Fegato grasso, il grado di fibrosi determina la pericolositÓ della malattia

Nella malattia del fegato grasso non alcolica, i pazienti con cirrosi hanno una probabilitÓ pi¨ elevata di sperimentare eventi avversi a livello epatico, rispetto ai soggetti con fibrosi a ponte (stadio F3) che sono pi¨ propensi a sviluppare tumori non epatici ed eventi vascolari. E' quanto evidenziato dai risultati di uno studio pubblicato su Gastroenterology.

Nella malattia del fegato grasso non alcolica, i pazienti con cirrosi hanno una probabilità più elevata di sperimentare eventi avversi a livello epatico, rispetto ai soggetti con fibrosi a ponte (stadio F3) che sono più propensi a sviluppare tumori non epatici ed eventi vascolari. E’ quanto evidenziato dai risultati di uno studio pubblicato su Gastroenterology.

Poco si sa del decorso naturale della steatosi epatica non alcolica (NAFLD) con fibrosi avanzata. Per tale motivo ricercatori australiani, giapponesi, europei e americani hanno valutato a lungo termine gli effetti dei parametri clinici e istologici sulla progressione della malattia in pazienti con NAFLD avanzata.

Per studiare i risultati a lungo termine tra i pazienti con NAFLD e vari stadi di fibrosi, i ricercatori hanno avuto accesso ai dati del paziente dal “consorzio di progressione NAFLD (NPC)”, un'iniziativa internazionale con centri di riferimento in Europa, Asia, Australia e America.

Lo studio comprendeva 159 pazienti con fibrosi a ponte e 299 pazienti con cirrosi. Durante un follow-up medio di 5,5 anni, 74 pazienti sono deceduti o sottoposti a trapianto di fegato. Gli eventi correlati al fegato erano la causa più comune di decesso (n=31) rispetto ad altri eventi (n=6).

I pazienti con cirrosi avevano maggiori probabilità di sviluppare scompenso epatico (44% vs 6%; p<0.01) e carcinoma epatocellulare (17% vs 2,3%; p<0.01) rispetto ai pazienti con fibrosi a ponte, soprattutto tra quelli con Child - Pugh classe A6 rispetto a quelli con classe A5 (p<0.01).

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti con stadio 3 di fibrosi avevano una probabilità significativamente maggiore di sviluppare eventi vascolari rispetto ai pazienti con stadio 4 (7% vs 2%; p<0.01). Dopo aver escluso il cancro della pelle, i pazienti con stadio 3 di fibrosi avevano maggiori probabilità di sviluppare neoplasie maligne non-epatiche rispetto a quelli con stadio 4, ma la differenza non era significativa.
"Nel complesso, i risultati precedenti e quelli attuali evidenziano l'importanza dello stadio di fibrosi sottostante nel determinare l’evoluzione clinica e la mortalità causa-specifica", hanno scritto Eduardo Vilar-Gomez, della Indiana University School of Medicine e i suoi colleghi.

In conclusione, i risultati dello studio evidenziano che i pazienti con NAFLD in cirrosi sviluppano maggiormente eventi correlati al fegato mentre quelli con fibrosi a ponte vanno prevalentemente incontro a tumori non epatici ed eventi vascolari.

Vilar-Gomez E et al., Fibrosis Severity as a Determinant of Cause-specific Mortality in Patients With Advanced Nonalcoholic Fatty Liver Disease. Gastroenterology. 2018 May 4. pii: S0016-5085(18)34484-6. doi: 10.1053/j.gastro.2018.04.034.
leggi