Gastroenterologia ed epatologia

Malattia di Crohn: i test per monitorare l'infiammazione andrebbero garantiti gratis anche in Italia

La ricerca dei biomarcatori non è più considerata sperimentale, ma entra così a far parte integrante della cura delle MICI. In alcune regioni italiane alcuni di questi test sono a carico del paziente ed è per questo che AMICI Italia lancia un appello affinchè anche il nostro paese riconosca l'importanza dei test sui biomarcatori per il controllo della malattia

La ricerca dei biomarcatori presenti nel sangue e nelle feci entra nelle nuove linee guida appena pubblicate dall’American Gastroenterological Association (AGA) per aiutare, in modo mini-invasivo, i pazienti con malattia di Crohn a monitorare e gestire la loro condizione.

Negli Stati Uniti viene dunque riconosciuta ufficialmente l'utilità e la necessità di test del sangue e delle feci per monitorare e valutare se la malattia è attiva o in remissione. Le nuove linee guida sono state pubblicate dalla rivista Gastroenterology e vengono oggi rilanciate da AMICI Italia, l’associazione che si occupa dei pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), di cui la malattia di Crohn fa parrte, e dei loro familiari.

“Accogliamo con grande entusiasmo la pubblicazione delle nuove linee guida dell’American Gastroenterological Association riguardo l’uso di biomarcatori nel monitoraggio della Malattia di Crohn - commenta Salvo Leone, Direttore Generale di AMICI Italia.

Questa svolta rappresenta un cambiamento significativo e positivo per i pazienti. Grazie a questi biomarcatori i medici possono monitorare più efficacemente lo stato di infiammazione, riducendo la necessità di endoscopie invasive e migliorando la gestione della malattia. Tuttavia, è nostro auspicio che i costi associati al test della calprotectina fecale, attualmente a carico dei pazienti in diverse regioni italiane, vengano rivisti. È fondamentale che tali esami siano accessibili anche in Italia a tutti i pazienti senza oneri aggiuntivi, in modo da garantire equità nell'accesso alle cure e nella gestione della malattia. Questo non solo comporta minori disagi per i pazienti, ma permette anche un controllo più stretto e tempestivo dei sintomi, garantendo a lungo termine una migliore qualità di vita”.

“Il dosaggio quantitativo della calprotectina fecale rappresenta una metodica non invasiva che correla in modo sensibile, specifico, e diretto con l’attività endoscopica delle MICI - conferma Flavio Caprioli segretario generale di IG-IBD, Italian Group for the study of Inflammatory bowel disease -. Nell’ultimo decennio, l’uso della calpotectina è diventato parte integrante della pratica clinica corrente nella gestione delle MICI visto il suo valore sia diagnostico che prognostico. La calprotectina fecale permette il monitoraggio non invasivo della malattia evitando in una ampia percentuale di casi il ricorso alla colonscopia, esame più invasivo, costoso e meno accettabile da parte del paziente. E’ utile inoltre nel monitoraggio pro-attivo delle MICI: poiché infatti il rialzo della calprotectina fecale precede la riacutizzazione clinica, sulla base dei valori di calprotectina fecale si può basare un eventuale adeguamento della terapia prima dell’occorrenza della riacutizzazione”.

La calprotectina fecale ha un ruolo centrale, inoltre, in una delle attuali possibili strategie di trattamento, denominata treat to target, delle MICI basate sull’ottimizzazione continua del trattamento in base alla rilevazione di parametri oggettivi (come la calprotectina fecale stessa) e alla valutazione continua del raggiungimento degli outcome di efficacia. “Queste considerazioni, associate alle recenti raccomandazioni relative all’utilizzo di questo biomarcatore pubblicate dall’American Gastroenterological Association, rendono assolutamente auspicabile l’inserimento della calprotectina fecale nell’elenco delle prestazioni esenti da compartecipazione della spesa sanitaria per tutti i pazienti affetti da MICI”, conclude Caprioli.

La malattia di Crohn è una delle forme prinicipali di MICI, caratterizzata da un’attivazione immunitaria cronica o recidivante nel tratto gastrointestinale. La risposta immunitaria continua, che si scatena contro l’intestino, a sua volta provoca una forte infiammazione. Anche se può colpire l’intero tratto gastrointestinale, nella maggior parte dei casi la malattia di Crohn interessa l’ultima parte dell’intestino tenue e il colon ed è caratterizzata principalmente da ulcere derivate dall’infiammazione. Se non trattate adeguatamente, queste possono portare a complicanze come stenosi o addirittura fistole che, in alcuni casi, richiedono l’intervento chirurgico . A seconda della localizzazione, i sintomi che si possono manifestare sono differenti e, per chi ne soffre, possono trasformarsi in condizioni altamente invalidanti. Si stima che in Italia riguardi ben 100mila persone.

Sulla base delle linee guida americane aggiornate, i biomarcatori non sono più considerati sperimentali e dovrebbero essere parte integrante della cura delle MICI.
I biomarcatori, infatti, forniscono maggiori informazioni sl processo patologico di base. Nel contesto delle MICI, biomarcatori come la proteina C-reattiva nel sangue e la calprotectina fecale nelle feci, possono misurare i livelli di infiammazione. Questi livelli possono aiutare i medici a valutare se la malattia di Crohn di un paziente è attiva o in remissione. AGA raccomanda l’uso di biomarcatori in aggiunta alla colonscopia e agli studi di imaging.