Dieta nei bambini con celiachia, poco equilibrata. Serve una consulenza dietetica.

Gastronterologia

Uno studio italiano mostra che la dieta dei bambini con celiachia è nutrizionalmente meno equilibrata rispetto a quella di bambini senza questa problematica, con un maggiore apporto di grassi e un minore apporto di fibre. Ciò evidenzia la necessità di una consulenza dietetica. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nutrients.

Uno studio italiano mostra che la dieta dei bambini con celiachia è nutrizionalmente meno equilibrata rispetto a quella di bambini senza questa problematica, con un maggiore apporto di grassi e un minore apporto di fibre. Ciò evidenzia la necessità di una consulenza dietetica. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nutrients.

La celiachia (CD) è una malattia immuno-mediata sistemica causata, in soggetti geneticamente sensibili, dall’ingestione di cereali contenenti glutine.

L'unico trattamento efficace per la celiachia (CD) è una dieta senza glutine rigorosa per tutta la vita anche se l'adeguatezza nutrizionale di questo regime alimentare è rimasta controversa e oggetto di dibattito per tanto tempo. Non esistono grandi studi caso-controllo sui bambini per quanto riguarda l'adeguatezza nutrizionale del regime senza glutine. Per tale motivo in questo studio sono stati valutati bambini di età superiore ai 2 anni con diagnosi di malattia celiaca e in trattamento con dieta priva di glutine.

Come controlli sono stati considerati bambini non affetti da CD. Per entrambi i gruppi sono stati raccolte misurazioni antropometriche e informazioni sul dispendio energetico, la valutazione dietetica che è stata eseguita su un diario alimentare.
È stata stimata l'adesione alla dieta mediterranea attraverso l'indice KIDMED. Complessivamente, sono stati arruolati 120 bambini con CD e 100 bambini sani.

Questo studio prospettico caso-controllo è stato condotto presso il centro per la malattia celiaca del Politecnico Università delle Marche tra gennaio 2017 e gennaio 2019.
Sono stati considerati tutti i bambini (fascia di età=4–16 anni) con diagnosi di CD secondo i criteri ESPGHAN, in trattamento con dieta adeguata da almeno 2 anni.

Pazienti che avevano altre condizioni croniche (incluso diabete di tipo 1 o malattia infiammatoria intestinale) o non hanno aderito alla dieta specifica (come dimostrato dall'elevazione dei marcatori CD sierologici al momento dell'iscrizione) sono stati esclusi.

I controlli erano bambini senza CD (sulla base di un risultato negativo del test anti-transglutaminasi di classe IgA), che avevano partecipato al programma di screening di massa precedentemente descritto per CD. Bambini con comorbidità o seguenti una dieta speciale per altri motivi (dieta vegetariana, vegana o relativa a particolari tradizioni religiose o sociali) non sono stati arruolati.

Sono state registrate misure antropometriche relative a peso, altezza, BMI, l’attività fisica e le ore di sedentarietà.
In entrambi i gruppi, l'assunzione dietetica è stata valutata utilizzando un diario alimentare di 3 giorni, in cui venivano per ogni settimana registrati gli alimenti assunti in due giorni feriali e un giorno del fine settimana.

Il diario è stato accuratamente spiegato dallo stesso dietista addestrato sia ai bambini che ai loro genitori ed è stato accompagnato da istruzioni dettagliate per la compilazione e un atlante fotografico con diverse immagini di alimenti di dimensioni diverse e un set di circa 60 misure domestiche effettive.
Il diario è stato sviluppato appositamente per i pazienti con CD e includeva un registro giornaliero di tutti gli alimenti consumati durante i diversi pasti (colazione, merenda, pranzo, merenda, cena). Per ogni pasto, ai partecipanti è stato chiesto di riferire una descrizione esaustiva del cibo e delle ricette (compresa la cucina e metodi di conservazione, zuccheri o grassi aggiunti durante la preparazione dei pasti), quantità di cibo (secondo l'atlante) e la marca di alimenti confezionati.

Il tasso di partecipazione netto è stato del 90%. Le principali ragioni del rifiuto erano la mancanza di tempo, nessun interesse e difficoltà a raggiungere il centro studi. Complessivamente, sono stati arruolati 120 bambini con CD di cui 72 femmine (60%), l'età mediana era di 10,5 (intervallo: 4,4-15,5 anni), con una durata mediana della dieta specifica di 2,6 anni (primo e terzo quartile, 1,4–4,3 anni).

Il gruppo di controllo comprendeva 100 bambini sani di cui 56 femmine (56%), con un'età media di 10,1 (intervallo: 4,7-14,5 anni).
Rispetto alle misure antropometriche non sono state trovate differenze tra i due gruppi e neanche nel consumo energetico.
Nel dettaglio la BMI è stata di 16.8 nel gruppo celiaco e di 16 nel gruppo controllo; anche la prevalenza di sovrappeso e obesità erano confrontabili come anche le ore di attività fisica e di attività sedentarie.

La stima dell'apporto energetico giornaliero era simile nei due gruppi. Il consumo di proteine non differiva tra CD e bambini di controllo, ed entrambi l'assunzione giornaliera di proteine e l'apporto energetico giornaliero fornito dalle proteine erano in linea con le raccomandazioni LARN (National Recommended Energy and Nutrient Intake Levels) in entrambi i gruppi.

L'assunzione giornaliera di carboidrati e l'apporto energetico fornito dai carboidrati erano significativamente più bassi nel gruppo CD (209,7 g nel gruppo CD contro 260,5 g nel gruppo di controllo; p=0,001), sebbene in entrambi i gruppi la percentuale di energia fornita dai carboidrati ha raggiunto le raccomandazioni LARN.

L'assunzione giornaliera di zuccheri semplici e il loro contributo all'apporto energetico giornaliero era significativamente diverso tra i due gruppi, con un apporto maggiore nel gruppo di controllo. Inoltre, l'assunzione giornaliera di zuccheri semplici ha superato le raccomandazioni LARN (<15% dell'energia totale) solo nel gruppo di controllo.

L'assunzione giornaliera di grassi totali e grassi saturi era significativamente più alta nel gruppo CD (grassi totali: 78,1 g nel gruppo CD contro 64,4 g nel gruppo di controllo; p=0,015; grassi saturi: 25,3 g nel gruppo CD contro 18,7 g nel gruppo di controllo; p=0,003).
In effetti, l'assunzione di energia fornita dai grassi totali e dai grassi saturi era significativamente più alta nel gruppo CD e superava l'obiettivo nutrizionale raccomandato dai LARN (<10% di energia totale).

Infine, il consumo giornaliero di fibra era significativamente diverso nei due gruppi, con un'assunzione giornaliera inferiore nel gruppo CD (12,6 g nel gruppo CD rispetto a 15 g nel gruppo di controllo; p=0,015); inoltre, l'apporto di energia fornito dalle fibre era inferiore all'apporto appropriato suggerito dai LARN (almeno l'1,7%), mentre nei controlli sani ha raggiunto il limite normale inferiore.

I bambini con CD hanno mostrato un consumo maggiore di carne lavorata e snack salati rispetto ai bambini sani (2,5 porzioni nel gruppo CD vs 2 nel gruppo di controllo; p=0,009 e 1 porzione vs. 0; p=0,001, rispettivamente).

Entrambi i gruppi non hanno raggiunto il numero di porzioni consigliate dall'IFP per legumi, verdure, uova e pesce, pur superando il consumo di bevande zuccherate, carne e carne lavorata. Il consumo di cereali, latte e derivati e patate ha raggiunto le raccomandazioni IFP in entrambi i gruppi; nel gruppo dei cereali, il consumo di pseudo-cereali era molto basso nel gruppo di CD, e i principali contribuenti sono stati i prodotti GF specificamente formulati per il CD.

Il consumo di frutta ha raggiunto l'assunzione minima raccomandata dall'IFP.
La mediana dell’indice KIDMED era 6,5 nei bambini con CD e 6,8 nei controlli sani.

I prodotti commerciali senza glutine specificamente formulati per il CD hanno contribuito al 73% dei carboidrati quotidiani, 59% di fibre, 34% di zuccheri, 28% di grassi totali, 25% di grassi saturi e 22% di proteine.
Infine, i prodotti commerciali senza glutine specificamente formulati per il CD hanno fornito il 46% del totale dell’energia quotidiana.

In conclusione, gli autori sottolineano che questo studio evidenzia la necessità che i pazienti celiaci ricevano una consulenza dietetica, uno strumento fondamentale per insegnare al paziente ad aumentare il consumo di naturalmente prodotti senza glutine, per ridurre quelli trasformati, per aumentare l'assunzione di cereali come avena, riso, cereali minori e pseudo-cereali e aderire alle regole della dieta mediterranea.

Tuttavia, lo studio sottolinea la necessità di un adeguato programma educativo nutrizionale e politiche sanitarie anche per i bambini sani per migliorare l'assunzione di nutrienti durante l'infanzia, possibilmente incidendo sui risultati sanitari a lungo termine.

Lionetti E et al., Nutritional Status, Dietary Intake, and Adherence to the Mediterranean Diet of Children with Celiac Disease on a Gluten-Free Diet: A Case-Control Prospective Study. Nutrients. 2020 Jan 4;12(1). pii: E143. doi: 10.3390/nu12010143.

leggi