Gastroenterologia

Malattia di Crohn, trattare precocemente con biologici sia gli adulti che i bambini

Il trattamento con farmaci biologici è associato a risultati migliori nei pazienti, adulti e pediatrici, con malattia di Crohn se avviato precocemente. E' quanto riportano i risultati di uno studio pubblicato su Alimentary Pharmacology and Therapeutics.

Il trattamento con farmaci biologici è associato a risultati migliori nei pazienti, adulti e pediatrici, con malattia di Crohn se avviato precocemente. E’ quanto riportano i risultati di uno studio pubblicato su Alimentary Pharmacology and Therapeutics.

La malattia di Crohn (CD) è una malattia infiammatoria cronica, invalidante e progressiva del tratto gastrointestinale. L'infiammazione cronica è associata all'accumulo di danni ai tessuti che possono portare a complicazioni della malattia come stenosi, fistole e resezioni chirurgiche.

Circa la metà dei pazienti con CD sperimenta una complicazione della malattia che richiede un intervento chirurgico entro 10 anni dalla diagnosi.
Il paradigma terapeutico si è spostato verso un approccio treat to target in cui la guarigione endoscopica è fondamentale per migliorare i tassi di remissione e il rischio a lungo termine di complicanze.

Ryan C. Ungaro, della Icahn School of Medicine sul Monte Sinai, e colleghi hanno sottolineato nel lavoro che i farmaci biologici, nonostante la loro maggiore efficacia, vengono spesso usati temporalmente più avanti nel trattamento dei pazienti con malattia di Crohn (CD), dopo aver prima provato altre terapie come i corticosteroidi o le tiopurine.

"Vi è un crescente aumento di studi che suggeriscono che l'uso precoce dei farmaci biologici può migliorare i tassi di remissione e le complicanze della malattia", hanno evidenziato, aggiungendo: "Nonostante questi dati, i tassi di adozione precoce della terapia biologica sono piuttosto bassi nella pratica del mondo reale."

I ricercatori hanno cercato in letteratura studi e abstract di congressi che includevano pazienti che avevano iniziato la terapia biologica entro 2 anni dalla diagnosi di CD, o se era stato eseguito un confronto tra strategia top-down (precoce uso dei biologici) con la terapia step-up convenzionale.

I ricercatori hanno quindi eseguito una meta-analisi per confrontare i tassi di remissione clinica, recidiva e di guarigione endoscopica tra il trattamento biologico precoce e il trattamento tardivo/convenzionale.
Sono stati selezionati 47 studi su 18.471 pazienti che soddisfavano i loro criteri.

Nella loro analisi, Ungaro e colleghi hanno determinato che l'uso precoce dei farmaci biologici è associato a tassi più elevati di remissione clinica (OR=2,1; IC 95%, 1,69-2,6), tassi di ricaduta più bassi (OR=0,31; IC 95%, 0,14-0,68 ) e punteggi di guarigione della mucosa più alti (OR=2,37; IC 95%, 1,78-3,16) rispetto alla terapia convenzionale.

Lo studio ha considerato anche i pazienti pediatrici.
Cinque studi su pazienti pediatrici hanno riportato tassi di remissione clinica significativamente più elevati nei gruppi di trattamento precoce (62%-85%) rispetto al trattamento tardivo/convenzionale (45,5%-60,3%).
Tre studi hanno riportato tassi di ricaduta più bassi all'inizio (16,1% -23,1%) rispetto ai gruppi di trattamento tardivo/convenzionale (50,0% -61,5%).

Due piccoli studi hanno riportato tassi di guarigione della mucosa del 45% vs 32% e 65% vs 62% quando si confrontavano gruppi di trattamento precoce/ tardivo.
Due studi hanno riportato risultati chirurgici, uno ha mostrato tassi più bassi a 1 anno con i primi farmaci biologici rispetto ai primi immunosoppressori (2,94% vs 1,61%) e l'altro studio ha mostrato che il rischio a 10 anni per il primo intervento chirurgico all'intestino era del 26% .

Due studi hanno fornito evidenze per ridurre il rischio di complicanze penetranti con il trattamento biologico precoce, sebbene uno studio abbia dimostrato che il trattamento precoce potrebbe non ridurre il rischio di complicanze restrittive.

Crohn e altre malattie immunomediate
Una revisione che ha confrontato studi su CD precoce e artrite reumatoide (RA) suggerisce che il concetto di intervento precoce in altre malattie immunomediate come la RA è ben definito e che potrebbero esserci lezioni da imparare da altre malattie infiammatorie croniche. Questa revisione sistematica e la meta-analisi supporta i risultati e le ipotesi di molte altre review narrative e panoramiche.

In conclusione, come precisano gli autori del lavoro: “Nonostante queste prove, l'utilizzo reale dei farmaci biologici nel mondo è ancora basso nei primi pazienti con malattia da CD. È necessario educare i medici, i responsabili politici e le parti interessate a migliorare l'accesso e l'utilizzo dei farmaci biologici nelle prime patologie, specialmente per i pazienti con moderata su CD grave. Ulteriori studi dovrebbero continuare a fare luce sulla maggiore efficacia di un intervento precoce con un approccio treat to target/tight control rigoroso , su come influisce sui risultati a lungo termine e se i tassi di risposta migliorati con una durata della malattia più breve si applicano a tutte le classi di agenti biologici/target."

Ryan C Ungaro et al., Systematic review and meta‐analysis: efficacy and safety of early biologic treatment in adult and paediatric patients with Crohn’s disease

leggi