Fegato grasso, il rischio cardiovascolare non fa distinzione di sesso

Gastroenterologia

Le donne con malattia epatica non alcolica (NAFLD) hanno lo stesso rischio di eventi cardiovascolari degli uomini con malattia del fegato grasso, secondo un grande studio di popolazione, presentato al Liver Meeting 2017 che si chiude oggi a Washington. Questi dati suggeriscono che nel caso della NAFLD si annullano gli effetti cardiovascolari protettivi del sesso femminile.

Le donne con malattia epatica non alcolica (NAFLD) hanno lo stesso rischio di eventi cardiovascolari degli uomini con malattia del fegato grasso, secondo un grande studio di popolazione, presentato al Liver Meeting 2017 che si chiude oggi a Washington. Questi dati suggeriscono che nel caso della NAFLD si annullano gli effetti cardiovascolari protettivi del sesso femminile.

" E’ noto che il sesso femminile, nella popolazione generale, è protettivo per il rischio cardiovascolare: le donne hanno meno probabilità di avere eventi cardiovascolari come attacchi di cuore, dolori al torace, insufficienza cardiaca", ha affermato Alina M. Allen, della Mayo Clinic di Rochester, Minnesota.

Come ha spiegato la dr.ssa Allen, questo effetto protettivo si pensa sia dovuto a differenze ormonali, in particolare fino alla menopausa.
"Quello che abbiamo trovato nello studio è che questo non è vero nelle persone con NAFLD", ha dichiarato il dottor Allen durante una conferenza stampa durante il meeting dell’AASLD.

I ricercatori hanno esaminato i dati del Rochester Epidemiology Project su 3869 persone diagnosticate con NAFLD tra il 1997 e il 2014 a Olmsted County, Minnesota. Hanno inoltre analizzato una coorte di controllo di 15,209 persone di età corrispondenti all'età e al sesso nella popolazione generale.

I ricercatori hanno calcolato un totale di 1375 eventi cardiovascolari e 1551 decessi nelle coorti combinate durante un follow-up mediano di 7 anni, fino al 2016.
Hanno quindi esaminato i tassi di eventi cardiovascolari e decessi nei due gruppi e hanno scoperto che le donne con NAFLD hanno avuto tassi di eventi cardiovascolari pari agli uomini con NAFLD (hazard ratio, HR, 0.94).

"Al contrario, nella popolazione generale, abbiamo trovato quello che ci si aspettava: le donne hanno tassi più bassi rispetto agli uomini", ha riferito il dr Allen. Le donne del gruppo di controllo avevano un rischio inferiore del 23% di un evento cardiovascolare (HR, 0,77) rispetto agli uomini del gruppo di controllo.

Inoltre, gli eventi cardiovascolari si sono verificati anche in età più giovane nelle donne affette da malattia del fegato grasso. Ad esempio, l'incidenza degli eventi era la stessa in una donna di 50 anni con NAFLD, un uomo di 53 anni con NAFLD, un uomo di 58 anni nel gruppo di controllo e una donna di 67 anni appartenente al gruppo di controllo.

Le limitazioni potenziali dello studio includono il disegno retrospettivo, l'uso di codici di diagnosi clinica e il potenziale di NAFLD non diagnosticato nel gruppo di controllo.
"E’ necessario seguire prospettivamente e vedere se questo calcolo del rischio deve veramente essere modificato per le persone con NAFLD", ha sottolineato il dottor Allen.

Il rischio in particolare delle donne sembra negare il vantaggio che le donne hanno goduto fino ad ora. Sebbene la malattia del fegato grasso sia comunemente associata a elevati tassi di cirrosi e cancro al fegato, "ci sono diversi studi epidemiologici che mostrano come la NAFLD sia un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare", ha dichiarato Norah Terrault, dell'Università della California, San Francisco, che ha moderato la conferenza stampa.

I risultati di questo studio "potrebbero cambiare il nostro paradigma sul modo di pensare al nostro profilo di rischio per le donne", ha aggiunto.

Come ha concluso la dr.ssa Terrault: "La NAFLD diventa un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare non solo nei soggetti in sovrappeso, con iperlipidemia, o con diabete, ma di per sé".

Allen AM, et al. Abstract 55. Presented at: The Liver Meeting; Oct. 20-24, 2017; Washington, D.C.