Farmaci per sopprimere la secrezione acida, probabile aumento di microrganismi multiresistenti

Gastroenterologia

I farmaci per la soppressione della secrezione acida possono aumentare le probabilità di colonizzazione da parte di microrganismi multiresistenti, secondo una meta-analisi pubblicata su JAMA Internal Medicine.

I farmaci per la soppressione della secrezione acida possono aumentare le probabilità di colonizzazione da parte di microrganismi multiresistenti, secondo una meta-analisi pubblicata su JAMA Internal Medicine.

Roel PJ Willems, del department of medical microbiology and infection della UMC di Amsterdam, e colleghi hanno evidenziato nel lavoro che l'uso di soppressori della secrezione acida è in aumento, basti pensare che l'uso di inibitori della pompa protonica è raddoppiato negli Stati Uniti tra il 1999 e il 2012.
Ciò ha portato alle preoccupazioni su come questi farmaci alterino il microbioma intestinale.

"Non è chiaro se la soppressione acida faciliti la colonizzazione e l'infezione da microrganismi multi-farmaco resistenti (MDRO)", hanno scritto gli autori. "Le prove attuali dagli studi osservazionali sono state incoerenti, considerando che alcuni studi epidemiologici riportano un aumento del rischio di colonizzazione da MDRO con soppressione acida, mentre altri non dimostrano tale associazione."

I ricercatori hanno cercato in letteratura studi osservazionali e progetti di studi clinici che hanno quantificato il rischio di colonizzazione da MDRO in soggetti che hanno utilizzato soppressori della secrezione acida rispetto ai non utilizzatori.
L'outcome primario era la colonizzazione intestinale con MDRO, incluso l'ordine Enterobacterales, enterococchi resistenti alla vancomicina, Staphylococcus aureus resistente alla meticillina o resistente alla vancomicina o Pseudomonas o Acinetobacter multiresistente.

Willems e colleghi hanno identificato 26 studi osservazionali che soddisfavano i loro criteri comprendendo 29.382 pazienti, di cui 11.439 che hanno utilizzato soppressori dell’acidità.

Nella loro meta-analisi primaria che includeva 12 studi e 22.305 pazienti, i ricercatori hanno scoperto che la soppressione acida aumentava le probabilità di trasporto intestinale di Enterobacterales e enterococchi resistenti alla vancomicina (OR=1,74; IC 95%, 1,4-2,16). In un'analisi aggregata di tutti e 26 gli studi, i risultati sono stati coerenti (OR=1,7; IC al 95%, 1,44-1,99).

Willems e colleghi hanno scritto che i loro risultati dovrebbero essere esaminati con una certa cautela perché gli studi erano osservazionali. Tuttavia, potrebbero fornire alcune informazioni sull'uso appropriato di soppressori della secrezione acida.

"Alla luce del sempre crescente problema della resistenza antimicrobica, vediamo la possibilità di un'interazione favorevole tra controllo delle infezioni, gestione degli antibiotici e promozione dell'uso di razioni di PPI", hanno scritto i ricercatori. “I futuri programmi di intervento potrebbero fornire ulteriori informazioni sul fatto che i rischi di colonizzazione e infezione da MDRO siano ridotti dopo l'interruzione della terapia di soppressione acida inappropriata".