Fibrosi nella malattia del fegato grasso, l'aspirina potrebbe rallentare la progressione

I risultati di uno studio prospettico su pazienti con steatosi epatica non alcolica (malattia del fegato grasso, NAFLD), accertata attraverso biopsia, hanno mostrato che l'uso quotidiano di aspirina è correlato a caratteristiche istologiche meno gravi del fegato grasso e della steatoepatite non alcolica e a un rischio inferiore di progressione verso la fibrosi avanzata. Lo studio è stato pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology.

I risultati di uno studio prospettico su pazienti con steatosi epatica non alcolica (malattia del fegato grasso, NAFLD), accertata attraverso biopsia, hanno mostrato che l'uso quotidiano di aspirina è correlato a caratteristiche istologiche meno gravi del fegato grasso e della steatoepatite non alcolica e a un rischio inferiore di progressione verso la fibrosi avanzata. Lo studio è stato pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology.

"Recenti dati sperimentali suggeriscono che l'aspirina è una promettente strategia anti-fibrotica per la NAFLD", hanno precisato nel lavoro Tracey G. Simon, del Massachusetts General Hospital, e colleghi. "Data la crescente incidenza e il peso della NAFLD, la comprensione dei potenziali benefici antifibrotici dell'aspirina rimane un importante bisogno insoddisfatto".

Tra il 2006 e il 2015, i ricercatori hanno esaminato 361 adulti con NAFLD ogni 3 mesi per 12 mesi per la valutazione della fibrosi avanzata incidente.
Hanno evidenziato che l'uso quotidiano di aspirina era correlato con un minor rischio di fibrosi rispetto all'uso non regolare (OR corretto=0,54, IC 95%, 0,31-0,82).

L'uso quotidiano di aspirina era anche correlato con l'istologia della NASH, compreso il rischio minore di ballooning (aOR=0,45, IC 95%, 0,23-0,88), infiammazione lobulare (aOR=0,85, IC 95%, 0,54-0,98), NASH definita (aOR=0,68 ; IC 95%, 0,37-0,89) e fibrosi avanzata (aOR=0,46; IC 95%, 0,22-0,89) rispetto all'uso non regolare.

Secondo lo studio, la durata più lunga dell'uso quotidiano di aspirina pre-arruolamento nello studio sarebbe anche correlato con un minor rischio di fibrosi prevalente (p=0.016). La fibrosi prevalente era meno comune tra i pazienti con utilizzo di aspirina tra i 2 e i 4 anni rispetto a meno di 2 anni di utilizzo, (aOR=0,72, 95% CI, 0,56-0,48) e quelli con più di 4 anni di utilizzo (aOR=0,48; IC 95%, 0,32-0,69).

L'analisi longitudinale insieme all’ analisi multivariata ha mostrato che il rischio di fibrosi avanzata era inferiore del 37% tra chi utilizzava aspirina giornalmente rispetto agli utilizzatori non regolari (aHR=0,63, IC 95%, 0,43-0,85).

I ricercatori hanno sottolineato di non aver trovato un'associazione significativa tra l'uso di FANS non aspirina e il rischio di progressione della fibrosi.

Come hanno concluso gli autori del lavoro: "L'aspirina modula in modo univoco i lipidi bioattivi stimolando la biosintesi di alcuni mediatori pre risolutori della fibrosi e inibendo i lipidi pro-infiammatori, che a loro volta possono prevenire il progressivo danno epatico. Data l'incidenza accelerata e la mortalità della NAFLD, la potenziale entità del beneficio dell'aspirina potrebbe essere importante”.

Simon TG et al., Daily aspirin use associated with reduced risk for fibrosis progression in patients with nonalcoholic fatty liver disease. Clin Gastroenterol Hepatol. 2019 May 8. pii: S1542-3565(19)30493-8.

leggi