Malattia di Crohn, identificati alcuni predittori di risposta a ustekinumab 

Gastroenterologia

Un gruppo di ricercatori č stato in grado di identificare i predittori di risposta a ustekinumab nella malattia di Crohn, e successivamente inserire questi predittori in un modello di supporto alle decisioni che ha contribuito a prevedere sia il raggiungimento della remissione clinica che la rapiditą con cui i sintomi si sono ridotti. I risultati di questo lavoro sono stati presentati al congresso annuale dell' American College of Gastroenterology.

Un gruppo di ricercatori è stato in grado di identificare i predittori di risposta a ustekinumab nella malattia di Crohn, e successivamente inserire questi predittori in un modello di supporto alle decisioni che ha contribuito a prevedere sia il raggiungimento della remissione clinica che la rapidità con cui i sintomi si sono ridotti. I risultati di questo lavoro sono stati presentati al congresso annuale dell' American College of Gastroenterology.

"Diversi studi hanno guardato e identificato i potenziali predittori dei risultati del trattamento, ma l'approccio ottimale per integrare questi predittori e integrare la terapia nella pratica è incerto e sconosciuto," Parambir S. Dulai, MBBS, un gastroenterologo alla UC San Diego Health, ha detto durante la sua presentazione all'American College of Gastroenterology Annual Meeting. "Abbiamo voluto creare un modello di previsione facile da usare che è uno strumento di supporto per guidare l'uso di ustekinumab nella malattia di Crohn all'interno del paradigma attuale delle opzioni di trattamento".

La capacità di sviluppare uno strumento di supporto alla previsione e alla decisione è servito come risultato primario.
I risultati secondari includevano la possibilità che lo strumento di supporto alle decisioni cliniche potesse prevedere l'esposizione a ustekinumab, la rapidità di inizio dell'azione e la remissione endoscopica.

Lo studio ha arruolato 781 pazienti con malattia di Crohn trattati con ustekinumab durante le fasi di induzione e mantenimento dello studio UNITI. I pazienti sono stati inclusi nel trial se avevano ricevuto ustekinumab per via endovenosa durante la fase di induzione e per via sottocutanea durante la fase di mantenimento.

Non ci sono state restrizioni nel braccio dosatore e i pazienti non sono stati limitati in base al loro stato di risposta all'induzione.
I partecipanti esposti al placebo sono stati esclusi dallo studio. La remissione clinica alla settimana 16 è servita come end point primario di interesse.

La remissione clinica è stata definita come un punteggio CDAI inferiore a 150 come definito dallo studio primario.

Nell'analisi di derivazione, albumina al basale g/L (HR = 1.041; 95% CI, 1.019-1.063), nessuna precedente storia di fumo (HR = 1.233; 95% CI, 0.995-1.527), assenza di fistola drenante attiva (HR = 1.33; 95% CI, 0.906-1.952), assenza di precedenti interventi chirurgici intestinali (HR = 1.425; 95% CI, 1.14-1.781), e assenza di precedente esposizione all'anti TNF (HR = 1.591; 95% CI, 1.214-1.9), sono stati associati al raggiungimento della remissione clinica entro la 16a settimana di trattamento.

I tassi di remissione clinica alle settimane 3, 6, 8, 8 e 16 erano significativamente più alti nel gruppo ad alta probabilità rispetto ai gruppi a bassa e media probabilità. Il gruppo ad alta probabilità aveva una riduzione significativamente maggiore rispetto alla linea di base nel CDAI rispetto ai gruppi a probabilità intermedia e bassa alla settimana 8 (alta vs. intermedia, 94 vs. 54, P < 0.0001; alta vs. bassa, 94 vs. 40, P < 0,0001) e alla settimana 16 (alta vs. intermedia, 155 vs. 112, P < 0.0001; alta vs. bassa, 155 vs. 84, P < 0.0001).

"C'è stata un'associazione statisticamente significativa tra i gruppi di probabilità previsti, le esposizioni e l'efficacia", ha detto Dulai. "I pazienti del gruppo a bassa probabilità possedevano diverse caratteristiche che sono generalmente refrattarie alla maggior parte delle terapie mediche, quindi in questi pazienti potrebbe esserci una certa considerazione e date le basse concentrazioni di depressione ci sono alcune potenziali opportunità di ottimizzazione e noi stiamo sottoponendoci auna validazione esterna di questo in una pratica di routine attraverso il SUCCESS Consortium che è ora finalizzato e in fase di analisi".

“Questo è stato un interessante studio che ha esaminato un modello di previsione clinica per l'ustekinumab negli studi UNITI-1 e UNITI-2. I ricercatori miravano a determinare se il loro modello poteva prevedere quali pazienti avevano maggiori probabilità di rispondere all'ustekinumab. Ha dichiarato  Miguel Regueiro,    Chairman, Department of Gastroenterology, Hepatology and Nutrition, Cleveland Clinic.

I ricercatori hanno diviso il modello in quelli che avevano un'alta probabilità di risposta e quelli che avevano una bassa probabilità di risposta. Essenzialmente quello che presentavano un'albumina basale più alta, non fumare, non avere fistola, non aver subito un intervento chirurgico e non avere un anti-TNF precedente erano associati con una risposta più probabile.

Questo indica che l'uso di ustekinumab come terapia di prima linea per questi pazienti con malattia di Crohn che non erano stati su un biologico prima ed erano non fumatori, non avevano fistola, e solo la malattia infiammatoria luminale, ha avuto una risposta molto migliore rispetto a quelli che presentavano questi altri fattori di rischio.

Dulai PS, et al. Abstract 39. Presented at: American College of Gastroenterology Annual Meeting; Oct. 25-30, 2019; San Antonio.