Epatite C, terapia a base di sofosbuvir efficace anche nei pazienti oncologici

La terapia a base di sofosbuvir č risultata sicura ed efficace con sole 8 settimane di trattamento per i pazienti con epatite C e cancro. E quanto mostrato da uno studio pubblicato sulla rivista American Journal of Gastroenterology in cui gli autori sottolineano come questa terapia possa anche indurre la remissione del linfoma non Hodgkin (NHL).

La terapia a base di sofosbuvir è risultata sicura ed efficace con sole 8 settimane di trattamento per i pazienti con epatite C e cancro. E quanto mostrato da uno studio pubblicato sulla rivista American Journal of Gastroenterology in cui gli autori sottolineano come questa terapia possa anche indurre la remissione del linfoma non Hodgkin (NHL).

"Non sono ancora disponibili raccomandazioni per i pazienti oncologici affetti da HCV", hanno scritto Harrys A. Torres, dell'Università del Texas, Anderson Cancer Center e i suoi colleghi.

"I nostri risultati mostrano che la terapia a base di sofosbuvir è sicura ed efficace nei pazienti con infezione da HCV con vari tumori maligni e può essere somministrata per una breve durata” hanno aggiunto.

Torres e colleghi hanno inizialmente arruolato 153 pazienti con HCV e cancro; 12 pazienti sono stati successivamente esclusi a causa dell'interruzione della terapia per l’epatite C. I tumori più comuni includevano carcinoma epatocellulare (18%), mieloma multiplo (9%) e linfoma diffuso a grandi cellule B (7%).

A 12 settimane, il tasso di risposta virologica generale sostenuta era del 91% (IC 95%, 85-95). Dei 110 pazienti con genotipo 1, il tasso complessivo di SVR era del 91%. Tutti i 17 pazienti con genotipo 1 che avevano ricevuto sofosbuvir/ledipasvir per 8 settimane hanno ottenuto una SVR. Il tasso di SVR era del 67% (IC 95%, 39-86) nei 12 pazienti con genotipo 3.

Ventisette dei 32 pazienti che erano stati precedentemente esclusi dagli studi clinici sul cancro in fase precoce a causa dell'HCV all'arruolamento hanno ottenuto l'accesso a terapie antitumorali sperimentali dopo aver iniziato la terapia con DAA, 19 dei quali non avevano una neoplasia correlata all'HCV.

Sei mesi dopo l’inizio della terapia, due pazienti con NHL indolente a grandi cellule B hanno ottenuto l’SVR12 e la remissione completa dell'NHL, altri due hanno ottenuto l’SVR con NHL stabile, un paziente ha raggiunto l’SVR stabile con NHL stabile e successivamente ha ottenuto la remissione parziale dopo terapia antitumorale e un paziente ha raggiunto l’SVR ma sviluppato ricorrenza di NHL.

Gli eventi avversi erano simili per tipologia e prevalenza alla popolazione generale. Tutti e sette i pazienti che avevano presentato un evento avverso grave hanno raggiunto la SVR e non hanno avuto alcuna progressione del cancro o recidiva dopo 6 mesi di terapia.

"Abbiamo osservato tassi di SVR12 superiori al 90%, quasi corrispondenti ai tassi di risposta nella popolazione generale, compresi i pazienti che avevano ricevuto la terapia con ledipasvir/sofosbuvir per una breve durata", hanno scritto Torres e colleghi. "Abbiamo anche scoperto che la terapia a base di sofosbuvir era generalmente sicura e ben tollerata, aprendo l'accesso, per molti pazienti, al trattamento sperimentale per il cancro e migliorando i risultati oncologici dei pazienti con NHL associato all’ HCV."

Torres HA et al., Sofosbuvir-Based Therapy in Hepatitis C Virus-infected Cancer Patients: A Prospective Observational Study. Am J Gastroenterol. 2018 Nov 8. doi: 10.1038/s41395-018-0383-2.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Sofosbuvir-Based+Therapy+in+Hepatitis+C+Virus-infected+Cancer+Patients%3A+A+Prospective+Observational+Study
https://www.healio.com/hepatology/hepatitis-c/news/online/%7B31f103a8-cdc7-42b1-909a-d6bab77b57a6%7D/sofosbuvir-safe-for-patients-with-cancer-linked-to-nhl-remission