Diagnosi di epatite C, arriva il test ultrarapido e sensibile

Gastroenterologia

Uno studio multicentrico australiano pubblicato sulla rivista Lancet Gastroenterology and Hepatology ha evidenziato che è possibile in meno di due ore conoscere con alta sensibilità e specificità se un soggetto è affetto da infezione da virus dell'epatite C (HCV). Questo nuovo test è stato valutato in uno studio multicentrico australiano.

Uno studio multicentrico australiano pubblicato sulla rivista Lancet Gastroenterology and Hepatology ha evidenziato che è possibile in meno di due ore conoscere con alta sensibilità e specificità se un soggetto è affetto da infezione da virus dell’epatite C (HCV). Questo nuovo test è stato valutato in uno studio multicentrico australiano.

Un test che può rilevare l'infezione attiva da virus dell'HCV da un campione prelevato da un dito e fornire risultati in pochissimo tempo. Tale dosaggio della carica virale anticipa i tempi conosciuti utilizzando i test attuali a base di anticorpi, che indicano solo l'esposizione passata all’ HCV. 

Il test è in grado di rilevare l'RNA dell’ HCV nel sangue intero capillare raccolto con uno stick e nel plasma raccolto per venipuntura.

Lo studio che ne ha valutato la validità, osservazionale e in aperto, è stato condotto in cinque siti.
"I risultati di questo studio sono incoraggianti, dato che la prestazione di test diagnostici rapidi in ambito clinico è inferiore a quella di laboratorio", hanno sottolineato i ricercatori nel lavoro.

Dato che il 25% delle persone elimina spontaneamente il virus,  "la disponibilità di un test per la rilevazione dell'infezione da HCV attiva rappresenta un importante passo avanti rispetto ai precedenti test HCV che provano solo l'esposizione al virus" ha evidenziato l’autore del lavoro, il dr. Jason Grebely, dell'Istituto Kirby, Università del Nuovo Galles del Sud, Sydney.

Lo studio ha reclutato i partecipanti di età superiore ai 18 anni con una storia di dipendenza da droghe o reclutati dal servizio di senzatetto. La popolazione finale di 150 partecipanti aveva un'età media di 44 anni. La maggior parte dei partecipanti (130 o 87%) erano maschi.

La sensibilità al test per il rilevamento dell’ RNA dell’ HCV nel plasma raccolto per venipuntura è stata del 100,0% e la specificità del 99,1%. La sensibilità del dosaggio nei campioni prelevati con stick è stata del 95,5% e la specificità del 98,1%.

Questa innovazione è importante soprattutto per quei Paesi in cui il costo dello screening di un gran numero di persone è e sarà una grande barriera per la diagnosi di HCV.
"Il test dell'RNA per l’HCV da sangue intero raccolto su uno stick è particolarmente adatto per le popolazioni con un'elevata prevalenza di infezione da HCV", come ad esempio gli individui di questo studio, ha affermato il dr. Grebely. 

Il dottor Grebely ha tuttavia avvertito che il test non è ancora stato approvato in molti Paesi e che ulteriori studi sono necessari per valutare il dosaggio in diverse impostazioni e popolazioni, come i pazienti trattati con terapia antivirale ad azione diretta, quelli con una risposta virologica sostenuta, o quelli con co-infezione HIV-HCV.

In un commento accompagnato, il dottor Curtis Cooper dell'Università di Ottawa, Ontario, Canada, ha citato alcuni dei grandi ostacoli che impediscono agli individui infetti da HCV di accedere alla cura, inclusi i difetti delle attuali prove diagnostiche. Ha spiegato che il test dell'RNA rapido può ridurre l'impatto di tali barriere.

Essendo il tempo necessario ad avere i risultati del test inferiore a due ore, i pazienti possono attendere la risposta direttamente in sito e intanto avere informazioni sull’infezione e come comportarsi.
Gli autori hanno anche sottolineato che i test rapidi consentono un'azione immediata sul paziente.

Il dottor Raymond Chung, direttore dell'epatologia presso l'Ospedale Generale di Massachusetts, Boston, ha evidenziato come la rilevazione della viremia sia sotto forma di RNA dell’ HCV, ma finora non avevamo a disposizione un test simile. È un test potenzialmente pronto sul campo e potrebbe essere particolarmente importante nei Paesi a basso e medio reddito.

Grebely J. et al. Evaluation of the Xpert HCV Viral Load point-of-care assay from venepuncture-collected and finger-stick capillary whole-blood samples: a cohort study. Lancet Gastroenterol Hepatol. 2017 Apr 21. pii: S2468-1253(17)30075-4. doi: 10.1016/S2468-1253(17)30075-4. 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28442271