta nella stragrande maggioranza dei pazienti, il che, se confermato nella Fase III, ha il potenziale per trasformare il paradigma del trattamento per la malattia infiammatoria intestinale", ha aggiunto.

Roivant ha notato che RVT-3101 è stato ben tollerato e ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole. Inoltre, non vi è stato alcun impatto negativo degli anticorpi anti-farmaco sui risultati di efficacia a breve o lungo termine per RVT-3101 in tutti i pazienti trattati e nessuno dei pazienti ha sviluppato anticorpi neutralizzanti alla settimana 56.

Pianificazione della fase III
Guardando al futuro, l’azienda si incontrerà "a breve" con la FDA per decidere come procedere, e "la nostra aspettativa è che andremo direttamente a un programma di fase III", con un progetto sperimentale simile a quanto è stato fatto per il modulatore del recettore S1P orale di Pfizer etrasimod una volta al giorno. Tale farmaco è attualmente in fase di revisione sia negli Stati Uniti che in Europa sulla base dei dati di fase III degli studi ELEVATE UC 12 e ELEVATE UC 52. Le decisioni per etrasimod negli Stati Uniti e nell'UE sono attese rispettivamente nella seconda metà del 2023 e nella prima metà del 2024.

Gline ha anche osservato che il piano è quello di progettare lo studio di fase III di RVT-3101 come uno studio onnicomprensivo, indipendentemente dallo stato dei biomarcatori e dall'esperienza biologica. "Quello che faremo è studiare il biomarcatore nella fase III per gli endpoint secondari, con l'idea di poter generare e produrre quei dati e usarli come opzione aggiuntiva... Pensiamo che possa essere utile commercialmente e con i pagatori nel fornire alcune opzioni, ", ha detto il dirigente.