Ledipasvir/sofosbuvir, elevata efficacia e tollerabilità nei pazienti anziani con HCV cronica di genotipo 1

Gastroenterologia

La combinazione di ledipasvir più sofosbuvir (LDV/SOF) con o senza ribavirina (RBV) è risultato altamente efficace per il trattamento di pazienti anziani con epatite cronica da virus C di genotipo. L'aggiunta di RBV non ha aumentato i tassi di risposta virologica sostenuta dopo 12 settimane, ma ha portato a più alti tassi di eventi avversi, soprattutto nei soggetti anziani. E' quanto pubblicato su Hepatology.

La combinazione di ledipasvir più sofosbuvir (LDV/SOF) con o senza ribavirina (RBV) è risultato altamente efficace per il trattamento di pazienti anziani con epatite cronica da virus C di genotipo. L'aggiunta di RBV non ha aumentato i tassi di risposta virologica sostenuta dopo 12 settimane, ma ha portato a più alti tassi di eventi avversi, soprattutto nei soggetti anziani. E’ quanto pubblicato su Hepatology.
I soggetti anziani sono stati storicamente sottorappresentati negli studi clinici che hanno coinvolto le terapie antivirali per l’epatite C. 
Lo scopo di questa analisi è stato quello di valutare in modo retrospettivo la sicurezza e l'efficacia di LDV/SOF per classi di età  (Quattro studi clinici di fase 3 in aperto hanno valutato la sicurezza e l'efficacia di LDV/SOF con o senza ribavirina (RBV) per il trattamento dell’infezione cronica da virus dell'epatite C di genotipo 1.
Sono stati analizzati per gruppi di età, la risposta virologica sostenuta dopo 12 settimane, gli eventi avversi emergenti dal trattamento (AES), e anomalie di laboratorio.
Sammy Saab, professore di medicina e chirurgia, e capo della divisione Outcomes Research in Hepatology presso la David Geffen School of Medicine nello UCLA insieme ai suoi colleghi hanno analizzato i dati di 2.293 adulti trattati con ledipasvir/sofosbuvir arruolati negli studi clinici di fase 3: ION-1, ION-2, ION-3 e GS-US-337-0113.
Allo studio ha partecipato anche la prof. Alessandra Mangia dell’UOC dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.
Il 12% (n=264) dei pazienti avevano più di 65 anni. L'analisi ha incluso sia pazienti che erano naive al trattamento che già trattati in precedenza, con o senza cirrosi e più giovani o meno di 65 anni.
"Dato l'invecchiamento della popolazione di pazienti con HCV e la maggiore efficacia del regime a  base di ledipasvir/sofosbuvir rispetto ad altri regimi terapeutici antivirali, abbiamo confrontato l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di questa combinazione tra soggetti di età inferiore e superiore ai 65 anni" hanno precisato il prof. Saab e i suoi colleghi.
Il tasso SVR12 complessivo di tutti i pazienti trattati con ledipasvir/sofosbuvir con o senza ribavirina è stato del 97%.
Il tasso di SVR12 era leggermente maggiore nei pazienti di età superiore ai 65 anni (98%; 95% CI, 95-99) rispetto ai pazienti più giovani (97%; 95% CI, 96-98). Nei pazienti naive al trattamento, entrambi i pazienti anziani e giovani hanno sperimentato la stessa SVR12 (97%). Per i pazienti pre-trattati, l’SVR12 per i pazienti di età inferiore ai 65 anni è stata del 98% rispetto al 99% nei pazienti di età superiore ai 65 anni.
Il 78% dei pazienti con meno di 65 anni ha sperimentato almeno un evento avverso rispetto all’ 80% dei pazienti di età superiore ai 65 anni. 
Gli eventi avversi più comuni sono stati affaticamento e mal di testa in entrambi i gruppi di età, con o senza ribavirina. Nella coorte più giovane, il 2,4% ha subito un evento avverso grave rispetto al 3% dei pazienti più anziani. Entrambi i gruppi di pazienti hanno avuto un tasso di sospensione dell’1% a causa di un evento avverso.
I ricercatori hanno concluso che: "Mentre in passato, l’età poteva essere un fattore predittivo negativo di SVR e associata a un aumento degli eventi avversi, i risultati di questo studio suggeriscono che ledipasvir/sofosbuvir è un'opzione di trattamento efficace, tollerabile e sicura per i pazienti anziani con HCV cronica. Ai pazienti anziani non dovrebbe essere negata la terapia sulla base di un tasso inferiore previsto di SVR."
EV


Saab S. et al. Safety and efficacy of ledipasvir/sofosbuvir for the treatment of genotype 1 hepatitis C in subjects aged 65 years or older. Hepatology. 2016 Apr;63(4):1112-9. doi: 10.1002/hep.28425.
leggi