Gastroenterologia ed epatologia

Malattia di Crohn, tassi elevati di remissione sia con ustekinumab che con adalimumab. Studio su Lancet

Nei pazienti na´ve ai biologici con malattia di Crohn da moderata a grave, sia ustekinumab che adalimumab hanno mostrato tassi elevati di remissione clinica nel corso di un anno di trattamento, secondo i risultati del trial SEAVUE pubblicati su Lancet.

Nei pazienti naïve ai biologici con malattia di Crohn da moderata a grave, sia ustekinumab che adalimumab hanno mostrato tassi elevati di remissione clinica nel corso di un anno di trattamento, secondo i risultati del trial SEAVUE pubblicati su Lancet.

«Anche se lo studio non ha dimostrato una superiore efficacia di ustekinumab rispetto ad adalimumab, entrambi gli agenti hanno consentito tassi sorprendentemente elevati di remissione clinica dopo 1 anno di trattamento in questa popolazione di pazienti naïve ai biologici» ha affermato Bruce Sands, responsabile della gastroenterologia presso il Mount Sinai Health System e autore principale dello studio. «Questa è un'informazione importante per i medici e sottolinea che il trattamento precoce con entrambe le classi di agenti, anticorpi anti-TNF o anticorpi anti-p40 IL-12/23, può essere molto efficace. I risultati dovrebbero essere contestualizzati con i profili di sicurezza noti dei due farmaci per guidare la scelta della terapia per ogni singolo paziente».

Lo studio SEAVUE
Sands e colleghi hanno condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli, di confronto attivo, di fase IIIb su 386 adulti con malattia di Crohn da moderata a grave provenienti da 121 ospedali o studi privati ​​in 18 paesi. I pazienti erano arruolabili se erano naïve alla terapia biologica, avevano un punteggio da 220 a 450 nel Crohn’s Disease Activity Index (CDAI), non rispondevano o erano intolleranti alla terapia convenzionale e presentavano almeno un'ulcera all'esame endoscopico al basale. L'endpoint primario era la remissione clinica (punteggio CDAI < 150) alla settimana 52.

I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere ustekinumab (n = 191; 6 mg/kg EV al giorno 0, quindi 90 mg per via sottocutanea ogni 8 settimane) o adalimumab (n = 195; 160 mg al giorno 0, 80 mg a 2 settimane, quindi 40 mg ogni 2 settimane per via sottocutanea) per 56 settimane. Hanno interrotto il trattamento 29 pazienti ustekinumab e 46 pazienti adalimumab prima della settimana 52.

Efficacia sovrapponibile con i due biologici
Dopo 52 settimane il 65% dei soggetti nel gruppo ustekinumab e il 61% nel gruppo adalimumab hanno raggiunto la remissione clinica, senza differenze significative tra i due trattamenti, quindi gli endpoint secondari di remissione senza corticosteroidi e risposta clinica erano nominali e ritenuti non significativi.

I profili di sicurezza sono stati in linea con quelli già noti per i due farmaci, con infezioni gravi riportate nel 2% dei pazienti sottoposti a ustekinumab e nel 3% di quelli trattati con adalimumab. Non sono stati segnalati decessi nel corso di 52 settimane.

«I nostri risultati suggeriscono che quasi i due terzi dei pazienti mai trattati con terapie biologiche e che hanno ricevuto ustekinumab o adalimumab, raggiungeranno e manterranno la remissione clinica senza aggiustamento della dose almeno fino a 1 anno» hanno concluso gli autori. «I risultati di questo studio supportano l'uso di agenti biologici sicuri ed efficaci nella malattia di Crohn da moderatamente a gravemente attiva all'inizio del suo decorso e rafforzano la necessità di studi diretti di confronto attivo per il trattamento della malattia infiammatoria intestinale, piuttosto che confronti indiretti».

«SEAVUE è il primo studio randomizzato e controllato che ha confrontato testa a testa adalimumab e ustekinumab per il trattamento della malattia di Crohn» ha commentato Miguel Regueiro del Digestive Disease and Surgery Institute
Presso la Cleveland Clinic. «È importante perché i tassi molto elevati di remissione ottenuti, circa due terzi, suggeriscono l’utilità del trattamento precoce dei pazienti con malattia di Crohn naïve ai biologici. È possibile che le differenze tra le terapie biologiche siano meno pronunciate se utilizzate all'inizio della malattia come terapia di prima linea.

Bibliografia

Sands BE et al. Ustekinumab versus adalimumab for induction and maintenance therapy in biologic-naive patients with moderately to severely active Crohn's disease: a multicentre, randomised, double-blind, parallel-group, phase 3b trial. Lancet. 2022 Jun 11;399(10342):2200-2211. 

Leggi