Malattia infiammatoria intestinale, la malattia si riattiva col concepimento

Gastroenterologia

Le donne con malattia infiammatoria intestinale che hanno la malattia attiva nei giorni del concepimento hanno un aumentato rischio di ricaduta durante la gravidanza. Questo è quanto deriva dai dati di uno studio prospettico pubblicato sulla rivista American Journal of Gastroenterology.
Gli autori dello studio hanno anche scoperto che le donne con colite ulcerosa hanno maggiore probabilità di ricadute durante la gravidanza rispetto alle donne con malattia di Crohn.

Le donne con malattia infiammatoria intestinale che hanno la malattia attiva nei giorni del concepimento hanno un aumentato rischio di ricaduta durante la gravidanza. Questo è quanto deriva dai dati di uno studio prospettico pubblicato sulla rivista American Journal of Gastroenterology.
Gli autori dello studio hanno anche scoperto che le donne con colite ulcerosa hanno maggiore probabilità di ricadute durante la gravidanza rispetto alle donne con malattia di Crohn.
"I risultati degli effetti della malattia attiva sulla nascita sono stati riportati in precedenza, anche se questi risultati non sembrano rappresentativi nell’epoca dei farmaci biologici", hanno precisato nel lavoro i ricercatori dell’ Erasmus MC-University Medical Center di Rotterdam, nei Paesi Bassi. "Inoltre, la natura retrospettiva di questi studi rende difficile determinare in che modo questi pazienti in stato di gravidanza siano stati trattati per la loro riacutizzazione della malattia."
Pertanto, i ricercatori hanno studiato in modo prospettico l'effetto dell’ IBD attiva sulla ricaduta durante gravidanza e nascita in una coorte di donne trattate con i nuovi trattamenti per le malattie infiammatorie intestinali.
In particolare, tra il 2008 e il 2014 sono state seguite 229 donne (157 Crohn’s disease (CD), 66 ulcerative colitis (UC), and 6 IBD unclassified)con malattia infiammatoria intestinale. In totale sono state contate 298 gravidanze e 226 feti nati vivi.
I ricercatori hanno misurato l'attività di malattia ad ogni visita e valutato i risultati registrati alla nascita dalle ostetriche. La maggior parte dei pazienti sono stati invitati a continuare in trattamento per le IBD durante la gravidanza e il 93% ha effettivamente aderito al trattamento.
L’attività della malattia “periconcezionale” è stata definita come malattia attiva in qualsiasi momento, da 8 settimane prima del concepimento fino alle prime 2 settimane di gravidanza.
Nel complesso, il 16,4% dei pazienti sono stati studiati mentre avevano la malattia attiva, il 29,7% aveva malattia attiva durante la gravidanza, e il 12,8% hanno avuto una ricaduta della malattia entro 3 mesi dal parto.
Dopo aggiustamento per età materna e abitudine al fumo, i ricercatori hanno osservato una forte associazione tra la malattia attiva nei giorni vicini al concepimento e le recidive di malattia, sia l'attività persistente che i flares, durante la gravidanza (OR aggiustato=7.66; 95% CI, 3,77-15,54).
Hanno anche scoperto che, indipendentemente dall’attività di malattia nei giorni vicini al concezione anche età, fumo, storia di un intervento chirurgico per IBD, uso di farmaci immunosoppressivi o di anti-TNF, nelle donne con colite ulcerosa (n=66) aumentavano la probabilità di recidiva durante la gravidanza rispetto alle donne con malattia di Crohn (n=157; aOR=3,71; 95% CI, 1,86-7,4).
Non sono state, invece, osservate associazioni significative tra ricadute di IBD e risultati negativi come aborto spontaneo, basso peso alla nascita o nascita pretermine.
In conclusione, i ricercatori hanno sottolineato che tutte le donne con IBD devono essere strettamente monitorate durante la gravidanza, ma i medici possono essere più cauti nel" donne con colite ulcerosa, i ricercatori hanno concluso. "I risultati riguardo la nascita, in questa coorte, sono stati più rassicuranti rispetto a studi precedenti e sottolineano che rigorosi follow-up di donne con IBD durante la gravidanza andrà a beneficio madre e figlio.
EV


de Lima-Karagiannis A. et al. The Effects of Active IBD During Pregnancy in the Era of Novel IBD Therapies. Am J Gastroenterol. 2016 Jun 28. doi: 10.1038/ajg.2016.254.
leggi