H. pylori potrebbe proteggere dall'esofagite eosinofila

L'esposizione al batterio Helicobacter pylori potrebbe essere protettiva contro lo sviluppo di esofagite eosinofila (EoE). E' quanto emerge da una meta-analisi pubblicata su Clinical Gastroenterology and Hepatology.

L'esposizione al batterio Helicobacter pylori potrebbe essere protettiva contro lo sviluppo di esofagite eosinofila (EoE). E’ quanto emerge da una meta-analisi pubblicata su Clinical Gastroenterology and Hepatology.

L'esofagite eosinofila (EoE) è una malattia cronica, immune/antigenica mediata caratterizzata clinicamente da sintomi correlati alla disfunzione esofagea e istologicamente dall'infiammazione eosinofila predominante. Può causare sintomi simili al reflusso, disfagia, e occlusione da cibo ed è una delle principali cause di eosinofilia esofagea isolata.

Shailja C. Shah, della Vanderbilt University Medical Center, e colleghi hanno evidenziato che alcuni dati epidemiologici mostrano che l'esposizione corrente o nel passato a H. pylori protegge da condizioni immuno-mediate come malattie infiammatorie intestinali e allergie alimentari.

“L'infezione da H pylori si verifica spesso nella prima infanzia, e questa immunoregolazione precoce e una maggiore immunotolleranza possono plausibilmente proteggere contro lo sviluppo successivo di risposte immunitarie mediate da Th2 aberranti che guidano malattie immuno-mediate in un ospite sensibile ", hanno scritto. "Sfortunatamente, mancano prove sperimentali dirette che chiariscano il ruolo, se esiste, di H. pylori sullo sviluppo dell'EoE".

Gli studiosi hanno analizzato la letteratura selezionando studi clinici comparativi che includevano informazioni sufficienti per determinare la probabilità o il rischio di EoE o eosinofilia esofagea tra i pazienti esposti a H. pylori rispetto agli individui che non lo erano.

I ricercatori hanno identificato 11 studi osservazionali comprendenti 377.795 individui. Hanno scoperto che l'esposizione a H. pylori era associata a una riduzione del 37% delle probabilità di EoE (OR=0,63, IC 95%, 0,51-0,78) e una riduzione del 38% delle probabilità di eosinofilia esofagea (OR=0,62, IC 95%, 0,52-0,76).

Le probabilità sono rimaste costanti tra gli studi indipendentemente dal luogo o dal periodo di tempo, e tra le popolazioni pediatriche e adulte. Tuttavia, un numero minore di studi prospettici ha trovato un'associazione significativa rispetto agli studi retrospettivi.

Shah e colleghi hanno scritto che l'analisi era limitata a causa del loro uso di studi osservazionali e sono necessari futuri studi prospettici.

"Studi su modelli sperimentali di esofagite eosinofila chiarirebbero ulteriormente il ruolo putativo di H. pylori nella patofisiologia dell’ EoE definendo meccanismi attivi nella fase iniziale della malattia e percorsi protettivi che, in futuro, potrebbero essere sfruttati per il beneficio clinico", hanno concluso gli autori dello studio.

Shah S. C. et al., Association Between Helicobacter pylori Exposure and Decreased Odds of Eosinophilic Esophagitis—a Systematic Review and Meta-analysis. Clinical Gastroenterology and Hepatology

leggi