Gastroenterologia

Inibitori di pompa protonica, nei bambini 20% in pił di rischio di frattura

Gli inibitori di pompa protonica, una classe di farmaci ampiamente usata per trattare il reflusso acido e i sintomi correlati, possono portare ad un aumentato rischio di fratture in bambini e adolescenti. E' quanto riporta uno studio pubblicato su Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition (JPGN). Risultati analoghi, anche se di minore gravitą, sono stati raggiunti da un altro studio pubblicato su JAMA.

Gli inibitori di pompa protonica, una classe di farmaci ampiamente usata per trattare il reflusso acido e i sintomi correlati, possono portare ad un aumentato rischio di fratture in bambini e adolescenti. E’ quanto riporta uno studio pubblicato su Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition (JPGN). Risultati analoghi, anche se di minore gravità, sono stati raggiunti da un altro studio pubblicato su JAMA.

Gli inibitori della pompa protonica sono ampiamente utilizzati per trattare il reflusso acido e altri disturbi intestinali superiori nei bambini e negli adulti. I PPI comunemente usati includono il lansoprazolo, l'omeprazolo e l'esomeprazolo, tutti disponibili da banco e su prescrizione medica.

Sebbene gli inibitori di pompa protonica siano stati storicamente considerati "eccezionalmente sicuri", diversi rapporti hanno suggerito che potrebbero essere implicati in una vasta gamma di complicazioni. Negli adulti, i PPI sono stati collegati a un piccolo ma significativo aumento del rischio di fratture, in particolare con l'uso a lungo termine. Solo pochi studi hanno esaminato il rischio di fratture nei bambini, con risultati contrastanti.

Lo studio pubblicato su JPGN suggerisce un aumento del rischio di frattura tra pazienti pediatrici esposti a PPI, come ribadiscono Nathan Robert Fleishman, del Children's Mercy Kansas City a Kansas City, e gli altri ricercatori che ritengono le loro scoperte importanti tali da avere implicazioni per la cura dei bambini che assumono PPI, in particolare per terapie a lungo termine.

Lo studio ha incluso dati su bambini e adolescenti, di età media di quattro anni, che hanno ricevuto assistenza presso 51 ospedali pediatrici statunitensi dal 2011 al 2015. I dati sono stati estratti dal database cooperativo del sistema informativo ospedaliero pediatrico.
Un totale di 32.001 sedute in cui il paziente ha ricevuto un PPI sono state abbinate allo stesso numero di sedute di pazienti non esposti a PPI. Lo studio ha escluso i pazienti con condizioni croniche complesse o con condizioni o farmaci che predispongono al rischio di fratture.

L'analisi ha mostrato un tasso di frattura significativamente più alto nei bambini esposti a PPI: 1,4%, rispetto all'1,2% in quelli non esposti a PPI.
Gli autori hanno eseguito un'ulteriore analisi per correggere le differenze nelle caratteristiche dei pazienti, tra cui sesso, razza, stato assicurativo, tipo e intensità dell'incontro di cura.

In questa analisi corretta, le probabilità di frattura sono rimaste significativamente più elevate nei bambini esposti a PPI: rapporto di probabilità aggiustato 1.2. In altre parole, a parità di tutti gli altri fattori di rischio, la probabilità di frattura sarebbe superiore del 20% in un bambino che assume PPI.

In entrambi i gruppi, l'estremità superiore (braccio e mano) era la posizione di frattura più comune. Tuttavia, i bambini esposti a PPI avevano maggiori probabilità di avere fratture degli arti inferiori (gamba e piede), costole o colonna vertebrale.

In entrambi i gruppi, le fratture erano più comuni nelle fasce di età da 1 a 3 anni e da 9 a 13 anni. I risultati hanno suggerito un "effetto di classe" dei PPI: il rischio di fratture era aumentato con tutti i PPI.
"Mentre i nostri risultati sono statisticamente significativi, i rischi relativi sono piccoli", commenta il Dr. Fleishman. "Tuttavia, il nostro disegno di studio tendeva a sottostimare il rischio reale."

"Il nostro studio evidenzia la necessità di limitare l'uso dei PPI a persone che stanno chiaramente beneficiando e per la durata minima necessaria", commenta il coautore Thomas Attard. "Inoltre, i bambini che assumono questi farmaci a lungo termine garantiscono un follow-up continuo". I ricercatori sperano che i risultati stimoleranno ulteriori ricerche e strategie per limitare il rischio di fratture nei bambini che richiedono PPI per periodi di tempo più lunghi.

Anche JAMA riporta analoghi risultati di uno studio svedese in cui sono state incluse in totale 115933 coppie di bambini.
Durante una media (DS) di 2,2 (1,6) anni di follow-up, 5354 e 4568 casi di frattura si sono verificati tra coloro che hanno iniziato PPI vs quelli che non lo hanno fatto, rispettivamente (20,2 vs 18,3 eventi per 1000 persone/anno; hazard ratio [HR], 1,11 [IC 95%, 1,06-1,15]).

L'uso di PPI era associato ad un aumentato rischio di frattura degli arti superiori (HR, 1,08 [IC 95%, 1,03-1,13]), frattura degli arti inferiori (HR, 1,19 [IC 95%, 1,10-1,29]) e altre fratture (HR, 1,51 [IC 95%, 1,16-1,97]) ma non frattura della testa (HR, 0,93 [IC 95%, 0,76-1,13]) o frattura della colonna vertebrale (HR, 1,31 [IC 95%, 0,95-1,81]).

Le HR per frattura in base alla durata cumulativa dell'uso di PPI erano 1,08 (IC 95%, 1,03-1,13) per 30 giorni o meno, 1,14 (IC 95%, 1,09-1,20) per 31-364 giorni e 1,34 (IC 95% , 1,13-1,58) per 365 giorni o più.
Gli autori dello studio pubblicato su JAMA sottolineano che in questa grande coorte pediatrica, l'uso di PPI era associato a un piccolo ma significativo rischio aumentato di fratture.

In conclusione, gli inibitori della pompa protonica sono farmaci efficaci e svolgono un ruolo importante nel trattamento di malattie specifiche ma come precisano gli autori di entrambi gli studi i medici devono essere consapevoli dei potenziali effetti collaterali di questi (e di tutti) farmaci che prescrivono valutando continuamente i rischi e i benefici dei trattamenti nel contesto del decorso della malattia.

Fleishman N. et al., The Clinical Characteristics of Fractures in Pediatric Patients Exposed to Proton Pump Inhibitors.

leggi

Wang YH et al. Association Between Proton Pump Inhibitor Use and Risk of Fracture in Children. JAMA Pediatr. 2020 Mar 16. doi: 10.1001/jamapediatrics.2020.0007.

leggi