Gastroenterologia ed epatologia

Crohn e colite ulcerosa, insufficiente vitamina D nei bambini può impattare sulla risposta al trattamento?

Nei bambini con malattie infiammatorie croniche intestinali, l'insufficienza di vitamina D prima del trattamento con farmaci anti-TNF, può provocare una scarsa risposta alla terapia di induzione. È quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato su Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition.

Nei bambini con malattie infiammatorie croniche intestinali, l'insufficienza di vitamina D prima del trattamento con farmaci anti-TNF, può provocare una scarsa risposta alla terapia di induzione. È quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato su Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition.

Studi sperimentali hanno dimostrato che la vitamina D ha un effetto immunomodulatore sul sistema immunitario innato e adattativo.

Sono riportate associazioni tra carenza di vitamina D e sviluppo o progressione di malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD), ma una relazione di causa-effetto tra i livelli di 25 idrossivitamina D [25 (OH) D] pretrattamento e la risposta alla terapia a base di inibitori del fattore di necrosi tumorale-(anti-TNF) non è stata stabilita.

Sebbene l'integrazione di vitamina D possa migliorare la malattia di Crohn (CD), i punteggi dell'indice di attività e marker infiammatori, nonché ridurre il rischio di ricaduta, la rilevanza della vitamina D nel sostenere una risposta alla terapia anti-TNF è poco conosciuta.
Quando l'analogo della vitamina D, KH 1060, è stato combinato con farmaci anti-TNF, i livelli di TNF-α sono significativamente diminuiti.

Una relazione tra vitamina D e TNF-α è supportata da osservazioni di dati: la somministrazione di 1,25 (OH) 2D3 a topi knock-out per IL-10 con colite sperimentale ha sottoregolato i geni associati al TNF-α e ha ridotto l'infiammazione; l’infliximab (IFX) somministrato insieme al recettore della vitamina D induce l’espressione del recettore della vitamina D nei non responder.

Questo studio retrospettivo ha valutato la risposta al trattamento con infliximab e/o adalimumab in pazienti pediatrici con IBD in base ai livelli di 25 (OH) D rilevati entro 3 mesi dall'inizio della terapia.

Sono stati raccolti gli elementi demografici, la classificazione di Parigi, i livelli basali di 25 (OH) D, l'attività della malattia e i risultati di laboratorio prima e dopo 3 mesi di terapia anti-TNF. È stata determinata l'interazione tra l'insufficienza di vitamina D all'induzione e la mancanza di risposta alla terapia anti-TNF a 3 mesi.

I risultati hanno mostrato che dei 383 pazienti, 76 soddisfacevano i criteri di inclusione. Sessantacinque pazienti (85,5%) avevano malattia di Crohn e 11 (14,5%) avevano colite ulcerosa.
Sette pazienti avevano valutato i livelli di 25 (OH) D durante l'induzione con infliximab e adalimumab; sono stati quindi valutati 83 soggetti (infliximab: 70 pazienti, adalimumab: 13 pazienti).

Un valore di 25 (OH) D <30 ng/mL è stato riscontrato in 55 soggetti su 83 (66,3%). Non c'erano differenze di sesso, tipo di IBD, punteggi di attività della malattia tra i gruppi vitamina D sufficiente e vitamina D insufficiente.

Nel gruppo CD, l'infiammazione del tratto gastrointestinale prossimale era associata a insufficienza di vitamina D (p=0,019), ma altri parametri della classificazione di Parigi e risultati di laboratorio erano simili nei 2 gruppi. L'interruzione anticipata della terapia anti-TNF era significativamente più alta nei pazienti con insufficienza di vitamina D (14,5% vs 0%, p=0,034).

In conclusione, gli autori evidenziano che l'insufficienza di vitamina D prima del trattamento anti-TNF può provocare una scarsa risposta alla terapia di induzione. Inoltre, Sebbene i dati in letteratura siano inconcludenti, si consiglia l'integrazione per correggere la carenza di vitamina D nei bambini quando si inizia la terapia anti-TNF. Sono necessarie sperimentazioni prospettiche adeguatamente potenziate nei bambini trattati con farmaci biologici per risolvere la questione se l'integrazione di vitamina D nei pazienti carenti migliori la durata della terapia anti-TNF nei bambini.

Hayriye Hizarcioglu-Gulsen et al., The Impact of Vitamin D on Response to Anti-tumor Necrosis Factor-α Therapy in Children With Inflammatory Bowel Disease J Pediatr Gastroenterol Nutr. 2021 May 1;72(5):e125-e131. doi: 10.1097/MPG.0000000000003064.

leggi