Farmaci anti-acido nelle donne in gravidanza, esiste un collegamento con l'asma nel nascituro?

Gastroenterologia

I bambini le cui madri hanno assunto farmaci per il trattamento del reflusso acido durante la gravidanza hanno una maggiore probabilitā di sviluppare asma. Questo č quanto riportato dai risultati di uno studio pubblicato su Journal of Allergy and Clinical Immunology. Gli autori precisano nel lavoro che potrebbe esserci un fattore, non ancora conosciuto, alla base dell'insorgenza dei due problemi; le conclusioni quindi non sono definitive e necessitano di ulteriori studi di chiarimento.

I bambini le cui madri hanno assunto farmaci per il trattamento del reflusso acido durante la gravidanza hanno una maggiore probabilità di sviluppare asma. Questo è quanto riportato dai risultati di uno studio pubblicato su Journal of Allergy and Clinical Immunology. Gli autori precisano nel lavoro che potrebbe esserci un fattore, non ancora conosciuto, alla base dell'insorgenza dei due problemi; le conclusioni quindi non sono definitive e necessitano di ulteriori studi di chiarimento.
In gravidanza è spesso frequente una fastidiosa sensazione di acidità e di bruciore alla bocca dello stomaco, che può irradiarsi verso l'alto fino a raggiungere la gola. In genere, riguarda soprattutto l'ultimo trimestre di gravidanza, ma può comparire anche nei primi mesi.
Perché compare questo disturbo?
I fattori sono più di uno, innanzitutto gli ormoni prodotti dalla placenta, come il progesterone, agiscono rilassando la muscolatura liscia e quindi anche quella esofagea e il cardias che quindi con più facilità fa risalire il contenuto acido presente nello stomaco.
Dall’altro lato, nell’ultimo trimestre con l’aumento di dimensioni della pancia l’effetto di spinta verso l’alto viene amplificato.
Quando le modifiche nello stile di vita non bastano bisogna ricorrere ai farmaci.
"I farmaci per la soppressione della secrezione acida, come gli antagonisti del recettore H2 (H2RA) e gli inibitori della pompa protonica (PPI), sono le principali opzioni di trattamento per la dispepsia e la malattia da reflusso gastroesofageo" hanno evidenziato nel lavoro in questione la dr.ssa Rebecca E. Devine, del Borders General Hospital in Scozia e i suoi colleghi.
Di recente, sono state espresse preoccupazioni circa l'esposizione prenatale a questi farmaci. Questi, infatti, potrebbero aumentare il rischio di malattie allergiche nella progenie.
Per capire se realmente esiste questo collegamento, la dr.ssa Devine e i suoi colleghi hanno esaminato i registri sanitari e i dati relativi alle prescrizioni che potrebbero collegare madre e figli.
Sono stati identificati e recensiti otto studi che hanno valutato l'effetto dell’ esposizione prenatale a farmaci anti-acido e la possibile incidenza sulle malattie allergiche nella progenie. 
Nel complesso, gli studi analizzati hanno incluso più di 1,3 milioni di bambini.
I risultati hanno indicato che la prole di madri, a cui erano stati prescritti farmaci per la soppressione della secrezione acida durante la gravidanza, avevano una probabilità di almeno un terzo superiore di aver visitato un medico per sintomi di asma durante l'infanzia.
"Il nostro studio riporta un'associazione tra l'insorgenza di asma nei bambini e l'uso di farmaci acido-soppressori nelle loro madri durante la gravidanza," ha commentato in un comunicato stampa il dr. Aziz Sheikh, co-autore della ricerca e codirettore del Centre UK per la Ricerca Applicata sull’asma presso l'Università di Edimburgo.
"E 'importante sottolineare che questa associazione non prova che i farmaci hanno causato l'asma in questi bambini e sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere questo collegamento."
La potenziale correlazione tra farmaci per il bruciore di stomaco e l'asma infantile non è stata determinata, secondo i ricercatori. Pertanto, essi suggeriscono che le donne incinte continuino a seguire le linee guida esistenti.
"Non sappiamo ancora se i farmaci per il bruciore di stomaco stanno realmente contribuendo allo sviluppo di asma nei bambini, o se vi è un fattore comune, non ancora scoperto, come causa sia del bruciore di stomaco nelle donne in gravidanza che dell'asma nei loro figli”, ha evidenziato la dr.ssa  Samantha Walker , direttore della politica e di ricerca per l'asma nel Regno Unito.
"Lo studio ci orienta verso qualcosa che ha bisogno di ulteriori indagini, che è il motivo per cui abbiamo bisogno di vedere più ricerca condotta sulle cause dell’ asma, una condizione che colpisce 5,4 milioni di persone nel solo Regno Unito”.
Devine RE et al. Acid-suppressive medications during pregnancy and risk of asthma and allergy in children: A systematic review and meta-analysis. J Allergy Clin Immunol. 2016 Dec 20. pii: S0091-6749(16)31316-1. doi: 10.1016/j.jaci.2016.09.046. 

leggi