Gastroenterologia ed epatologia

Infezione ricorrente da Clostridioides difficile, parere positivo dell'Fda a una terapia a base di microbiota

Un trattamento a base di microbiota potrebbe diventare a breve la prima terapia approvata del suo genere negli Stati Uniti per l'infezione da Clostridioides difficile. I membri del comitato di esperti dell'Fda hanno votato a favore del trattamento (13-4), chiamato rebyota, puntando sulla sua efficacia nella cura delle infezioni ricorrenti da C. diff.

Un trattamento a base di microbiota potrebbe diventare a breve la prima terapia approvata del suo genere negli Stati Uniti per l’infezione da Clostridioides difficile. I membri del comitato di esperti dell’Fda hanno votato a favore del trattamento (13-4), chiamato rebyota, puntando sulla sua efficacia nella cura delle infezioni ricorrenti da C. diff.

Il panel ha concluso che i suoi benefici, sebbene modesti, sono abbastanza significativi per una popolazione di pazienti senza altre opzioni approvate quando gli antibiotici non funzionano.
La società di biotecnologie Rebiotix che sta sperimentando il trattamento ha presentato la sua tesi con sei studi clinici, inclusi due studi di fase 3, che hanno valutato almeno una dose di rebyota in 978 pazienti.

Un'analisi dei risultati di fase 3 ha mostrato che il trattamento a base di microbiota ha avuto una percentuale di successo del 70,6% nella prevenzione di infezioni ricorrenti a otto settimane dopo una dose rispetto a una percentuale di successo del 57,5% con il placebo, o una differenza del 13,1%.

Inoltre, la giuria ha votato 12-4, con un astenuto, a favore del profilo di sicurezza del trattamento. I consulenti che hanno votato "no" hanno citato il maggior numero di effetti collaterali nei pazienti trattati rispetto al placebo.
Bisogna però considerare che questi pazienti non hanno grandi possibilità terapeutiche "I danni che si sono verificati a quei pazienti sono stati giustificati dal miglioramento che i pazienti hanno ricevuto?" ha chiesto al relatore Jay Portnoy, direttore medico del Children's Mercy Hospital del Missouri, che ha votato contro Rebyota sia per l'efficacia che per la sicurezza. "Questi pazienti sono alla disperata ricerca di un trattamento... e l'ultima cosa che voglio fare è sottoporli a un trattamento che non sia efficace", ha detto.

La Fda non è tenuta a seguire le raccomandazioni del panel, ma in genere lo fa.
Diversi relatori sono rimasti delusi dal numero di partecipanti agli studi. Rebiotix ha affermato di aver trovato difficile reclutare pazienti per i suoi studi, alcuni dei quali hanno preferito ricorrere all'uso non approvato di trapianti fecali piuttosto che eventualmente ricevere un placebo in uno studio clinico.

L’Fda ha consentito l'uso sperimentale dei trapianti fecali dal 2013 sotto la sua "discrezione" di applicazione. I relatori che hanno parlato a sostegno di rebyota hanno affermato che potrebbe fornire un trattamento standardizzato e approvato che l'agenzia sarebbe in grado di monitorare meglio per efficacia e sicurezza.
Rebiotix è una delle numerose aziende che perseguono farmaci a base di microbiota per il trattamento del C. diff, un batterio resistente ai farmaci responsabile di mezzo milione di infezioni all'anno. Può causare diarrea e, in alcuni casi, infiammazione del colon pericolosa per la vita. Ha causato più di 12.000 morti nel 2017.

Seres Therapeutics sta anche cercando l'approvazione dell'agenzia per un trattamento di C. diff. A differenza di rebyota, che viene somministrato tramite clistere, il trattamento di Seres viene assunto per via orale. L'azienda ha affrontato sfide cliniche in passato e ha modificato i suoi piani di test dopo che la sua prospettiva principale per il trattamento delle infezioni da C. diff è mancata in uno studio di fase 2 nel 2016. Seres ha riportato risultati positivi per il trattamento a giugno e ha completato la sua domanda all’Fda in precedenza questo mese.

Finch Therapeutics sta sviluppando un trattamento orale anche per C. diff, ma ha dovuto affrontare battute d'arresto e questo mese ha licenziato più di un terzo del suo personale.
Tutti e tre i trattamenti sperimentali sono derivati ​​da campioni di donatori di batteri intestinali, un approccio che richiede test per organismi resistenti ai farmaci e minacce emergenti come COVID-19 e vaiolo delle scimmie. L’ Fda ha emesso quattro avvisi di sicurezza relativi all'uso sperimentale dei trapianti fecali dal 2019.

"Stiamo monitorando le minacce emergenti e svolgendo attività di sorveglianza", ha affermato Greg Fluet, direttore operativo di Rebiotix. L'azienda ha un periodo di quarantena per tutti i prodotti fabbricati, che vengono conservati congelati per un massimo di tre anni.