Inibitori della pompa protonica, possono aumentare il rischio di infezioni gastro-intestinali?

Gastroenterologia

Gli inibitori della pompa protonica (PPI) utilizzati per ridurre l'acidità di stomaco e trattare il reflusso acido trattare possono modificare le popolazioni di microbi che vivono nell'intestino. Tale modifiche possono contribuire a spiegare l'aumento del rischio di alcune infezioni, secondo un nuovo studio pubblicato su Gut microbiota.

Gli inibitori della pompa protonica (PPI) utilizzati per ridurre l'acidità di stomaco e trattare il reflusso acido trattare possono modificare le popolazioni di microbi che vivono nell'intestino. Tale modifiche possono contribuire a spiegare l’aumento del rischio di alcune infezioni, secondo un nuovo studio pubblicato su Gut microbiota.
I PPI sono tra i primi 10 farmaci più utilizzati al mondo. Essi possono causare effetti collaterali come diarrea, nausea e vomito, e alcuni studi li hanno collegati a un aumentato rischio di infezione da Clostridium difficile (CDI).
"La maggior parte dei medici di medicina generale devono essere consapevoli di questi effetti collaterali," ha evidenziato l'autore dello studio il dr. Floris Imhann dell'Università di Groningen e dello University Medical Center di Groningen nei Paesi Bassi.
"Il rischio individuale di CDI è piuttosto basso, ma i PPI sono ampiamente utilizzati, e spesso abusati” ha aggiunto il dr. Imhann.
I ricercatori hanno analizzato il microbioma intestinale di 1.815 adulti nei Paesi Bassi; alcuni soggetti erano sani e altri soffrivano di disturbi gastrointestinali.
I partecipanti hanno riferito il loro uso di farmaci al momento dello studio e lo stato di salute dell’intestino in un questionario e hanno fornito campioni di feci per l'analisi del DNA microbico.
Poco più del 10% dei partecipanti ha dichiarato di utilizzare un PPI, tra cui l’8% della popolazione generale sana e il 20% di quelli con malattia infiammatoria intestinale. 
Gli utilizzatori di PPI tendevano a essere più anziani e con un indice di massa corporea superiore rispetto ad altri.
I ricercatori hanno riportato che i soggetti che utilizzano PPI avevano meno diversità dei loro microbi intestinali.
Molteplici batteri orali erano sovrarappresentati nel microbioma fecale di utenti-PPI, tra cui il genere Rothia (p=9.8 x 10-38). In utilizzatori di PPI è stato osservato un significativo aumento dei seguenti batteri: generi Enterococcus, Streptococcus, Staphylococcus e specie potenzialmente patogene come Escherichia coli.
"Le differenze, osservate in questo studio, tra utenti di PPI e non utenti sono state costantemente associati a cambiamenti verso un intestino con microbioma meno sano", hanno sottolineato gli autori, continuando: "Queste differenze sono in linea con i cambiamenti noti che predispongono a CDI e potenzialmente in grado di spiegare l'aumento del rischio di infezioni enteriche nei consumatori di PPI."
"A livello di popolazione, gli effetti dei PPI sono più importanti rispetto agli effetti degli antibiotici o altri farmaci comunemente usati", hanno aggiunto i ricercatori.
"Questi PPI, sono farmaci molto buoni, funzionano molto bene. Ma molte persone li usano come farmaci da banco (OTC) e per circa la metà del tempo vengono presi in modo inappropriato”, ha detto l'autore senior, il dr Sciacquare K. Weersma.
Secondo questo studio, le persone che assumono farmaci hanno batteri benefici in numero inferiore e un maggior numero di batteri nocivi.
"Una volta che questi batteri nocivi stanno svolgendo la loro azione dannosa, la maggior parte delle persone non pensano a fermarli", ha fatto notare il dr. Weersma.
In conclusione, bisogna considerare che l’uso dei PPI rende le infezioni 1,5 volte più probabili e quindi farne un utilizzo appropriato per i tempi necessari consigliati dal medico.
Emilia Vaccaro


Floris Imhann et al. Proton pump inhibitors affect the gut microbiome

leggi