Gastroenterologia ed epatologia

Epatite C, i pazienti ácurati con farmaci antivirali hanno meno probabilitÓ di essere ricoverati in ospedale per malattia epatica

I ricercatori dell'Henry Ford Health System, nell'ambito di una collaborazione nazionale sull'epatite C, riferiscono che i pazienti con epatite C cronica trattati con farmaci antivirali ad azione diretta hanno meno probabilitÓ di essere ricoverati in ospedale o di richiedere cure di emergenza per problemi di salute legati al fegato e non.

I ricercatori dell'Henry Ford Health System, nell'ambito di una collaborazione nazionale sull'epatite C, riferiscono che i pazienti con epatite C cronica trattati con farmaci antivirali ad azione diretta hanno meno probabilità di essere ricoverati in ospedale o di richiedere cure di emergenza per problemi di salute legati al fegato e non.

Lo studio, pubblicato online su Clinical Infectious Diseases, sottolinea lo straordinario effetto di questi nuovi antivirali, che hanno dimostrato di curare l'epatite C nel 98% dei pazienti che li assumono. Si dice che i pazienti sono guariti quando il virus non è più rilevabile nel loro sangue.

"I risultati del nostro studio dimostrano che la cura dell'epatite C non solo elimina il virus, ma migliora anche la salute generale dei pazienti", ha detto Stuart Gordon, direttore della Divisione di Epatologia presso Henry Ford e autore principale dello studio. "Questo è coerente con i nostri studi precedenti che hanno dimostrato che un trattamento efficace dell'epatite C riduce anche il rischio che i pazienti sviluppino altre condizioni di salute come il diabete, le malattie renali, l'ictus e gli infarti".

Secondo i dati federali, almeno 2,4 milioni di persone vivono con l'epatite C negli Stati Uniti e la maggior parte non sa di avere il virus. Di conseguenza, sono a rischio di malattie del fegato e cancro che minacciano la vita. Il tasso di nuovi casi di cancro al fegato è aumentato del 38% dal 2003 al 2012.

Lo studio guidato da Henry Ford è stato condotto in collaborazione con i ricercatori del Geisinger Health System, Kaiser Permanente in Hawaii e Oregon e i Centers for Disease Control and Prevention. Essi costituiscono il Chronic Hepatitis Cohort Study, che ha raccolto e analizzato i dati tratti dai quattro sistemi sanitari per valutare l'impatto dell'epatite C e B sulla popolazione statunitense.

Questo studio osservazionale è ritenuto il primo ad esaminare l'utilizzo dell'assistenza sanitaria che coinvolge i pazienti con epatite C con e senza malattia epatica avanzata e trattati con gli antivirali ad azione diretta, o DAA.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 6.100 pazienti - metà dei quali sono stati trattati con DAAs e metà no.

Gli antivirali sono presi per via orale una volta al giorno per otto a 12 settimane. Gli effetti collaterali sono lievi, se presenti. I farmaci impediscono al virus dell'epatite C di moltiplicarsi nel corpo e possono prevenire complicazioni a lungo termine come i danni al fegato.

Risultati chiave dello studio:
I pazienti trattati con i DAA hanno avuto tassi più bassi di ospedalizzazione e soggiorni più brevi per problemi di salute legati al fegato e non al fegato rispetto a quelli che non hanno ricevuto i DAA.

I pazienti trattati con i DAA hanno avuto meno visite al Dipartimento di Emergenza per problemi legati alla malattia del fegato rispetto a quelli che non hanno ricevuto i DAA.
I ricercatori non hanno quantificato il potenziale risparmio sui costi come parte dello studio.

Tuttavia, Gordon ha detto che il risparmio previsto sarebbe sostanziale. Le persone che vengono curate dall'epatite C portano a una minore incidenza di problemi medici cronici associati alla malattia, ha detto.

"Ci sono tangibili benefici a valle di questi trattamenti antivirali", ha detto. "Se sei curato dal virus, la tua salute generale migliorerà e avrai meno probabilità di essere ricoverato per qualche altra condizione di salute".

Uno screening universale una tantum per l'epatite C è raccomandato per tutti gli adulti dai 18 anni in su, comprese le donne incinte durante ogni gravidanza. Il test regolare dell'epatite C è raccomandato per le persone con fattori di rischio continui come l'uso di droghe con aghi, in dialisi e quelli nati tra il 1945 e il 1965.

L'anno scorso, il Michigan ha eliminato le restrizioni che impedivano ad alcune persone di accedere al trattamento antivirale. "Data la notevole efficacia e i benefici di questi DAA, tutti coloro che hanno l'epatite C dovrebbero essere trattati e trattati presto", ha detto il dottor Gordon.